BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Soldi all’estero subito, ?? boom Affari per 40 milioni in una sola agenzia

Il money transfer, tramite realt?? come la Western Union, prolifera in citt??: aperte pi?? di 50 agenzie in negozi, phone center, e uffici postali. Ciascun esercizio ?? in grado di effettuare 20 mila trasferimenti di denaro all'anno, per un giro d'affari di 40 milioni di euro. Il rischio ?? il riclaggio di denaro sporco e la Guardia di Finanza effettua controlli: "Regole pi?? rigide a partire da fine 2007"

Più informazioni su

E’ un giro d’affari in continua crescita anche a Bergamo quello delle agenzie di money transfer, ovvero dei negozi di qualsiasi tipo che si associano a note compagnie internazionali come la Western Union e sono in grado di far arrivare soldi in oltre 200 paesi del mondo nel giro di 24 ore. Le agenzie proliferano nei tabaccai, nelle edicole, nei phone center gestiti nella maggior parte dei casi da immigrati. E crescono i controlli della Guardia di finanza e delle forze di polizia: il rischio è che certi trasferimenti possano nascondere, almeno in parte, tentativi di riciclaggio di denaro sporco o di finanziamento di attività terroristiche in altri Paesi.
I NUMERI
Andando dal tabaccaio sotto casa, con un’operazione di pochi minuti, è possibile far arrivare soldi in meno di 24 ore in Senegal, in Bangladesh o in Marocco, e in tanti altri Paesi, senza alcuna differenza. Il servizio fa comodo soprattutto agli immigrati che hanno ancora famiglia nel paese d’origine e vogliono mandare soldi più velocemente di quanto avviene, solitamente, con una rimessa tramite bonifico bancario.
I numeri di Bergamo parlano chiaro: negli ultimi dieci anni, solo in città, sono state aperte 50 agenzie Western Union. "In alcuni casi – fanno sapere dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Bergamo – alcune agenzie di money transfer a Bergamo e in Lombardia possono arrivare ad eseguire fino a circa 20 mila trasferimenti in un anno, con un totale di versamenti che può arrivare fino a 40 milioni di euro (considerando l’importo massimo che si può trasferire per ogni singola operazione). Per ogni trasferimento l’agenzia stessa (con la società di intermediazione finanziaria che ha alle spalle) trattiene una percentuale variabile tra il 6 e il 9 per cento di quanto ha trasferito". Questa la forza delle rimesse urgenti degli immigrati, che si affidano invece alle banche due o tre volte all’anno, per trasferimenti di entità superiore e meno frequenti.
I RISCHI
Il money transfer è un servizio necessario e utilizzato da molti. In alcuni casi, come in via King, l’agenzia della Money Gram ha trovato sede in un ufficio postale. Ma già nel 2007 il ministero delle Finanze aveva lanciato un allarme sul rischio che certe agenzie potessero essere utilizzate come lavanderie di “denaro di dubbia provenienza”, in alcuni casi destinato a finanziare anche reti terroristiche internazionali.
LE REGOLE
La Guardia di Finanza di Bergamo negli ultimi due anni non ha riscontrato situazioni di questo tipo, ma l’attenzione resta obbligatoriamente alta: sono almeno 5, in un anno, le ispezioni del nucleo di polizia tributaria per verificare che nelle agenzie le operazioni vengano effettuate correttamente. Per quanto semplici le regole da seguire non sono poche: l’agente (quindi il negoziante), che deve obbligatoriamente essere iscritto in un elenco delll’Unità di Informazione Finanziaria della Banca d’Italia, deve trattenere una copia del documento d’identità del suo cliente che chiede di inviare soldi all’estero, deve far compilare un modulo prestampato e prenumerato con tutti i dati di chi chiede il trasferimento ed è anche tenuto ad inserire in un database, disponibile ad ogni controllo, tutti gli estremi dell’operazione, con un codice identificativo. Le agenzie mettono anche a disposizione del cliente un eventuale password, che deve essere comunicata a chi riceve denaro in un altro Paese del mondo.
NUOVA NORMATIVA
“A seguito delle attività svolte – spiega il comandante del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, colonnello Alessandro Nencini – abbiamo notato in alcuni casi atteggiamenti negligenti da parte degli agenti: l’esempio più frequente è di chi, avendo in gestione un’agenzia di money transfer, lascia in negozio dei parenti che non sono autorizzati al trasferimento di denaro, incorrendo in una denuncia per esercizio abusivo dell’attività finanziaria. La guardia resta alta: la nuova normativa anti-riciclaggio di fine 2007 impone il limite di 2 mila euro per ogni trasferimento, che può salire a 5 mila euro nel momento in cui il cliente consegni copia di documentazione idonea ad attestare la congruità dell’operazione rispetto al profilo economico dello stesso ordinante. Inoltre, ogni trasferimento deve essere registrato in un archivio unico, ormai quasi sempre informatico, di estrema ed immediata utilità per accertamenti e controlli”.
GLI ACCORDI TRA SOCIETA’
Ma qual è il meccanismo che garantisce il money transfer così immediato. Compagnie come la Western Union sono vere e proprie finanziarie multinazionali. In ogni Paese si appoggiano ad una società intermediaria (nel caso dell’Italia si tratta della Finint srl, Angelo Costa Srl, ecc) che si appoggia ad una rete di sub mandatari, ovvero all’insieme degli agenti che aprono i punti di trasferimento per i clienti. E’ tramite la comunicazione tra l’agente e l’intermediario che vengono concluse le operazioni di trasferimento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da iva

