BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In diecimila per Bozzetto. Ora arriva l’Ottocento

Si ?? chiusa con un bilancio di circa 10 mila visitatori la mostra, ???Dal Bozzetto al Pixel???. Il prossimo appuntamento promosso da Via Tasso sar?? con l???arte e i dipinti della collezione di Fondazione Cariplo, in occasione della mostra ???Ottocento tra realt?? e sogno. Il lungo secolo della pittura lombarda e italiana???, dal 28 novembre al 22 febbraio 2009.

Si è chiusa con un bilancio di circa 10 mila visitatori la mostra allestita nello Spazio Viterbi del Palazzo Provinciale, “Dal Bozzetto al Pixel” che ha aperto i battenti il 19 settembre scorso.
Il viaggio nel mondo poetico di Bruno Bozzetto, dell’animazione e dell’umorismo, inserita nel programma di Bergamo Scienza 2008 dal 5 al 19 ottobre con la presenza di laboratori sull’arte e l’animazione digitale, ha fatto registrare, un record di visite e consensi, dal mondo della scuola, appassionati e gente comune. La mostra ha reso omaggio alla produzione di Bruno Bozzetto, dagli inizi fino ad arrivare alle più recenti tecniche d’animazione su computer e tecnologie 2D e 3D, senza dimenticare i lavori girati dal cartoonist bergamasco per la Provincia e legati al progetto per uno sport migliore ("Sport o Spork?" e "Baby Scanner"), la legalità (La legge sono io) e il recentissimo “Armi su strada” per la sicurezza stradale.
Dopo il successo di Bozzetto, il prossimo appuntamento nello Spazio Viterbi della Provincia sarà con l’arte e i dipinti della collezione di Fondazione Cariplo, in occasione della mostra “Ottocento tra realtà e sogno. Il lungo secolo della pittura lombarda e italiana”, in programma dal 28 novembre al 22 febbraio 2009.
La mostra presenta il lungo secolo della pittura lombarda e italiana dell’Ottocento attraverso l’esposizione di 62 dipinti di proprietà della Fondazione Cariplo. La mostra, curata da un comitato scientifico composto da Fernando Noris, Giovanni Valagussa, Sergio Rebora, Lucia Molino e Mario Romano Negri, intende proporre un itinerario, che, dalla pittura del vero degli inizi del sec. XIX giunge sino alle raffinate soluzioni del simbolismo, come immediato precedente della rivoluzione delle avanguardie storiche, che si sarebbe svolta tra il 1904 e il 1914.
La mostra, promossa dalla Provincia di Bergamo è rivolta, oltre che a studiosi e estimatori della pittura italiana dell’Ottocento, al mondo della Scuola, delle Associazioni, delle Istituzioni e dei gruppi organizzati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.