BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tutti in coda, si rischiano ritardi

E' election day. Barack Obama e John McCain sono finalmente alla prova delle urne: dopo la pi?? combattuta campagna elettorale della storia, gli americani scelgono il nuovo inquilino della Casa Bianca. E' attesa un'affluenza record: 130 milioni di cittadini, che sceglieranno il successore di George W. Bush.

Più informazioni su

E’ election day. Barack Obama e John McCain sono finalmente alla prova delle urne: dopo la più combattuta campagna elettorale della storia, gli americani scelgono il nuovo inquilino della Casa Bianca. E’ attesa un’affluenza record: 130 milioni di cittadini, che sceglieranno il successore di George W. Bush. In effetti si sono registrate le prime code: a Norfolk in Virginia, gli elettori si sono messi pazientemente in fila sotto la pioggia fin dalle 4,30 del mattino, a seggi ancora chiusi. Proprio in Virginia, nella capitale Richmond, oltre 700 macchine elettorali si sono rotte fermando in alcuni seggi le operazioni di voto e costringendo a usare schede cartacee.   
Ma le code crescono in molti Stati. E così cresce l’allarme su eventuali ritardi.
Il primissimo appuntamento con le urne è stato quello dei residenti di due minuscole cittadine del New Hampshire. A mezzanotte esatta (peculiarità ormai storica per i 75 abitanti) gli elettori di Dixville Notch hanno votato 15-6 a favore di Barack Obama. Un voto, questo, che assume una valenza tutta particolare perché la piccola città ha sempre votato il partito repubblicano dal 1968. Anche Hart’s Location ha espresso il suo voto a mezzanotte: 42 residenti, 17 voti a Obama e 10 a McCain.
Barack Obama ha votato nel suo seggio, una scuola elementare di Chicago, accompagnato dalla moglie Michelle e dalle figlie. Poi è partito per l’Indiana per l’ultimo appuntamento della campagna elettorale.

Il candidato repubblicano John McCain ha votato a Phoenix, in Arizona, accompagnato dalla moglie Cindy.
Il presidente George W. Bush è rimasto alla Casa Bianca oggi, in attesa del risultato del voto, continuando a evitare di comparire in pubblico.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.