BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ricettazione d’auto, arrestato il padre di Roberto Locatelli

C’è anche Carlo Locatelli – padre di Roberto, campione bergamasco di motociclismo - tra le persone arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Savona all’alba del 7 novembre nell'ambito della maxi inchiesta “Ali babà e i quaranta ladroni” sul traffico internazionale di auto di lusso rubate in Italia e rivendute all'estero. Il padre del campione era già noto alle forze dell'ordine.

Più informazioni su

C’è anche Carlo Locatelli – padre di Roberto, campione bergamasco di motociclismo, di Carvico – tra le persone arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Savona all’alba del 7 novembre nell’ambito della maxi inchiesta “Ali babà e i quaranta ladroni” sul traffico internazionale di auto di lusso rubate in Italia e rivendute in diversi Stati dell’Unione Europea e dell’Europa dell’Est, tra cui Romania e Russia.
Carlo Locatelli, secondo gli inquirenti, aveva un ruolo tutt’altro che marginale nell’organizzazione che era composta da meccanici, elettrauto, titolari di autodemolizioni. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Alassio erano partite nel settembre del 2006 quando erano state rubate due auto di grossa cilindrata, un’Audi e una Bmw, custodite nel parcheggio di un albergo di Alassio. I militari hanno quindi scoperto, passo dopo passo, che l’organizzazione aveva ramificazioni in Lombardia, Emilia, Liguria e Puglia e in vari Stati europei.
L’accusa principale per gli indagati è ricettazione e non è un’accusa nuova per Carlo Locatelli. A luglio del 2008 era stato sorpreso dai carabinieri a bordo di un furgone rubato e aveva cercato di fugire, prima con il veicolo e poi a piedi, in mezzo ai campi. Durante una successiva perquisizione domiciliare i carabinieri avevano trovato arnesi per rubare auto di grossa cilindrata e anche alcuni strumenti in grado di interferire con i sistemi satellitari installati sulle auto, che spesso spingono i ladri ad abbandonare i tentativi di furto. Già nel 2007 era stato denunciato per furto e ricettazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.