BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Borgo Palazzo, il monito di Confesercenti “Rispettare le scadenze dei lavori”

I commercianti di Borgo Palazzo sono infuriati per la decisione di rifare il manto stradale a 2 anni dalla posa e vogliono chiedere il risarcimento dei danni subiti. L'intervento inizierà mercoledì e secondo Bruni durerà un mese. L'associazione di categoria chiede il rispetto dei tempi previsti.

Più informazioni su

I commercianti di Borgo Palazzo sono infuriati per la decisione di rifare il manto stradale mangiasmog (si torna al tradizionale asfalto dopo nemmeno 2 anni). Nell’assemblea di venerdì hanno confermato l’intenzione di chiedere il risarcimento dei danni subiti. A gettare acqua sul fuoco, puntualizzando però che la previsione della durata dei lavori (un mese secondo Bruni: si parte mercoledì 23 luglio) dovrà essere rigidamente rispettata, interviene Confesercenti Bergamo.“Giusta la scelta di rifare la strada in agosto, a patto però che ci sia assoluta certezza sul rispetto dei tempi previsti – spiega il direttore Giacomo Salvi – Occorre anche accertare le responsabilità all’origine di una situazione che ha creato e crea notevoli disagi a residenti e commercianti”. L’intervento, aggiunge Salvi, era comunque necessario “per ripristinare la sicurezza e la qualità estetica di una via centrale e storica di Bergamo”. Confesercenti esprime soddisfazione anche per il via libera della giunta comunale al restyling di via San Bernardino. “E’ positiva l’attenzione riservata alla qualità dell’intervento – spiega Salvi – l’obiettivo, condiviso con le associazioni di categoria, è quello di valorizzare la via con ampi marciapiedi e spazi dedicati agli esterni dei bar. Il nuovo elegante disegno urbano favorirà la vita all’aria aperta, il passeggio e lo shopping. Ne beneficerà di riflesso anche la sicurezza”. L’intervento dovrà però tener conto di alcuni punti critici, legati soprattutto a parcheggi e modalità di svolgimento dei lavori. “C’è la necessità di garantire la più agevole accessibilità della via – conclude Salvi – Inoltre, l’intervento dovrà essere effettuato per tratti e in modo ragionato, per consentire alle attività di rimanere aperte e di poter svolgere i diversi servizi nel miglior modo possibile nonostante i lavori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tuditanus

    E con questo viene definitivamente dimostrato che sono molto più bravi ad asfaltare che a cementificare.