BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Garics va in tilt, disastro in difesa

Nerazzurir deludenti: si salva solo Floccari. Vieri gioca venti minuti e fa subito sentire la sua presenza. Cerci parte bene poi si sgonfia. Male Pellegrino e Capelli.

Più informazioni su

Coppola 5.5: si fa sorprendere dal tiro di Melo, poi chiude due volte su Gilardino. Ma la frittata l’aveva già fatta.
Garics 4.5 la sua peggior partita in nerazzurro. Jovetic lo fa a fettine. (1′ st Pellegrino 5: sui lanci da dietro sembra imbalsamato: Gilardino schizza via che è un piacere)
Rivalta 6: uno dei pochi a salvarsi, cerca di tenere in piedi come può la scassata difesa nerazzurra.
Capelli 5: si fa saltare sul gol del raddoppio e nella ripresa stende il tappeto rosso ogni volta che Gilardino scatta. Non ci siamo.
Bellini 5.5: più positivo in fase di spinta che di contenimento, concede troppo a Semioli.
Ferreira Pinto 5: indolente e indisponente come nelle sue peggiori giornate, non si accende mai. (18′ st Vieri 6: Bobo c’è e si vede. Non solo per la stazza, ma anche per la capacità di far salire la squadra e mettere paura alle difese altrui. Servirà.)
De Ascentis 5: non regge il ritmo della Fiorentina, Del Neri lo toglie dopo 45 minuti.  (1′ st Bonaventura 5: ancora acerbo, lascia traccia solo sul taccuino degli ammoniti)
Guarente 5: impreciso e poco battagliero, si risveglia nel finale. Troppo tardi. Ammonito per incaute proteste, salterà il Napoli.
Padoin 5: come spesso gli accade fuori casa, è troppo molle per essere vero. Si vede solo quando conquista il rigore.
Cerci 5.5: parte bene, il talentino. Scatti e dribbling per costringere i viola sulla difensiva. Ma sparisce quando il fiato cala e la fatica aumenta.
Floccari 6: il migliore insieme a Rivalta, ci prova fino alla fine e ogni volta che tocca palla mette in difficoltà i viola. Segna il rigore, ma forse avrebbe potuto sfruttare meglio due occasioni di testa.
Del Neri 5: poteva inventarsi ben poco, viste le assenze. Ma se l’Atalanta non lotta la colpa è anche sua:  l’impressione è che manchi la rabbia. Va bene l’attenzione al gioco, ma per salvarsi servirà anche e soprattutto la grinta. Quella sbattuta in faccia al Milan, per intendersi, e mai più vista.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.