BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Gruppo Car abbassa la saracinescaChiesta l’ammissione al concordato preventivo

Era una delle concessionarie d'auto più conosciute della città per i marchi prestigiosi e la clientela d'eccellenza. Ma da qualche settimana è cessata l'attività. I soci l'hanno messa in liquidazione. Un primo, doloroso, passo a cui è seguita la presentazione di una istanza di ammissione al concordato preventivo.

Più informazioni su

Era una delle concessionarie d’auto più conosciute della città. Sia per i marchi (dodici in tutto, molte di altissimo livello: da Jaguar a Jeep, da Lexus a Toyota) che per la clientela d’eccellenza. Ma da qualche settimana sul Gruppo Car di via Borgo Palazzo, società in cui era confluita anche la Biauto, è calata la saracinesca. I soci hanno deciso di metterla in liquidazione volontaria. Un primo, doloroso, passo a cui è seguita, a stretto giro di posta, la presentazione di una istanza di ammissione al concordato preventivo. Richiesta depositata al Tribunale civile di Brescia, visto che il Gruppo Car aveva sede legale a Roncadelle, alle porte della Leonessa. La formalizzazione della "crisi" ha reso ufficiali le indiscrezioni che circolavano da qualche settimana. Voci alimentate da casi specifici di persone che dopo aver versato la caparra per acquistare un’automobile si sono viste negare sia il mezzo ordinato che la restituzione del denaro. "Io avevo già pagato 1500 euro – racconta una delle "vittime" – mi hanno detto di rassegnarmi".
I liquidatori del Gruppo Car hanno scelto la strada del concordato preventivo nella convinzione di poter corrispondere ai creditori tra il 30 e il 40 per cento del dovuto. Ma sarà l’assemblea dei creditori, convocata dal commissario giudiziale nominato dal Tribunale di Brescia, a decretare l’eventuale via libera. In assenza del quale si aprirà il baratro del fallimento. 
Il Gruppo car era una realtà di spicco nel panorama delle concessionarie a livello lombardo. Oltre alla sede di Bergamo, operava anche a Brescia, Mantova, Cremona. Nel 2006 ha registrato un fatturato di 250 milioni di euro. circa 10 mila all’anno le auto vendute. Utilitarie e fuoriserie dai marchi prestigiosi: Lexus, Toyota, Jaguar, Jeep, Lande Rover, Volvo, Hammer.   

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.