BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riprendono a lavorare tutti i dipendenti Perplessità dai sindacati

Le quattro divisioni, cartotecnica, cartiera, spirali e buste nelle ultime settimane hanno ricevuto ordini che richiedono il lavoro di tutte le maestranze di Alzano Lombardo e di Tolmezzo e riprenderanno la produzione a pieno regime da lunedì 24 novembre.

Più informazioni su

Le Cartiere Paolo Pigna di Alzano Lombardo hanno annunciato che riprenderanno la produzione a pieno regime a partire da lunedì 24 novembre. Domenica 23 scade infatti la cassa integrazione ordinaria che interessava meno di 100 lavoratori su un totale di circa 350, e che dura da 10 settimane per circa 50 persone e da una settimana per altri 50 dipendenti. Le quattro divisioni, cartotecnica, cartiera, spirali e buste, nelle ultime settimane infatti hanno ricevuto ordini che richiedono il lavoro di tutte le maestranze di Alzano Lombardo e di Tolmezzo dove si trova la Divisione Buste. L’azienda in una nota ha fatto sapere che: “In questo periodo di gravissima crisi internazionale e di piena recessione della Val Seriana e della Bergamasca, siamo riusciti a limitare al minimo gli interventi di contrazione delle ore lavorate. E’ quindi una grande soddisfazione poter richiamare tutti i dipendenti al lavoro, ma restano i problemi della divisione cartiera che soffre la concorrenza dei paesi emergenti. Pigna rimane infatti una delle poche cartiere ancora funzionanti in Italia e siamo consapevoli di dover al più presto ricercare soluzioni industriali che non compromettano il risanamento di tutte le altre divisioni già in corso nel corrente esercizio". Dal canto loro i sindacati hanno fatto sapere che, nonostante tutti i dipendenti siano stati richiamati al lavoro, non escludono che l’azienda ricorra nuovamente alla cassa integrazione, perché si tratta di vedere come sarà gestito il periodo da qui a fine anno, considerando che, stando ai sindacati, la Pigna deve fare i conti con un calo di ordini. 
Nel frattempo le segreterie territoriali di Fistel-Cisl, Slc-Cgil e Uilcom-Uil insieme alle Rsu, martedì 11 novembre ad Alzano Lombardo hanno distribuito un volantino che esprimeva forti preoccupazioni sulla situazione. "L’azienda non dà indicazioni certe sulle prospettive future – si legge nel volantino -dichiarando “che la fabbricazione carta non è più strategica nella valorizzazione del marchio Pigna e che anche nel 2008 la Divisione fabbricazione carta continua ad avere perdite economiche significative che penalizzano il conto economico Pigna e che tale situazione rischia di pregiudicare anche il futuro delle altre divisioni”. E le rappresentanze sindacali chiedono un incontro urgente con il presidente del consiglio di amministrazione Giorgio Jannone e all’amministrazione comunale di Alzano Lombardo scelte urbanistiche che favoriscano il mantenimento sul territorio dell’attività della Cartiera Paolo Pigna.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.