BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treni, in un anno solo chiacchiere

Riceviamo e pubblichiamo la nota mensile del comitato pensolari bergamaschi.

Più informazioni su

 

Di carrozze, di impianti di condizionamento, di ritardi e di soppressioni ne sono piene le cronache e le segnalazioni quotidiane. Elencarle di nuovo anche qui sarebbe riproporre una minestra riscaldata…

Ciò non toglie che i problemi ci sono sempre e così pure i disagi che ogni viaggiatore deve sopportare.

 


Quello che invece ai pendolari non va giù è stato l’appuntamento mancato di GIUGNO 2008.

Ci credevamo davvero che sarebbe stato l’anno della svolta, una data basilare per il trasporto pubblico su ferro delle linee di Bergamo. Ma ancora una volta tutto è finito in tante belle chiacchere.

Incontri a tutti i livelli, dal Ministro (del partito del fare) giù giù fino in Regione e Provincia, con presentazione di progetti, piani di lavoro e strategie varie … tutto è finito in tante belle chiacchere.

MILANO, 2 LUGLIO 2007 (inaugurazione del quadruplicamento): Nel giro di un anno, entro il giugno 2008, i treni per i pendolari fra Bergamo e Milano aumenteranno del 60%: ed è questa, secondo il presidente della regione Lombardia, Roberto Formigoni, la conseguenza forse più importante del quadruplicamento dei binari fra Treviglio e Milano. Il fatto di avere due binari per i treni veloci permetterà infatti di raggiungere Venezia in meno di due ore e venti, ma soprattutto lascerà due binari liberi per i pendolari, che entro il 2008 avranno a disposizione anche tutti i vagoni e le locomotive acquistati dalla Regione. "Entro un anno il servizio aumenterà del 60%", ha spiegato il governatore dopo il viaggio d’inaugurazione della nuova linea con il ministro delle infrastrutture Antonio Di Pietro e l’amministratore delegato di Fs, Mauro Moretti.  E’ ancora più preciso l’assessore alle infrastrutture della regione, Raffaele Cattaneo. Dal prossimo giugno, ha detto, "si parla di un treno ogni mezz’ora, tutti i giorni, fra le 6 e le 24, che diventa uno ogni quarto d’ora negli orari di punta: praticamente un metrò". Ma già ora si aggiungono due nuove corse: una che parte da Brescia alle 6.52, e che impiega praticamente un’ora per arrivare a Milano, e una da Milano verso Brescia alle 21.07. "Vogliamo dare ai nostri pendolari un servizio migliore, più confortevole e più sicuro in un’estensione più ampia della giornata – ha sottolineato Formigoni -. E vogliamo anche convincere nuove persone a spostarsi dall’uso dell’auto privata a quello del treno".

MILANO, 21 LUGLIO 2008 (incontro Regione e Comitati Pendolari Bergamaschi): <<… Alla fine, quella che appariva solo un’idea sembra invece una bozza di orario già formato con un treno "diretto" per Milano ogni mezz’ora (al minuto 02 e al minuto 32) e un treno navetta per Treviglio con fermata in tutte le stazioni ogni mezz’ora (ai minuti 17 e 47). I treni navetta avrebbero una coincidenza per Milano nel giro di una decina di minuti (e forse anche per Cremona e Brescia). I treni "diretti" fermerebbero a Verdello e Pioltello. La cadenza diminuirebbe a un treno all’ora negli orari di morbida. L’incastro dei nostri treni con i treni suburbani è lasciato al caso. Difficilmente comunque i tempi di percorrenza diminuiranno anche perché Trenitalia tende a prendersi "ampi" margini per evitare le penali. Per gli orari 2009 è stata di fatto ignorata la nostra richiesta di avere almeno 1 o 2 treni "veloci" la mattina e 1 o 2 la sera. Tutti i treni previsti dal "catalogo" proposto da Trenitalia viaggerebbero infatti con un tempo di percorrenza attorno ai 50 minuti (Bergamo-Milano Centrale), o

superiore, in caso non si trovi il giusto incastro. La promessa fatta da Catania nel 2005 ("a Milano in mezz’ora dal 2006") è stata ricordata con molta ilarità. Anche il salto del montone, per la cronaca>> (relazione dell’incontro a cura del CPB).

 

Tutto il mio disgusto l’ho già espresso il mese scorso, non aggiungo altro: troppi chiacchierano a vanvera e altri, troppi, stanno a guardare …

 

 

Buone ferie a tutti.

 

Renzo Belussi

del Comitato Pendolari Bergamaschi

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.