BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treno per Orio, Bruni e Bettoni spiazzati dalla fuga in avanti di Ravasio

Dove deve arrivare il treno per Orio? All'aeroporto o al centro commerciale? Secondo il consigliere delegato di Sacbo Renato Ravasio sarebbe preferibile la seconda soluzione. Ma il sindaco e il presidente della Provincia pare non la pensino allo stesso modo. E i soldi necessari sono pubblici. Perch?? utilizzarli per portare clienti a Oriocenter?

Più informazioni su

I primi a rimanere sorpresi sono stati il sindaco di Bergamo e il presidente della Provincia. Roberto Bruni e Valerio Bettoni hanno appreso dal giornale, grazie ad una intervista, che il consigliere delegato della Sacbo Renato Ravasio ritiene giusto, sensato e opportuno che il famoso "treno per Orio" abbia come stazione di attestamento non lo scalo aeroportuale ma il centro commerciale. L’uscita non era stata concordata e, direttamente interpellati, i due massimi rappresentanti di Palazzo Frizzoni e via Tasso hanno preferito evitare commenti ufficiali. La "fuga in avanti" di Ravasio rischia di mettere a repentaglio un progetto molto delicato. Soprattutto perchè il consigliere delegato di Sacbo non sembra tenere conto di due aspetti tutt’altro che trascurabili. Anzitutto, far arrivare il treno in aeroporto costerebbe 160 milioni di euro, mentre l’attestamento a Oriocenter porterebbe il conto finale ad oltre 250 milioni di euro. Soldi, e veniamo al secondo punto, che dovranno essere scuciti dagli enti pubblici (si tratti dello Stato, della Regione, delle Ferrovie dello Stato o del Comune di Bergamo). Pensare che vengano spesi per portare clienti ad una struttura commerciale privata è quantomeno coraggioso. Ma tutt’altro che scontato. E fa un po’ specie sentire un professionista navigato e un politico di lungo corso come Renato Ravasio sostenere che "toccherà poi al territorio tirarli fuori (i turisti, ndr) da Oriocenter e portarli in giro per Bergamo". 
E’ perlomeno curioso che l’amministratore di una società pubblica avanzi questo ragionamento. Ed è forse doveroso, oltre che necessario, che i soggetti cui tocca prendere le decisioni in materia urbanistica e infrastrutturale (cioè Comune, Provincia e Regione) facciano sentire la loro voce per far sapere ai bergamaschi se condividono le parole di Ravasio.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Olpierlu

    La Cittadella dell’Anziano è una invenzione elettorale di 5 anni fa, che ha permesso alla Finser di costruire l’attuale parcheggio esterno ad Oriocenter pagando zero oneri e tenendoselo, per ciò ha costruito il primo lotto di “16 appartamentini in sicurezza” per gli anziani: qualità dei alloggi scarsissima, sostanzialmente inutilizzati e comunque molto inferiori complessivamente al valore degli oneri abbonati. In questo patto di ferro Finser/Comune di Azzano per addesso vince Finser.

  2. Scritto da Michele Forchini

    per carità, nessuno demonizza Percassi, ma nemmeno gli si può regalare 200 mln di euro così. Anche perchè sono soldi pubblici (ergo nostri) e Oriocenter non mi sembra una struttura pubblica, quanto più una macchina mangia soldi.
    Ripeto, se la paga lui è un altro conto.

  3. Scritto da attila

    Al sig. Percassi , che di mestiere fa l’imprenditore, interessa, ovviamente, solo il “grano” che può finire nelle sue tasche (l’ha detto lui stesso nell’ incontro con la Marcegaglia al Donizetti). Sfrutta il territorio e le risorse a suo uso e consumo, i politici gli srotolano tappeti rossi ai piedi e fanno a gara per ingraziarselo alla faccia di ambiente e infrastrutture. Che tristezza…

  4. Scritto da gianni

    se lo paga il signor Antonio Percassi và bene anche a Orio center, se lo pagano i cittadini l’unica destinazione può essere l’aeroporto!

  5. Scritto da Francesco

    Eh si, Percassi sta facendo proprio un bel trenino…

  6. Scritto da Olpierlu

    Per Casoncello: è verissimo, il proficuo scambio con l’attuale amministrazione a fini elettorali prevedeva dal 2004 (!) l’edificazione della Cittadella Dell’Anziano. Ad oggi della cittadella c’è solo un buco e poco più ma nulla di deciso sulla gestione, in compenso la Finser di Percassi sta facendo letteralmente quello che vuole. Ma avete visto il progetto del raddoppio di Orio !!? Roba de macc !!

