BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pellegrino alza la diga “Gilardino non ci fa paura”

L'argentino sostituirà il connazionale Talamonti, ko come l'altro titolare Manfredini. L'attacco della Fiorentina non lo preoccupa: "Davanti hanno tanti buoni giocatori, ma non dimentichiamoci che avremmo potuto battere il Milan... Ho avuto problemi fisici, ma ora sono in piena forma. Vieri? Le sue motivazioni ci saranno d'aiuto". Cerci migliora: ci sarà. Mutu dà forfait. Montolivo: "Per me è una sfida particolare"

Più informazioni su

Nell’Atalanta del turnover obbligato, tra squalifiche e infortuni, prima o poi le luci della ribalta si accendono per tutti. Da rincalzi a protagonisti in campo il passo non è poi così lungo, e domenica a Firenze la difesa si presenterà in piena emergenza: la coppia centrale Manfredini-Talamonti è out. A metterci una pezza saranno quasi certamente Daniele Capelli e Maximiliano Pellegrino. Ai viola mancherà Mutu, uscito malconcio dalla sfida con il Bayern. Ma anche senza il romeno, per i nerazzurri sarà dura uscire indenni dal Franchi.
"Sono in forma" – Pellegrino, di fatto titolare la scorsa stagione (26 presenze e 1 gol) proprio per sopperire alla prolungata indisponibilità di Talamonti, dopo i guai fisici dell’estate è pronto a far pesare tutti i suoi 189 centimetri davanti a Coppola. Ma il ventottenne di Leones, cresciuto nel Velez Sarsfield, nonostante l’assenza di alternative non si sente sicuro del posto nell’undici di partenza: “Io aspetto le decisioni del mister, non so ancora se giocherò – esordisce -. Mi sto allenando duramente come tutti i compagni, cercando di raggiungere la condizione migliore. Fino a settembre ho avuto problemi alle spalle e ho dovuto lavorare a parte: non mi sono divertito, ma ne ho approfittato per tornare in piena forma. Quando si gioca poco come me, il rischio è di non ritrovare più il ritmo partita nelle gambe”.
L’ostentata imperturbabilità di Pellegrino non viene scalfita nemmeno quando gli si sollecita un giudizio sull’ostico impegno di domenica. “La Fiorentina? Ottima squadra con grandi giocatori – osserva senza scomporsi -. C’è molta qualità in generale, più Gilardino là davanti. Andiamo a casa loro privi di qualche titolare, ma se entriamo in campo fiduciosi possiamo fare una buona partita. E’ chiaro che tornare alla vittoria in trasferta sarebbe utile per il morale. Veniamo da un periodo così così, ma non dobbiamo dimenticarci che con il Milan avremmo potuto vincere”.
Bobo Vieri è l’ex di lusso proposto dal menù di giornata. Il centravanti, che dopo il faticoso recupero dai ben noti acciacchi potrebbe essere impiegato nella ripresa magari accanto a Floccari (Doni e Valdes sono squalificati), ha passato l’intera settimana a dribblare la curiosità dei cronisti. E il diplomatico Pellegrino, chiamato a dire la sua, non si sbilancia: “Le scelte non spettano a noi giocatori. Le motivazioni di Christian, che torna a Firenze un anno dopo, potrebbero esserci d’aiuto. Ma io non so se ci sarà dall’inizio o andrà in panchina”. Un’ultima battuta, quasi doverosa: “Maradona alla guida della Selecciòn? Ha tanta esperienza e tutti sono contenti di essere allenati da lui. La nazione si aspetta molto da Diego: vedremo cosa riuscirà a fare”. Stop alle parole: per l’argentino meno caliente della storia del futebol è ora di ritornare sul terreno verde di Zingonia. Lavorando sodo per produrre fatti, ben più eloquenti delle chiacchiere da sala stampa.
Cerci ci sarà – E’ rientrato l’allarme per il ginocchio di Alessio Cerci: la risonanza magnetica non ha evidenziato patologie. L’ex romanista sarà convocato per Firenze, dove potrebbe debuttare da titolare se l’articolazione non gli darà altri fastidi. In alternativa Del Neri pensa a Marconi. Se Cerci giocherà a sinistra, il modulo utilizzato sarà il 4-5-1, con Padoin, De Ascentis e Guarente pacchetto centrale. Ecco la probabile formazione: Coppola, Garics, Pellegrino, Capelli, Bellini, F.Pinto, De Ascentis, Guarente, Padoin, Cerci, Floccari. 
Montolivo ex di lusso – "Per me è sempre una partita particolare, ma dobbiamo vincerla, perchè vale quattro punti, non tre. Mancherà Mutu, e sarà un’assenza pesante, ma non siamo dipendenti da un solo giocatore e ne abbiamo tanti che hanno dimostrato di poter far bene" spiega Riccardo Montolivo, talento sbocciato sul prato di Zingonia. L’ex nerazzurro si prepara a salutare Bobo Vieri, che l’anno scorso giocava sull’altro fronte: "Torna Bobo? Certamente lo saluteremo e speriamo che non ci faccia scherzi".

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.