BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aeroporto, le richieste dei residenti di S. Tomaso

Il Comitato del quartiere cittadino interviene nel dibattito aperto sul ruolo dello scalo con alcune richieste: rispetto degli orari, più controlli sul rumore, studi epidemioligici, interventi di mitigazione ambientale. "Su queste basi si può avviare un dialogo".

Più informazioni su

Un aeroporto è una risorsa? Non conosciamo chi lo mette in dubbio,anche se una densità di un aeroporto ogni 60km pare un po’ eccessiva.
Un aeroporto crea problemi e disagi? Certamente si, il rumore fa male alla salute secondo l’Organizzazione Internazionale della Sanità, oltre che disturbare il sonno e agitare quanti vivono sotto i decolli. Francamente siamo stanchi di doverne ancora discutere, ma cosa dobbiamo fare per ripristinare migliori condizioni di vivibilità nei nostri quartieri?
Per prima cosa evidenziamo alcuni punti fermi: 
1. la vicinanza alla citta’ e’ un autentica anomalia, non ci risultano altri scali in Europa cosi vicini a un capoluogo; 
2. il suo principale punto di forza e’ proprio la sua posizione, ma per la richiesta di autorizzazione allo sviluppo sono state dichiarate circa 1500 persone, come popolazione coinvolta, mentre solo nella citta’ sono oltre 30 mila persone; 
3. la dimensione di un infrastruttura, in questo caso il volume di traffico, non sono secondari per la compatibilita’ con l’ambiente che la ospita. Tanto per capirci un city airport e’ una cosa, una base-hub low cost con traffico di cargo merci e’ un’altra. 
Responsabilita’, equilibrio, dialogo sono sicuramente necessari, come scritto sulle vostre pagine. Le procedure e gli strumenti per contenere gli effetti del rumore sono noti da decenni su indicazione dell ICAO, ente internazionale dell’aviazione. Da noi si fatica ad attuare anche prescrizioni molto piu’ “morbide”. Dall’autorizzazione allo sviluppo del 2003 siamo arrivati al 2008 senza ancora l’approvazione delle curve isofoniche, le fasce che definiscono le aree coinvolte dal rumore del contorno aeroportuale. Le opere di mitigazione realmente attivate in città, se ci sono, sono davvero poche e sembra di vedere continue resistenze per ogni realizzazione richiesta. Presso la scuola materna in via Caprera si misuravano nel 2004 valori oltre i 60dB, la soglia da cui sono previste le mitigazioni. Nella via Canovine oggi si misurano piu’ di 60dB, ma nonostante nel 2007 ci fosse l’impegno a insonorizzare e climatizzare le strutture pubbliche sensibili in questa fascia, a tutt’oggi questa non e’ stata ancora eseguita.
Quello che chiediamo come abitanti non e’ nulla di lunare, ma quanto gia’ realizzato in tanti aeroporti, molto meno vicini agli abitanti che quello di Bergamo.
1. Rispetto della fascia di riposo dalle ore 22,00 alle 7,00
2. Controlli precisi e trasparenti, con una chiara diffusione dei dati del rumore dei singoli decolli
3. Studio medico epidemiologico sulla popolazione coinvolta
4. Attivazione di efficaci procedure per la riduzione del rumore e di mitigazione ambientale
5. Una maggiore responsabilità dell’operatore e degli enti pubblici nel rispetto delle regole, a partire dal decreto del 2003 e nelle valutazioni ambientali per gli strumenti urbanistici.
A noi quindi sembra che ci siano ampi margini per permettere di dimostrare concretamente responsabilita’, equilibrio e capacita’ di dialogo sia per la Società di gestione, sia per le Istituzioni, noi quando necessario siamo sempre reperibili a
STomaso.residenti@virgilio.it
A proposito dei giornali, sarebbe bello ci aiutassero seguire e capire meglio l’iter di attuazione delle prescrizioni del decreto che ha autorizzato nel 2003 questo sviluppo aeroportuale, anche se ad alcuni apparirà meno attraente dell’annuncio dell’ennesima rotta, interessa pur sempre gli interessi di migliaia di abitanti della nostra provincia. Voi che ne dite? 
Ringraziamo per l’attenzione e porgiamo distinti saluti.

Stefano Cattaneo
Gruppo residenti S. Tomaso

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Scaglia

    … solo due domande: al momento dell’acquisto della sua casa, Sig. Cattaneo, l’aeroporto di Orio dov’era? Rispondo io, non si scomodi… era già lì, dov’è oggi…
    La seconda domanda: ha mai preso un volo da Orio? Le ha fatto comodo rispetto a Linate o Malpensa? Il suo biglietto low cost l’ha soddisfatta?
    Smettiamola di dare spazio a questa ipocrisia tipicamente italiana… tutto comodo, tutto pronto, salvo poi criticare se certe cose pestano i nostri “diritti”. Buoni voli (da orio) a tutti!

