BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Reproscan si arrende: a Rivoli perde 19-15

I bergamaschi perdono per soli quattro punti: male il primo tempo, non basta la reazione d'orgoglio nella ripresa. Il bilancio della domenica è salvato dal vivaio con le vittorie dell'Under 15 e delle altre giovanili.

Più informazioni su

La sconfitta sta tutta nei primi quattro minuti. Potrebbe essere questa la sintesi della partita che ha visto la Rugby Bergamo perdere in casa del Rivoli per 15 a 19. Al primo minuto di gioco Francesco Fragalà viene ammonito per placcaggio alto e dopo tre minuti gli fa compagnia anche Daniele Pezzoli per il medesimo fallo. In inferiorità numerica la Reproscan cerca di contenere gli avversari e, nonostante un esiguo vantaggio iniziale con un calcio piazzato firmato da Massimo Guariglia, i bergamaschi non riescono ad arginare l’attacco torinese. È in questi frangenti che l’Admo Rugby Rivoli segna sul tabellino tre mete, di cui due trasformate, che determineranno l’esito dell’incontro. Un avvio problematico che i XV del Bergamo pagheranno per tutto il resto del primo tempo, nonostante un timido riscatto fatto segnare da una meta della Reproscan siglata da Fabio Ambrosi e non trasformata da Fragalà, in chiara giornata da dimenticare per il tre quarti bergamasco.
Si chiude la prima frazione di gioco sul 19-8 per i padroni di casa, ma è nell’avvio del secondo tempo i ragazzi di Paolo Rivola cambiano registro e diventano padroni della metà campo avversaria. Daniele Pezzoli, per tutti Pempe, si fa perdonare il giallo di inizio partita con una splendida meta trasformata da Massimo Guariglia e, quando la partita sembra ormai destinata a chiudersi con una inesorabile rimonta dei giallorossi bergamaschi, ecco due calci piazzati che non entrano tra i pali dei piemontesi. Al triplice fischio dell’arbitro il punteggio è di 19 a 15 per il Rivoli con un punticino in classifica per la Reproscan, grazie alla differenza punti (inferiore a 7) nel risultato finale.
Nella prima parte della partita abbiamo messo una pressione insufficiente e siamo stati poco determinati – ha commentato l’allenatore Paolo Rivola – anche se i due cartellini gialli ci hanno palesemente penalizzato, e forse in quei minuti avremmo dovuto essere più incisivi nei placcaggi”. Se il coach non accampa scuse sulla qualità del gioco bergamasco nel primo tempo, è altrettanto onesto nel giudizio della seconda frazione di gioco: “Siamo stati decisamente superiori giocando oltre il 90% del tempo nella loro metà campo, ma questo non è servito”. Lapidario il commento finale: “Oggi avremmo dovuto essere più cinici e freddi nelle fasi di attacco”.
Una partita tra luci e ombre che servirà come punto di partenza per il lavoro che aspetta i ragazzi della Reproscan negli allenamenti settimanali in vista di un altro match importante, quello contro il Pavia tra sette giorni allo Sghirlanzoni di Bergamo.
Impegnata anche la formazione dei “serpenti”, la seconda squadra della Reproscan, che è stata sconfitta per 27-0 in casa del Monza.
È andata meglio alle formazioni del settore “giovanile” della Rugby Bergamo 1950 con la vittoria di sabato della Under 15 contro il Pavia per 30 a zero. Entrambe le compagini si presentano rimaneggiate: gli orobici con un paio di assenze in prima linea ed all’ala e gli ospiti praticamente senza panchina possono contare solo sui 15 di partenza. Partita equilibrata fino alla prima meta del Bergamo intorno al 15′ del primo tempo poi gli orobici si impadroniscono del campo e costringono il Pavia ad una onorevole quanto tenace difesa. I ragazzi di coach Bascetta giocano con la cosa gli riesce meglio, la mischia, conquistando pallone su pallone. Il 30-0 non lascia dubbi: merito del duro lavoro fatto dagli avanti tra cui spiccano le prestazioni dei flanker Parisini e Rota e del numero 8 Minicuci autore anche di una meta. Altrettanto netto il risultato della Under 20 di oggi allo Sghirlanzoni che ha sconfitto il Valle Camonica per 53 a 7.
Continua il ruolino di marcia del comparto “propaganda” bergamasco che ha visto quest’oggi sbancare letteralmente il Centro Sportivo Saini di Milano nella 27° edizione del Trofeo Union: i ragazzi dell’Under 11 e Under 13 hanno vinto tutte e cinque le partite del torneo conquistando la vittoria, e bene ha fatto anche la categoria Under 9 con un terzo posto. Un risultato che premia lo straordinario lavoro impostato dai tecnici bergamaschi nel rugby junior. Chissà, qualcuno potrebbe dire “piccoli rugbisti orobici crescono”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.