BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Per vincere la guerra della zanzara tigre Bergamo si piglia la pastiglia fotogallery

L'assessore Amorino: "I ghostbuster vestiti di bianco servono più che altro a far scena. Non mi piace l'idea di spargere nuvole di insetticida in città: questo tipo di intervento sarà mirato e limitato. Meglio la prevenzione: metteremo speciali pastiglie anti larve nei 17 mila pozzetti cittadini. Ma la lotta passa anche dal sottovaso di casa".

Più informazioni su

"La disinfestazione? La faremo solo dove l’Asl ha segnalato una situazione particolarmente critica. Ma nessuno si aspetti di vedere uomini in tuta bianca a spruzzare nuvole di insetticida in giro per la città". L’assessore al Verde Fausto Amorino ha già messo a punto il piano strategico per respingere l’invasione della zanzara tigre. "L’intervento "adulticida" sarà compiuto alla Celadina e in Borgo Santa Caterina – spiega l’assessore – Ma senza esagerare perché spargere sostanze chimiche nell’aria non mi entusiasma, soprattutto nei parchi dove giocano i bambini. I "ghostbusters" con spruzzatore e mascherina servono più a rassicurare la gente che a eliminare le zanzare. Il vero rimedio è la prevenzione, cioè colpire le larve". Per riuscirci, il Comune è pronto a usare l’arma letale: migliaia di pastiglioni da spargere nei 17 mila pozzetti delle strade cittadine: per acquistarli l’amministrazione ha investito 19 mila euro. "Soldi ben spesi, perché i test effettuati al Monterosso hanno evidenziato una riduzione della presenza dell’insetto: in quella zona rispetto all’anno scorso la situazione è migliorata". Insomma, come cantava Carosone, "Pigliate ‘na pastiglia". Il ritornello vale anche contro le zanzare.
Ma anche i privati cittadini devono fare la loro parte nella "resistenza" alla zanzara tigre. "Abbiamo emesso un’ordinanza in cui si spiega cosa fare: bisogna evitare il formarsi di piccole pozzette d’acqua dove gli insetti depongono le uova. Insomma, la lotta passa anche dal sottovaso di casa. Noi abbiamo fatto la nostra parte, controllando cantieri e gommisti. Ma non possiamo certo andare casa per casa". "Pigliate ‘na pastiglia", cantava Carosone. Il ritornello vale anche contro le zanzare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Amorino

    Aspetto la foto. Quello che avrà visto è l’operatore di Aprica che due volte l’anno effettua il diserbo dei marciapiedi con un prodotto che agisce sull’apparato fogliare. Ogni settimana vengono invece pulite le strade, può darsi che l’operatore in tuta bianca stesse usando il soffiatore.

  2. Scritto da Piorrea

    L’assessore Amorino ha pienamente ragione. Non esistono altri mezzi efficaci per combattere quel famelico mostro ronzante chiamato aedes albopictus.

  3. Scritto da Stefano

    Peccato che tutte la settimana passa sotto casa mia un ghostbuster con tanto di mascherina dell’Asm o come capperi si chiama adesso che spruzza insetticida non solo per terra ma anche su auto e moto!!!!!Bello l’ambientalismo cosi!!!
    se riesco gli faccio una foto e la mando al Sig.Amorino

  4. Scritto da emilio

    Perchè oltre a Bergamo non pensano a fare qualcosa , a livello di Provincia, anche in tutti i paesi interessati ?
    Dobbiamo comprarcele noi le pastiglie!!!???