BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla Mvb si tratta sul quarto contratto di solidariet??

I sindacati puntano a un quarto contratto di solidariet??, vincolato all???impegno di trovare entro fine anno un cospicuo numero di dipendenti disposti ad accettare il part-time. Altrimenti resta la strada della cassa integrazione in deroga. Mercoled?? 12 si svolger?? l'assemblea con i lavoratori.

Più informazioni su

Sono due le strade che percorreranno i sindacati con la Mvb-Manifattura di Valle Brembana di Zogno per far fronte alla procedura di mobilità aperta pochi giorni fa dall’azienda per 241 dipendenti. La prima sarà la richiesta di un quarto contratto di solidarietà, a partire dal prossimo 9 gennaio (il terzo contratto, che ad oggi interessa 216 lavoratori, scade l’8 gennaio, e prevede il ricollocamento della metà delle persone coinvolte), vincolato all’impegno di trovare entro fine anno un cospicuo numero di dipendenti disposti ad accettare il part-time (le Rsu stanno verificando proprio in questi giorni la disponibilità dei dipendenti). Altrimenti si prospetta la possibilità della cassa integrazione in deroga per il 2009 per i lavoratori in esubero, in attesa del decreto che ne disciplini le regole. Un percorso giudicato positivo dai sindacati considerata la situazione di difficoltà dell’azienda, “perché si è dimostrata disponibile a cercare soluzioni alternative alla mobilità”, ha detto Pietro Allieri della Filtea-Cgil. E’ dello stesso parere Raffaele Salvatoni della Femca-Cisl, che sottolinea l’importanza di “portare a casa un ammortizzatore sociale in questo momento di difficoltà della Mvb”. Nel frattempo mercoledì 12 novembre si terrà l’assemblea con i lavoratori e il 19 si svolgerà il prossimo incontro fra azienda e sindacati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.