    Un’altra domanda a tutti questa volta:
    Quali banche possono operare per somme superiori a quelle previste dal regolamento (indicazione: rileggersi accuratamente l’articolo)?

  2. Scritto da iva

    A quanto ammontano le commissioni a favore dei soggetti intermediari?

  3. Scritto da Pol.sco.

    Con la Western Union gli spacciatori extracomunitari soprattutto del Maghreb inviano i loro lauti guadagni ai familiari per acquistare case, negozi, camion

  4. Scritto da R. A. R.

    le commissioni tra il 6 e il 9 per cento, c’è scritto

  5. Scritto da iva

    Ho visto R.A.R., grazie. La domanda è rivolta anche a DiLandro: a quanto ammontano le commissioni a favore dei soggetti intermediari, da bilanci analitici sui soggetti interessati? Quali banche possono operare per somme superiori a quelle previste dal regolamento?

  6. Scritto da iva

    Premesso che al netto del lavoro non dichiarato gli stranieri sono tra i più puntuali e regolari contribuenti..
    In un’altra domanda: a chi convengono questo tipo di ‘operazioni’?

  7. Scritto da A. D. L.

    la percentuale del 6-9 per cento viene trattenuta sulla somma da trasferire e poi suddivisa tra l’agente-negoziante e la società intermediaria (con uno squilibrio in favore dell’intermediario). Nel caso di 40 milioni di euro di trasferimenti, con una percentuale del 6 per cento, vengono trattenuti più di 2,5 milioni di euro in un anno. Le operazioni convengono a chi ha fretta di mandare soldi all’estero e a chi applica quei tassi di trattenuta, un tantino più alti di quelli delle banche

  8. Scritto da iva

    Grazie A.D.L.

  9. Scritto da karajan

    Certo Pol.sco. La droga la comprano dai leghisti che poi esportano i loro lugubri guadagni all’estero. Per poterlo fare, saranno sicuramente andati a scuola (tu probabilmente scrivi: squola), dal vostro capo berlusconi, anche perchè bossi e compari non hanno la capacità intelettiva per saperlo fare. (il nome dei due lugubri tipi, l’ho scritto in minuscolo e non è un errore!!).

  10. Scritto da Pol.sco.

    @ karajan
    Non diciamo cavolate
    La droga i maghrebini la importano dall’Olanda e dalla Spagna
    In alternativa i grossisti sono camorristi, ndrangheta e mafia, albanesi e colombiani
    I leghisti sono i più accaniti avversari degli elencati, mentre gli alleati sono i biechi sinistri tipo te