BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Frode fiscale, arrestato fratello di RuggeriDenunciati tre manager bergamaschi

Maxievasione fiscale per milioni di euro nel settore delle materie plastiche scoperta dalla Guardia di Finanza di Vicenza: stamattina sono scattati perquisizioni e arresti in tutto il Nord Italia. Tra le undici persone colpite da provvedimento restrittivo c'è anche Gianmario Ruggeri, 38 anni, fratello del presidente dell'Atalanta e amministratore delegato dell'azienda di famiglia. E' agli arresti domiciliari: è finito tra gli indagati in seguito ad intercettazioni telefoniche.

Più informazioni su

Gianmario Ruggeri, 39 anni, fratello del presidente dell’Atalanta Ivan Ruggeri, è stato messo agli arresti domiciliari, accusato dalla procura di Vicenza di aver preso parte  a una maxievasione fiscale per il valore di alcuni milioni di euro. I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dal gip vicentino Agatella Giuffrida su richiesta del pm Claudia Del Martello, perquisizioni sono state effettuate in Lombardia, Veneto, Friuli, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige.
L’ipotesi di reato coinvolge più aziende del settore delle materie plastiche, anche la RPolimeri Spa, della quale Gianmario Ruggeri è amministratore delegato (con incarico specifico sulle materie prime), Ivan Ruggeri è presidente e la figlia Francesca, vicepresidente dell’Atalanta, è anche amministratore delegato.
L’accusa per le aziende finite nel mirino della magistratura è di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale: secondo gli inquirenti le aziende acquistavano materie prime in grossi quantitativi nei Paesi dell’Est, senza pagare l’Iva. In questo modo, nonostante fatture formalmente corrette, ottenevano prezzi migliori riuscendo di conseguenza a competere sul mercato in modo sleale.
Gianmario Ruggeri, in particolare, sarebbe finito tra gli indagati in seguito ad una serie di intercettazioni telefoniche: l’amministratore delegato della RPolimeri si informava e voleva rassicurazioni dagli artefici dell’associazione a delinquere sulla forma corretta delle fatture emesse nei Paesi dell’Est.
Oltre a Ruggeri sono stati denunciati a piede libero per frode fiscale altri tre bergamaschi: G. Z., 49 anni, di Adrara San Martino, C. V., 41 anni, di Seriate, G. M. B., di Dalmine, 69 anni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.