BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sgarbi sulla risalita di Citt?? Alta “Meglio le scale mobili”

Vittorio Sgarbi, nella rubrica che tiene su ???Oggi??? (Sgarbi settimanali) si occupa della risalita di Citt?? alta in un articolo, che riportiamo per intero, dal titolo ???L???ascensore a Bergamo? Meglio le scale mobili???.

Più informazioni su

Vittorio Sgarbi, nella rubrica che tiene su “Oggi” (Sgarbi settimanali) si occupa della risalita di Città alta in un articolo, che riportiamo per intero, dal titolo “L’ascensore a Bergamo? Meglio le scale mobili”.
"Bergamo si deve rinnovare, dicono i suoi governanti. Proclami elettorali, visto che fra un anno ci saranno le elezioni comunali? Forse, ma c’è altro. Bergamo condivide il destino di tutte quelle città, troppo piccole per essere metropoli, troppo grandi per essere paesini di contorno, che rischiano di finire nell’orbita di altre maggiori (come, in questo caso, Milano). Bergamo città di anziani immigrati, questo è il timore. Bisogna cambiare tendenza. Giusto, ma come?
Con al solita ricetta italiana: l’edilizia. Costruire, costruire, costruire, per oltre tre milioni e mezzo di metri cubi. Costruire grattacieli nelle ex zone industriali dismesse, per fare di Bergamo un capitale del terziario. Dimenticando che il terziario conosce in Italia un periodo di salute precaria e senza idee nuove. Che terziario vuole Bergamo, vecchio o nuovo? Come vuole riempire i nuovi, enormi, costosissimi contenitori? Non si sa. L’importante è costruire, qualcuno ne avrà vantaggio. Se ora non saranno i bergamaschi nella loro maggioranza, sarà per un altro periodo. Costruire vuol dire anche attrezzare.
La prima opera del novo corso di Bergamo dovrebbe essere l’ascensore che unisce Città bassa e Città alta, alleviando disagi che la vecchia funicolare non riesce a eliminare. un progetto che divide, soprattutto per questioni estetiche. Non convince la torre di legno di Fabio Postani, che vorrebbe essere più naturale dell’acciaio e del vetro, ma produce l’effetto opposto. E i problemi non finiscono qui.
Quanto può risolvere un solo ascensore dentro le Mura, con una tratta così corta come quella del progetto? A suo tempo, per collegare Bergamo bassa e Bergamo alta s’era pensato a un sistema di scale mobili, sul tipo di quello, formidabile, nella Rocca Paolina di Perugia. Soluzione  integrale, di grande portata, capace di risolvere un problema come un solo ascensore non potrà mai fare. Perché è stata abbandonata?"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da C.L.

    Sgarbi infatti non ha detto solo questo ma soprattutto lo ha detto in un altro modo. Ma il fatto principale da rilevare è che non serve Sgarbi per confermare che il torrione è una “cagata immonda”(citazione testuale). Basta una persona normale dotata di buon senso e un minimo di gusto. Avanti tutta con lo show elettorale…vedrete che ci diranno dove faranno lo stadio!!! Sigh! P.S. Gent.ma Sig.ra Rampi non sono pescatore e c’ero. Ma un giornale può fare citazioni. Deve.

  2. Scritto da golfo

    Che Sgarbi cerchi un assessorato nel Comune di Bergamo?
    Sindaco di Salemi (Trapani) ed assessore a BG! dall’estremo Nord all’estremo Sud, come nella spedizione dei Mille. altro elemento interessanti le distanze sono orami colmate anche dal volo Rayanair (proprio Orio – Trapani Virgi)! Vuoi proprio vedere che vuol essere un Garibaldi moderno per una nuova Unità d’Italia!

  3. Scritto da kevin

    ben venga bergamonews, anche per queste notizie… e, tra parentesi, chi se ne intende un pochino lo sa bene che la Voce è diventato un giornale pessimo….