  2. Scritto da i puntini sulle i

    e’ un peccato che un sito cosi’ ben fatto con forum cosi’ interessati sia infestato da gente che non fa altro che brutta ironia e usi l’invettiva come unica arma. e mi riferisco al “sig” Walter. si puo’ essere a favore o contro ma con civilta’.

  3. Scritto da walter

    Sig ”i puntini sulle i”
    Sarà che sono stanco di gente ipocrita…
    sarà che ho imparato da solo a cavarmela…
    sarà che non amo i pacifisti i animalisti e tutte le associazioni che operano con un intento x poi perseguirne unaltro..ecc ecc
    I pacifisti sono i più grossi rompi in assemblea di condominio (attenti a loro sono pacifisti x convenienza)
    gli animalisti mangiano la pacetta del porco sulla carbonara..
    le associazioni sono enti preposti x trovare la scusa di avere l’amante!

  4. Scritto da Stefano

    Eccola la vera natura bergamasca…lamentini fino all’osso…nessuno vuole il rumore ma però tutti i bergamaschi hanno preso almeno una volta l’aereo a meno di 50 euro…io abito proprio sotto una direttrice aerea molto trafficata il rumore è vero c’è, ma lo sopporto visto che almeno 2 volte all’anno su quell’aereo ci sono io!!!!E nn venite a sventolare la bandiera della sicurezza visto che la tanto amata A4 fa più vittime…

  5. Scritto da walter

    Sig. Bonanomi Marino
    l’educazione civica non la insegna certamente lei che e una persona prepotente sprezzante del pensiero altrui…!
    Immagino la sua casa con la bandiera pacifista sul balcone

  6. Scritto da Bonanomi Marino.

    X la redazione.
    Io aderisco alla vostra richiesta, a non continuare ,sui vostri blog,dispute di carattere personale.!.purtuttavia vedo che fate passare post del sig. Walter che continuamente propina offese personali a chi ,oltretutto, ha il coraggio intelletuale di firmarsi senza offendere alcuno,mentre lui si nasconde dietro un nome di battesimo non identificabile.
    X rispondere a Walter:Io alla finestra ho appesi i diritti,sanciti dalla costituzione Italiana.
    Lo invito a casa mia x vederli.

  7. Scritto da michele Forchini

    Ci sono diverse inesattezze in questo articolo (o lettera?). Una, la più importante, è che Orio non è affatto una anomalia, anzi, ci sono aeroporti decisamente più grandi che si trovan decisamente più vicini a grossi centri abitati…non da 30.000 persone, ma da 100.000-200.000. Un esempio italico è LINATE, uno europeo Heatrow, che di passeggeri non ne fa 6 mln ma 50!(e mi sa pure di più!) Alcune richieste sono giuste, altre ridicole…

  8. Scritto da michele Forchini

    …come quella di eliminare tutti i voli tra le 22.00 e le 7. Peccato che i voli strategici più importanti per lo scalo sono schedulati la mattina presto (tra le 6 e le 7, mentre altri sono piazzati tra le 7 e le 9) e la sera tardi (tra le 22.00 e le 23.30).

  9. Scritto da walter

    Chiedo l’immediata abolizione del servizio 118 con elicottero in quanto in questi ultimi 2 anni mi sorvola un paio di volte al giorno!
    E se mi cade in testa un infartuato…chi mi paga?

  10. Scritto da andrea

    condivido le loro richieste e aggiungo anche tutti gli altri paesi lungo il fiume serio dove passa la maggior parte dei voli, seriate,cassinone,calcinate,grassobbio,ghisalba,urgnano,cologno,ecc ecc.. e sommando gli abitanti di questi paesi che soffrono questo non rispetto dei divieti di volo non penso siano solo 4 gatti e poi mi chiedo se si dovesse fare un referendum chi l avrebbe vinta?sono convinto che vincerebbero quelli come i residenti di s.tommaso

  11. Scritto da Bonanomi Marino.

    Le richieste dei residenti di S.Tomaso sono,minime ,serie ,e sopratutto basate sul diritto alla salute , della popolazione ,tutelata dalla costituzione .
    C’è qualcuno CHE ,anche in questo forum,continua a fare lo spiritoso su un argomento TREMENDAMENTE SERIO,cio sta a significare che c’è mancanza di senso civico,educazione e rispetto verso gli altri da fare drizzare i capelli in testa.
    A questi ,qualcuno,auguro lunga vita xche possano cosi toccare con mano tutte le malefatte dei loro simili.

  12. Scritto da walter

    Visto le richieste da voi descritte…dal punto 1 al punto 5, e valutanto tali richieste esageratamente superiori rispetto al danno(?) e immaginando un accoglimento da parte degli organi preposti…
    VADO DI ANNUNCIO
    AAA cercasi urgentemente appartamento in zona orio con finestra fronte pista di decollo! riscaldamento autonomo…con giardino! pagamento contanti. ore pasti e non!