BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non sono soldi buttati, è il costo del progetto”

Palazzo Frizzoni invia una nota per precisare che i 905 mila euro che verranno versati nelle casse dell'impresa Cavalleri non sono un risarcimento danni ma equivalgono al valore degli elaborati e degli studi per l'infrastruttura che rimangono di proprietà pubblica.

Più informazioni su

L’impresa Cavalleri Ottavio s.p.a. aveva chiesto, in data 18 ottobre 2004, al Tribunale di Bergamo la condanna del Comune di Bergamo al pagamento di € 7.850.940,16  relativamente alla risoluzione del contratto per la progettazione esecutiva e la realizzazione dei lavori di costruzione della tangenziale est. Il perito nominato dal Tribunale l’11 marzo 2008, coadiuvato dai consulenti tecnici nominati dalle parti, ha proposto una ipotesi transattiva che esclude il danno e considera esclusivamente il valore del progetto.

In data 14 luglio 2008 (ben un anno dopo la data citata da Bergamo News) l’impresa ha comunicato al Comune di Bergamo la volontà di accettare tale proposta e, pertanto, il pagamento della somma di €. 905.000,00 che costituisce, sostanzialmente, la corresponsione delle somme dovute per l’acquisizione degli elaborati costituenti il progetto esecutivo per l’opera pubblica nonché per attività conseguenti alla sottoscrizione del contratto. Non si tratta quindi del riconoscimento di un presunto danno subito dalla ditta, ma del costo del progetto esecutivo dell’opera che rimane di proprietà dell’Amministrazione comunale. Non vi è diminuzione del patrimonio del Comune, in quanto il valore del progetto viene iscritto nelle immobilizzazioni immateriali. 
L’Amministrazione Bruni si è assunta l’impegno di cercare di concludere tutte le vertenze in atto con l’assunzione di responsabilità, indipendentemente dall’Amministrazione in carica al momento del sorgere del contenzioso. A titolo esemplificativo, questa Amministrazione ha transato 2 milioni e 700.000 euro che risalgono all’amministrazione Veneziani. In particolar modo, l’Amministrazione Bruni vuole evitare di consegnare ai bilanci futuri debiti fuori bilancio.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Errol Flynn

    Acrobazie verbali? No, solo faccia di tolla all’ennesima potenza. Se ai signori amministratori piace il pezzo di carta destinato a rimanere tale, se lo comprino con i sudati risparmi. Che capperi se ne faranno mai i cittadini della proprietà comunale di un progetto affossato da Bruni e soci? Fuori i soldi e basta comunicati farneticanti!!

  2. Scritto da rosy mangili

    Bellla roba spendere un milione di euro per un cumulo di carta straccia. Una vera genialata.

  3. Scritto da m.c.

    Scusate, ma un anno prima o un anno dopo, che differenza fa? I soldi il Comune li ha tirati fuori? E allora lasciamo perdere le sottigliezze. A me le questioni temporali non fanno né caldo né freddo, mentre sapere che sono stati gettati al vento quattrini di tutti mi fa girare gli zebedei….