BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Circoscrizioni addio, arrivano le “Agorà“

Si chiameranno molto probabilmente "Agorà" gli organismi che prenderanno il posto delle Circoscrizioni. E' questo il nome che il sindaco Roberto Bruni vorrebbe dare ai 9, o forse 10, ambiti territoriali che saranno chiamati a prendere il posto dei vecchi parlamentini. I consiglieri saranno dieci per ogni Agorà e saranno eletti sulla base di un'unica lista.

Più informazioni su

C’è chi dice quattro, chi scende a tre. E chi pensa che si debbano abolire totalmente. Ma la risposta definitiva alla domanda "che fine faranno le Circoscrizioni?" è molto vicina. Questione di ore. Con un risultato per certi versi sorprendente. Nel senso che il numero di organismi che nascerà sulle ceneri degli ormai vetusti "parlamentini" è destinato a crescere. Si parla di almeno 9, se non dieci ambiti territoriali. Ma la vera novità, quella destinata a far discutere, è il nome che sarà dato alle "nuove" circoscrizioni. Il sindaco, infatti, le vorrebbe chiamare "Agorà". Una scelta classicheggiante, forse un po’ pomposa per organismi che devono occuparsi di taglio dell’erba e di buche nelle strade dei quartieri. Ma a Roberto Bruni, principe del foro e uomo di marcata impronta umanistica, quel rimando ai primordi della democrazia pare piacere tantissimo. E se ne farà portavoce in tutte le sedi, anche se i primi commenti non paiono altrettanto entusiastici. Quanto al modo in cui saranno composte le Agorà, si pensa ad una decina di delegati (o consiglieri) eletti sulla base di un’unica lista. Passeranno i primi dieci, al di là della colorazione politica. L’impegno sarà assolutamente volontario (cioè non sono previsti gettoni di presenza). Ancora da definire, invece, il ruolo del Bilancio partecipativo.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.