BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Rincari elevati solo in 30 comuni”La Provincia interviene sui costi dell’acqua

La Provincia di Bergamo spiega perché in alcuni Comuni bergamaschi si registrano già oggi rincari salati delle bollette dell'acqua e chiarisce quali saranno gli scenari per tutti gli enti locali a partire dal 2010. Rincari elevati sono previsti in 30 Comuni.

Più informazioni su

La Provincia di Bergamo spiega perché in alcuni Comuni bergamaschi si registrano già oggi rincari salati delle bollette dell’acqua e chiarisce quali saranno gli scenari per tutti gli enti locali a partire dal 2010. Ecco il testo del comunicato:  

Bergamo è la prima Provincia in Lombardia ad aver avviato una riorganizzazione complessiva dei servizi legati al ciclo integrato dell’acqua: dalla captazione alla distribuzione, dalla depurazione allo smaltimento. L’obiettivo di fondo perseguito con la costituzione dell’ATO (Ambito Territoriale Ottimale), obbligatoria per legge, è quello di salvaguardare la risorsa-acqua sia da un punto di vista finanziario che tecnico.
È stata fatta una ricognizione delle infrastrutture idriche per conoscere lo stato di fatto delle reti e degli impianti, il reale assetto economico-finanziario degli investimenti già effettuati e il fabbisogno futuro. Su questa base si è definita una “tariffa d’ambito”, che è la più bassa praticata tra le province lombarde, molte delle quali già superano 1 euro (Como: 1,14; Cremona: 1,12; Lecco: 1,23; Brescia: 0,89; Mantova: 0,92).
A Bergamo la tariffa d’ambito dell’acqua è oggi di 0,82 euro al metro cubo.
Questa tariffa considera i costi di esercizio (0,45 euro), le quote di ammortamento per pagare tutti i contratti (circa 0,20 euro) e quelli per investimenti futuri (circa 0,17).
 
La tariffa per i consumi di acqua verrà equiparata in tutti i Comuni a decorrere dal 2010.
 
      Circa 100 Comuni non vedranno aumentata la tariffa in quanto già ora pagano lo stesso valore. Tali Comuni, tra cui Bergamo, hanno una popolazione pari a circa il 60% della popolazione provinciale.
      Altri 100 Comuni si vedranno applicare incrementi limitati e circa 30 Comuni avranno aumenti più elevati; tra questi ci sono Comuni che non hanno mai installato i contatori o che pagavano l’acqua a valori fissi ma con consumi anche molto elevati, non rispettando le leggi vigenti.
      Una decina di Comuni, adesso pagano l’acqua oltre 1 €/mc; per loro – secondo le tariffe ATO – è previsto un abbassamento dei costi, fino a 0,82 euro.
 
La legge impone che il Piano finanziario dell’ATO venga interamente coperto dalla tariffa del servizio. Nei bilanci dei Comuni, i costi di gestione e operativi non venivano mai conteggiati e calcolati all’interno della tariffa e gli investimenti sulle reti erano spesso coperti con contributi di altri enti o con l’accensione di mutui, che oggi sono rimborsati ai Comuni dal gestore Uniacque.
 
Inoltre, il pagamento dell’acqua in base al consumo – con l’obbligo dei contatori – è determinato: da una parte dal bisogno di contenere gli sprechi e i consumi; dall’altra, dalla necessità di dare più valore al bene-acqua, che è il petrolio del futuro e non può essere quindi più considerato un bene gratuito e sempre disponibile e non illimitato.
I valori relativi al consumo fisso in bolletta, che adesso sono stati vietati per legge, portavano a non badare al consumo: e spesso si pagava una tariffa agevolata anche per elevati consumi quantitativi.
È proprio il caso del Comune di Sovere ora al centro di lamentele e controversie, su cui Uniacque sta facendo le opportune verifiche. Qui, per consumi di acqua fino a 200 mc si pagava una tariffa molto bassa, che non è più praticabile secondo quanto deciso dalla Conferenza dei Comuni.
 
Sono tutti concordi nel riconoscere che l’acqua è un bene da preservare e il cui consumo va perciò contenuto. La Provincia e i Comuni bergamaschi hanno fortemente voluto percorrere il modello di gestione pubblica del servizio idrico integrato, nonostante talune resistenze. Uniacque è la gestione unitaria individuata che permette di realizzare una forte aggregazione pubblica, la quale coinvolge tutti i Comuni per una gestione del servizio idrico integrato con caratteristiche di efficacia, economicità ed efficienza. Uniacque, con una strategia industriale e di programmazione avanzata, persegue questi obiettivi:
      gestione pubblicistica del sistema idrico senza limiti di durata;
      investimenti per circa 600 milioni di euro per nuove opere e per migliorare la rete di tubature che hanno rilevanti perdite di acqua, per l’adeguamento e il miglioramento degli impianti di depurazione e per il completamento delle reti fognarie ed il loro collegamento agli impianti di depurazione;
      introduzione del nuovo sistema tariffario.
Sono già stati realizzati investimenti per il miglioramento del settore idrico per oltre 106 milioni di euro.
 
È forse utile ricordare che in Paesi europei a noi vicini l’acqua già oggi costa 3-4 euro al metro cubo. E per altro è da rilevare che la qualità microbiologica delle acque nella provincia di Bergamo è elevata e di alta e consigliata potabilità (si noti che una bottiglia di acqua minerale costa da 0,20 a 0,30 euro, ciò che si traduce in 200-300 euro al metro cubo). Né va dimenticato che oggi molte fonti, anche italiane, sono in mano a multinazionali straniere.
Si sta dunque operando al meglio nell’interesse collettivo con tutti i Comuni bergamaschi per migliorare l’utilizzo di una risorsa che è sempre stata fondamentale per la storia della crescita e dello sviluppo. Ancora oggi l’acqua è un elemento di competitività del territorio, su cui si interviene, contenendo il più possibile il suo costo in un ampio disegno di modernizzazione del suo uso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.