BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Varate due ordinanze anti occupazione di immobili dismessi

I provvedimenti, che sono stati comunicati preventivamente al Prefetto Camilla Andreana, sono relativi all’immobile ex azienda ISM srl in via Ponte Pietra e all’ ex azienda “Cortinovis” in via per Zanica 87. Il sindaco ha firmato due ordinanze “atte a contrastare l’occupazione abusiva di aree dismesse”.

Più informazioni su

Tornano le ordinanze. Come promesso dal Polizia locale, sindaco ed assessore alla Sicurezza nelle ultime settimane sono state analizzate situazioni di particolari criticità e si è intervenuto di conseguenza. Il sindaco Roberto Bruni ha infatti firmato due ordinanze “atte a contrastare l’occupazione abusiva di aree ed edifici, pubblici e privati dismessi”. I provvedimenti, che sono stati comunicati preventivamente al Prefetto Camilla Andreana, sono relativi all’immobile ex azienda Ismes srl in via Ponte Pietra e all’ ex azienda “Cortinovis” in via per Zanica 87.
Come si legge in premessa nel testo, le ordinanze sono state emesse per diversi motivi: “ogni situazione di degrado, incuria ed abbandono di immobili favorisce l’insorgere di fenomeni di illegalità ed aumenta la sensazione di insicurezza degli abitanti di un determinato quartiere; le segnalazioni da parte di cittadini relative alla presenza, in alcuni immobili abbandonati, di gruppi di soggetti che ivi stazionano per lunghi periodi recando disagio, originando situazioni di degrado, anti-igienicità e conseguente scadimento della qualità urbana; al fine di prevenire e contrastare casi di incuria, degrado e occupazione abusiva di aree ed immobili privati, tali da favorire situazioni che pregiudicano l’incolumità, l’igiene pubblica nonché la sicurezza urbana, quali lo spaccio di stupefacenti, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio con l’impiego di minori e disabili e i fenomeni di violenza legati anche all’abuso di alcol”.
Ai proprietari degli immobili si ordina, entro 30 giorni dalla notifica “la rimozione dei rifiuti, delle sterpaglie e di ogni manufatto e/o veicolo eventualmente introdotto nell’edificio e nell’area di pertinenza ai fini dell’abusivo insediamento; la recinzione e/o l’ inibizione dell’accesso alle aree e agli edifici interessati, nonché il mantenimento delle idonee misure adottate”.
La violazione della presente ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 75 ad 500 euro con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento in misura ridotta della somma di 300 euro con l’obbligo della messa in sicurezza dell’immobile. Nel caso di non ottemperanza alla messa in sicurezza, si procederà d’ufficio con addebito dei costi sostenuti a carico dei proprietari.
Analoghi provvedimenti potranno essere emessi nel caso in cui vengano documentate altre situazioni di degrado urbano per le quali sono in corso attenti monitoraggi da parte della Polizia Locale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iva

    Pol.sco. cerca di NON strumentalizzare ogni cosa, almeno provaci, ce la puoi fare!

  2. Scritto da iva

    Cerchiamo di strumentalizzare ogni cosa.

  3. Scritto da tamtam

    e chiuderli dentro?

  4. Scritto da RITA

    ..SI OCCUPASSERO ANCHE DI VIA mAGRINI LA EX MENSA è PIENA DI TOSSICI ED EXTRA COMUNITARI.
    SE IL COMUNE OBBLIGASSE LE FS A ROMUOVERE IL RIMORCHIO CHE FA DA PARAVENTO AI DROGATI FORSE SAREBBE UN PASSO AVANTI.
    I DROGATI SI BUCANO SUI MARCIAPIEDI IN VIA MAGRINI E ALLOGGIANO NEL VANO DELL’ENEL DEL NUOVO AONDOMINIO

  5. Scritto da Pol.sco.

    Ed ora il Pacì Paciana