BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Allarme Albinoleffe, fragile e con troppi musi lunghi

Sei gol subiti in due partite preoccupano Madonna, che deve fare i conti anche con chi si aspettava di partire e invece ?? dovuto restare come Carobbio e Cellini. Gli ultimi giorni di mercato potrebbero risolvere il problema: tenere in squadra giocatori scontenti non serve a nessuno. E c'?? anche l'emergenza portiere.

Più informazioni su

Che qualcosa non funzionasse lo si era già capito contro il Pescara. Il 4-0 di Siena ha confermato le brutte sensazioni: questo Albinoleffe è troppo fragile, più debole rispetto alla scorsa stagione e soprattutto con una forza mentale molto inferiore a quella che la scorsa stagione gli ha permesso di superare ostacoli all’apparenza insormontabili.
Dal punto di vista tecnico, l’Albinoleffe ha perso due giocatori importanti come Marchetti e Conteh. Il problema del portiere è il più urgente: chi è arrivato non pare all’altezza degli impegni da affrontare. La società sta disperatamente cercando una soluzione: nel mirino c’è Narciso del Modena. La difesa preoccupa: sei gol in due partite sono decisamente troppi.
Ma a inquietare è la situazione in cui si trova il gruppo: ci sono troppi scontenti, ansiosi solo di cambiare aria. E’ ormai chiaro che qualcuno non ha più le motivazioni della scorsa stagione. Meglio, allora, lasciarli partire e puntare su chi ha dentro di sé la spinta giusta. Gli ultimi giorni di mercato potrebbero risolvere la questione, soprattutto per Cellini e Carobbio. Anche se i due non sembrano più suscitare l’interesse di due mesi fa. Sono un po’ passati di moda. L’Empoli, che seguiva Cellini, ha cambiato rotta puntando su Pasquato, baby prodigio juventino. Da Bari invece non arrivano segnali significativi per il centrocampista. Per Madonna il rischio è di trovarsi nello spogliatoio due musi lunghi, anche perché non sembra che tra squadra e allenatore sia sbocciato un gran feeling. Se l’Albinoleffe dello scorso anno appariva compatto e organizzato, quello visto finora è approssimativo, con poche idee e ancor meno grinta. In queste condizioni, l’esordio di sabato fa paura: il Modena visto contro l’Atalanta è un’ottima squadra che viaggia già a mille all’ora.
L’unica nota positiva è il transfer di Gabionetta, il promettente brasiliano che potrebbe regalare una manciata di fantasia e qualità, come si è intravisto a Siena. Ma è troppo poco per dormire sonni tranquilli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.