BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Italiani protagonisti a Locarno. Miglior attrice a Ilaria Occhini

Il Pardo all’interprete di Mar Nero, opera prima di Federico Bondi, con protagonista una donna anziana e malata che fa amicizia con la sua bandante romena. Pardo d’oro al messicano 33 scene prese dalla vita

Più informazioni su

Premio come miglior attrice a Ilaria Occhini, premio dei giovani e premio della giuria Ecumenica. È il “bottino” che si porta a casa il film “Mar Nero”, opera prima di Federico Bondi che racconta la storia di un’amicizia tra un’anziana donna malata e la sua badante romena. I premi maggiori del festival internazionale del cinema di Locarno, che si è chiuso sabato sera 16 agosto, sono andati ad altri titoli, ma il cinema italiano conferma il proprio “momento magico” dopo i successi di Cannes. «Per mantenere la concentrazione durante le riprese, nel rendere la malattia della donna  – racconta la Occhini – mi è stata di grande aiuto l’esperienza in teatro al quale mi sono dedicata quasi esclusivamente negli ultimi anni e che resta la mia strada maestra».

 

Il messicano Parque via di Enrique Rivero vince il Pardo d’oro, mentre 33 Sceny z zycia (33 scene prese dalla vita) della polacca Malgoska Szumowska ottiene il premio speciale della Giuria. Al canadese Denis Cotè di Elle veut le chaos va la migliore regia; mentre a The Market di Ben Hopkins va il Pardo all’attore, Tayanc Ayaydin.

Da sottolineare anche il successo della retrospettiva dedicata a Nanni Moretti che a Locarno ha presentato anche dei suoi “vecchi” cortometraggi inediti, oltre all’omaggio, per veri cinefili, della visione di Paolombella rossa in Piazza Grande. E poi il gradito Filmquiz in pellicola ideato da Moretti per un ritorno al “morettismo”, vinto da un laureando di Milano che ha azzeccato “solo” 24 risposte sulle 40 richieste.

Ha diviso critica a pubblico, invece, il nuovo film di Alessandro Baricco, fuori concorso e proiettato in Piazza Grande. Lezione 21 non ha entusiasmato i presenti ma è stato, a detta dello stesso autore, un ottimo esperimento di commistione tra cinema, letteratura e musica.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.