BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Misiani e Sanga: la manovra estiva ?? ingiusta

Secondo i deputati bergamaschi del Partito democratico il giudizio complessivo non pu?? essere positivo. "E' una manovra economica sbagliata e ingiusta. Con il decreto legge di Berlusconi e Tremonti aumenta la pressione fiscale, diminuiscono gli investimenti pubblici in infrastrutture e vengono tagliati servizi pubblici essenziali come la scuola, la sanit??, la sicurezza. E' esattamente il contrario di quello di cui ha bisogno il Paese".

Più informazioni su

La tanto discussa manovra estiva è in fase di approvazione. Dopo la lunga discussione in aula il parlamento si prepara agli ultimi ritocchi. Secondo i deputati bergamaschi del Partito democratico, Antonio Misiani e Giovanni Sanga, il giudizio complessivo non può essere positivo. "E’ una manovra economica sbagliata e ingiusta. Con il decreto legge di Berlusconi e Tremonti aumenta la pressione fiscale, diminuiscono gli investimenti pubblici in infrastrutture e vengono tagliati servizi pubblici essenziali come la scuola, la sanità, la sicurezza. E’ esattamente il contrario di quello di cui ha bisogno il Paese". 
A preoccupare i due onorevoli è soprattutto il bassissimo potere d’acquisto delle classi deboli. "Nella manovra" – spiega Sanga – " non c’è nulla di nulla per le famiglie, alla faccia del quoziente familiare sbandierato in campagna elettorale. L’inflazione è ormai sopra il 4 per cento, ma il Governo sembra non essersene accorto. Anche sulle liberalizzazioni – la commissione di massimo scoperto, la portabilità dei mutui, e altri interventi a beneficio dei consumatori – tutto si è fermato".
E Bergamo? Quanto la provincia beneficierà della manovra? 
"Per Bergamo il bilancio è assolutamente deludente – continua Misiani -. Sulle infrastrutture non c’è un euro in più rispetto alle risorse che erano state stanziate con il governo Prodi. Con il centrosinistra in soli due anni erano arrivati i soldi per la galleria di Montenegrone (11 milioni), la Pedemontana (1 miliardo), la Tangenziale Sud (150 milioni), la Statale 42 (38 milioni), e lo sblocco dell’iter di Bre.be.mi. e Pedemontana. Ora tutto si è fermato, e anche i finanziamenti statali promessi dalla Lega Nord per il campus universitario in Largo Barozzi sono rimasti lettera morta. Nell’insieme, non è un certo bel segnale per una terra ‘affamata’ di opere pubbliche come la nostra".
Giovanni Sanga sottolinea, dal canto suo, la ricaduta negativa della manovra sui servizi pubblici: "I drastici tagli ai fondi per la sicurezza rischiano di ripercuotersi ancora più negativamente nella bergamasca, che è ultima in Italia per rapporto tra agenti di Polizia e popolazione. Lo stesso vale per la riduzione delle risorse per la scuola – che mettono a rischio il tempo pieno e la rete scolastica nei comuni montani – e i sacrifici eccessivi richiesti agli Enti locali, che pure hanno dato prova in questi anni di saper gestire con accortezza i propri bilanci, e il taglio di 30 milioni di euro ai fondi per la montagna, che peserà parecchio su una realtà come la Provincia di Bergamo".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.