  4. Scritto da Giorgio

    Su un altro blog avevo scritto : Per quanto riguarda il sistema proposto (che comunque arriva solo in S.Agostino) si può ricordare come altre città abbiano optato per più modesti sistemi “interni” alle mura – scale mobili o anche ascensori , ovviamente di minor impatto visivo ma con il difetto – di non poter diventare parte integrante del paesaggio. MI fa piacere che Sgarbi con quella sua enorme capacità estetica di giudicare fatti (e.. misfatti) urbanistici abbia centrato il problema !!!

  5. Scritto da Gian

    Signorina Francesca Rampi, mi spiega cos’ha contro la redazione di Bergamonews? Le hanno fatto qualcosa? Sono andato a rileggermi quasi tutti i suoi post e non c’é n’è uno in cui non viene fatta una critica, tra l’altro quasi tutte forzate…Non è che lei è una collega un po’ invidiosa del lavoro altrui?

  6. Scritto da Gulinati

    Guarda caso oggi il tutto è stato ripreso dall’Eco. Strano vero?

  7. Scritto da Tuditanus

    Impianti di risalita interni a mura e bastioni che li rivitalizzano portandoli a diventare parte viva delle attività moderne li hanno realizzati in una dozzina di città italiane.
    Non sono città sclerotiche chiuse nel ricordo del proprio passato, sono Savona, Perugia e Arezzo. A Bergamo si vanno a cercare le soluzioni più cervellotiche e si accusa di chiusura mentale chi non è molto convinto. Propongo Paperoga per la prossima cittadinanza onoraria.

  8. Scritto da andrea

    Ho letto dei commenti di Sgarbi che rendevano molto di più l’idea sulla Voce di questa settimana. In effetti Sgarbi era a Bg venerdì scorso, bastava chiederglielo.

  9. Scritto da ARCIEREBERGAMSCO

    esatto e archimede pitagorico assessore…

  10. Scritto da fracesca rampi

    Mi ripeterò, sarò polemica, ma non capisco lo scopo di riportare un servizio uscito su un altro giornale. Sgarbi era qui, non lo potevate intervistare? In ogni caso la notizia è uscita ieri, in copertina con intervista sulla Voce di Bergamo. Probabilmente Sgarbi s’è preso un bell’appunto sulla risalita e non ha perso tempo per lodare la genialata dei nostri amminsitratori, che forse però ora replicheranno…

  11. Scritto da michela

    Io non abito a Bergamo, non leggo quindi i giornali che escono in città. Non posso neanche permettermi di comprare tutta la stampa, quotidiana, settimanale e altro, d’Italia. Scusate se esistiamo anche noi periferici squattrinati che ringraziamo il sito e internet della possibilità di informazione sulla Bergamasca

  12. Scritto da francesca rampi

    Giusto Michela. Ma Sgarbi era a Bergamo, quindi l’informatore degli squattrinati, invece di andare in valle a pescare un improbabile monsignore poteva farsi un giro in città alta.

  13. Scritto da saul

    Appunto, sono d’accordo con Michela..W internet e la possibilità di conoscere anche che cosa esce su altri giornali…Per questo vorrei sapere se qualcuno mi può riassumere l’intervista che è uscita sulla Voce…grazie,

  14. Scritto da Pol.sco.

    Quoto Sgarbi e Tuditanus

  15. Scritto da sabrina p.

    La maestrina dalla penna rossa ha colpito ancora. L’impietosa Francesca Rampi è una che guarda ai contenuti, non alla forma. Le interessa sapere quale giornale riporta un’intervista, non le parole della stessa. Discute del nulla, lo ha già fatto ripetute volte su questo blog, non perdendo mai l’occasione di dimostrare una straordinaria povertà di idee. Vuoi vedere che è una giornalista mancata? Perchè non l’assumete a Bergamonews?

  16. Scritto da ureidacan

    In verità, in verità la città che ha più scale mobili ed impianti di risalita non è Perugia, né Arezzo ma Potenza. Consiglio a Nikpalj una visitina.

  17. Scritto da più educazione e meno bombe

    la visione di sgarbi è molto realistica, bergamo è bloccata da centri di potere. inutile dire quali sono: consiglieri di grandi aziende che a loro volta siedono in altri cons di amministrazione di banche, quindi la curia “capitalista” proprietaria di aziende, azionista di banche insomma… vedete voi. più educazione e meno bombe