BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ex sede Enel, ecco il progetto firmato da Antonio Citterio fotogallery

Pubblichiamo le primissime immagini del progetto Enel firmato dall???architetto Antonio Citterio. Nella grande area compresa tra via Nullo e via Mazzini verranno realizzate abitazioni ed uffici, oltre a un???area verde e interventi per migliorare la qualit?? urbana. Il tutto rigorosamente all'insegna del design all'avanguardia.

Più informazioni su


Una firma prestigiosa garanzia di successo. Ecco le primissime immagini del progetto dell’ex Enel firmato dall’architetto Antonio Citterio. Nella grande area compresa tra via Nullo e via Mazzini, come potete vedere dalle fotografie, verranno realizzate abitazioni ed uffici, oltre a un’area verde e interventi per migliorare la qualità urbana come vialetti alberati e nuova illuminazione. E non mancherà anche un grande parcheggio pubblico. Il tutto rigorosamente all’insegna del design all’avanguardia.
Grazie a questo piano intergrato di intervento Palafrizzoni risolve due problemi in un colpo solo: viene riqualificata una zona ora dismessa riscuotendo oneri di urbanizzazione (circa 4 milioni di euro) corrispondenti alla quota che il Comune deve cedere nella partita del Carmine.
L’intero complesso è stata acquistato circa un anno fa da un immobiliare milanese che senza badare a spese ha affidato la riqualificazione all’architetto internazionale, noto per aver progettato edifici in tutta Europa e in Giappone, tra i quali le sedi della casa di moda Esprit ad Amsterdam, Anversa e Milano.
Il piano integrato d’intervento prevede due diversi ambiti. Il primo riguarda la realizzazione del nuovo centro residenziale, 135 appartamenti che porteranno 297 nuovi abitanti, dove ora sono posti i magazzini e gli uffici provinciali. Il secondo prevede il restauro delle facciate e degli interni dell’edificio storico progettato dal Bergonzo. Tre gli obiettivi contenuti nella proposta di progetto: “Strategico, per la trasformazione in termini qualitativi di un limitrofo contesto urbano significativo per la città. Un mix funzionale di destinazione con residenza, uffici e spazi commerciali per la collettività. E riqualificazione del paesaggio urbano”. Il progetto dopo essere stato depositato in Comune è in attesa del giudizio della seconda circoscrizione che dopo le vacanze esprimerà il parere sull’opera. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da abitante de quartiere

    e i piani?
    il PRG ne prevede 6… i progettisti ne chiedono 8…
    Adesso c’è un compromesso a 7…
    Ci sono troppi interessi e troppi soldi on ballo… e non solo per le casse del Comune di Bergamo…
    Mi fermo qui…

  2. Scritto da paola

    E per i servizi al quartiere come la mettiamo?

  3. Scritto da Stefano

    Per cortesia si puo’ prevedere un ampio corridoio pedonale che colleghi, anche visivamente, via Mazzini al verde del parco Locatelli? dalle immagini non si vede se e’ gia’ previsto
    Grazie per l’attenzione.

  4. Scritto da marcov

    spero che come dice Stefano si possa dare continuità al verde del parco locatelli magari prevedendo un passaggio pedonale protetto in via Diaz.
    Sarebbe un peccato avere due spazi verdi così vicini, ma separati

  5. Scritto da io61

    sarebbe utile un parcheggio pubblico interrato, perche in zona la clinica castelli intasa tutti i posti auto disponibili