BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Promatech: accordo sulla cigs per 250 persone

Sì alla richiesta di cassa integrazione straordinaria di un anno, dal 22 dicembre 2008 al 21 dicembre 2009, per 250 dipendenti Promatech e al prolungamento della cassa ordinaria per i 190 lavoratori della First. I sindacati: "Chiediamo una verifica della situazione".

Più informazioni su

Richiesta di cassa integrazione straordinaria di un anno, dal 22 dicembre 2008 al 21 dicembre 2009, per 250 dipendenti Promatech (su un totale di 728) e prolungamento della cassa ordinaria per i 190 lavoratori della First. E’ quanto prevede l’accordo siglato venerdì 7 dicembre alla sede di Confindustria Bergamo fra gruppo Itema e sindacati, in vista della riorganizzazione del gruppo bergamasco. Riorganizzazione che fra l’altro prevede la fusione di First in Promatech entro fine anno: non più il 15 dicembre, però, come annunciato, ma il 22, fatto che comporta un prolungamento della cig per i dipendenti della First questo mese in cassa per quattro settimane. La richiesta di cassa straordinaria per i lavoratori della Promatech, invece, potrebbe essere estesa fino a 410 persone se l’azienda dovesse attraversare nuovi momenti di difficoltà. La cigs prevede però anche il vincolo di promuovere la formazione per il 30% dei dipendenti in cassa per potenziare la loro professionalità, tramite i finanziamenti erogati da Fondimpresa, il fondo interprofessionale per la formazione continua nelle aziende. I sindacati hanno poi chiesto un percorso di armonizzazione dei trattamenti fra i lavoratori, perché non ci siano disparità fra il personale di Promatech e quello di First ad accorpamento avvenuto (la First ad oggi occupa 150 dipendenti a Ponte Nossa, stabilimento dove si producono componenti per telai che verrà chiuso entro fine anno e i lavoratori trasferiti nelle sedi della Promatech di Casnigo e Colzate; e altri 50 a Vilminore di Scalve). Ottenendo dall’azienda gli incentivi alla mobilità per gli esuberi previsti, 65 in First e quelli già annunciati in Promatech, una quarantina circa. Positivo il parere delle organizzazioni sindacali che si riservano però di “chiedere all’azienda l’impegno per i primi mesi dell’anno a fornire dettagli sulla situazione, considerando le variabili che in questo momento vengono dal mercato”, hanno detto Severino Masserini della Fiom-Cgil e Claudio Betelli della Uilm-Uil.   

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.