BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il marito della vittima: “Parler?? fra qualche giorno”

Alle 16 Giuseppe Bernini ?? arrivato sul luogo del delitto, sede della propria ditta, la ValCop, e anche casa sua e della moglie. In auto, accompagnato, ?? entrato nel cortile ed ?? uscito pochi minuti dopo senza rilasciare dichiarazioni sul fermo del senegalese

Più informazioni su

Alle 16 in punto Giuseppe Bernini è arrivato nella casa di Vertova dove il 24 luglio scorso si è consumato l’omicidio della moglie Maria Grazia Pezzoli, 44 anni. In auto, insieme a un accompagnatore, è entrato nel cortile della abitazione, che è poi anche la sede della ditta, la ValCop: pochi minuti ed è subito uscito. Non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Per lui ha parlato l’accompagnatore: "Nessun commento sul fermo in atto, semmai qualcosa verrà detto nei prossimi giorni".
E mentre si diffondono le notizie del fermo di un senegalese per l’omicidio di Maria Grazia Pezzoli, in paese, a Vertova, la gente si ritrova a commentare, soprattutto nei pressi del luogo del delitto, la ditta ValCop di Maria Grazia e del marito Giuseppe Bernini. Il caseggiato è stato recentemente ripulito da un’impresa e anche il vetro trovato rotto il giorno del delitto è stato sostituito dopo che i carabinieri del Ris avevano effettauto tutti i sopralluoghi del caso. Alcuni dipendenti di Giuseppe Bernini tirano un sospiro di sollievo: "Noi eravamo sicuri che non fosse stato un delitto passionale. E il fermo del senegalese conferma i nostri sospetti".
In paese la notizia della svolta nelle indagini sembra aver portato sollievo. "Almeno questa brutta storia si chiuderà" si lascia scappare un pensionato. Il parroco, don Enzo Locatelli, si limita a poche poche parole: "Noi vogliamo solo la verità". Si avverte la voglia di voltare pagina, di sparire dalle pagine dei giornali che per oltre un mese hanno dedicato a Vertova decine e decine di articoli. Qualcuno vanta la primogenitura nell’aver individuato il colpevole in un immigrato, altri si dichiarano smarriti di fronte allo scagionamento di Giuseppe Bernini. Ma il sentimento prevalente, al di là delle solite dispute da film giallo, è la soddisfazione, che non fa venire meno il dolore per la tragica morte di Maria Grazia Pezzoli, per il buon esito delle indagini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.