BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Archiviato l’esposto sulla A4 Il gip: non ?? colpa di Autostrade

E' stato archiviato l'esposto presentato nel 2006 dall'Associazione Industriali Bresciana alla procura di Brescia e trasmesso anche a quella di Bergamo contro l'insicurezza dell'autostrada A4. Il gip: "Il giudizio penale non pu?? riguardare classi generalizzate di eventi accumunate su base meramente statistica".

Più informazioni su

La società  Autostrade non è responsabile degli incidenti. E’ stato archiviato l’esposto presentato nel 2006 dall’Associazione Industriali Bresciana alla procura di Brescia e trasmesso anche a quella di Bergamo contro l’insicurezza dell’autostrada A4. La Milano-Brescia appunto, un totale di 93.5 chilometri di asfalto "maledetti" lungo i quali – recita il dossier allegato all’esposto degli industriali – nel 2004 si sono verificati 1.320 incidenti, 14.1 ogni chilometro (dati Aiscat), in media 4 al giorno.
Nel dopo-esposto il dibattito tra imprenditori bresciani ed Autostrade per l’ Italia, concessionaria della tratta Milano-Brescia, si era fatto: da una parte la rivendicazione di "comportamenti omissivi che hanno pregiudicato la sicurezza del trasporto terrestre nella tratta indicata" contestando il "reato di pericolo" con per di più il dolo e prospettando soluzioni drastiche come "mettere quei 93.5 chilometri pericolosi sotto sequestro. O imporre il numero chiuso degli utenti". Dall’ altra parte la secca replica di Autostrade per l’Italia, nei numeri e nel merito: "Sono distorti i calcoli presentati dagli industriali perché i dati vanno messi in relazione al volume di traffico – sono le parole del direttore Antonino Galatà -. È logico che gli incidenti sono più numerosi in una strada trafficata che lungo una via tranquilla di campagna. Quei 93.5 chilometri non sono meno sicuri degli altri 3.3 milioni della nostra rete". 
A due anni dalla presentazione dell’esposto il giudice Fabrizio D’Arcangelo ha ritenuto impossibile formulare l’accusa basandosi solo su statistiche. "Il giudizio penale – spiega – non può riguardare classi generalizzate di eventi accumunate su base meramente statistica. La molteplicità di fattori che incidono sinergicamente sulla sicurezza non consente di formulare un giudizio di responsabilità sulla società che gestisce un tratto autostradale in assenza di dati stringenti. La statistica è di limitata portata perché è solo la divisione degli incidenti per il numero di chilometri della tratta".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.