  7. Scritto da Casoncello

    Essendo curioso, ho effettuato un breve sopralluogo ad Azzano. Della cosiddetta cittadella dell’anziano, la moneta di scambio offerta da Percassi per realizzare (su un terreno suo, credo) quello stralunato polo del lusso con mega-fontanone e planetario (!!), mi pare esistano alcune casette a schiera bianche. Per il resto, il cantiere contiene una buona dose di fango e terra. Una cattedrale nel deserto. A quando il taglio del nastro? Forse solo dopo la costruzione di OrioCenter2…

  8. Scritto da Mill

    Sarebbe ora che SACBO mettesse mano ad un serio master plan, in grado di ridisegnare l’aereoporto a 10/15 anni, magari prevedendone anche lo spostamento a monte. In questo modo parcheggi, collegamenti e relazioni troverebbero una definizione all’altezza del ruolo che l’aerostazione attualmente svolge, che per essere mantenuto richiede anche un innalzamento dei livelli di qualità e di inserimento paesistico/ambientale. Una bella opera per il 2015, per altro finanziabilissima !

  9. Scritto da Michele Forchini

    Pieno appoggio a Bruni e Bettoni. Sarebbe invece diverso fare un fifty-fifty sui costi, obbligando il gruppo Percassi a pagare metà o più dei lavori (quindi almeno 100-110 mln). La spesa sarebbe sì cara per il privato, ma non fatico a pensare un facile ed immediato ritorno economico, dato che potrebbe così avanzare il suo vecchio progetto di unione tra le due strutture.

  10. Scritto da andrea p.

    Ecco un altro esempio di vassallaggio nei confronti di Percassi, ormai assurto al ruolo di demiurgo. Dove arriva lui, tutti i problemi spariscono d’incanto. Forse perchè lui è davvero bravo, ma forse anche perchè i suoi interlocutori sono davvero scarsi.

  11. Scritto da g.p.

    Bravi, bravi, adesso mettetevi a far scappare anche l’unico imprenditore che si sta impegnando allo spasimo per dare un futuro alla Bergamasca. C’è ancora qualcuno che confida negli enti pubblici. Ma dài, non fatemi ridere. Se non ci fosse Percassi bisognerebbe inventarlo!!!!!

  12. Scritto da Casoncello

    Percassi, come benefattore intoccabile, è stato reinventato da qualcun altro dopo una fugace vacanza in Venezuela. Non lo si demonizzi, ma nemmeno lo si spacci per un chierichetto dedito ad opere di beneficenza.

  13. Scritto da Olpierlu

    E’ inaccettabile che la Finser di Percassi possa dirottare il treno a Oriocenter. Sulla viabilità in generale dell’area Percassi per usare un eufemismo se ne sta fregando da tempo. Ne sappiamo qualcosa noi di Azzano che ad oggi non abbiamo un marciapiedi che porti in sicurezza al centro commerciale, per non parlare di una pista ciclabile, per non parlare della infinita storia del cavalcavia sull’autostrada ad oggi incompleto, le code di via Zanica, ecc Percassi non merita tutto il credito che ha.

  14. Scritto da Casoncello

    Ad Azzano possono stare tranquilli, ora che è arrivato l’erede dei faraoni con il suo progetto da base lunare di lusso. E’ il prezzo da pagare per quella sottospecie di piccolo Gleno che stanno edificando da voi, no?

  15. Scritto da ARCIEREBERGAMSCO

    heHe he he ma non è che il cronista abbia travisato?? vedrete che domani ci sarà una retifica. serve per capire, sondare, come la pensano… è un gioco de l’eco e un piacere chi presto magari dara la poltroncina al direttore… un favorino… su via, del resto se la gente pensa che percassi abbia sistemato la viabilità intorno al suo impero lo pensa perchè lo ha letto sull’eco, pagine e pagine di nikpali che quando parla di lui sembra fede con berlusconi…dai su fate bala l’oc!!!

  16. Scritto da caniggia

    EVVIVA. Percassi santo subito.tutti “inchinati e reverenti”al montanaro che stà mettendo nel sacco tutti ….politici e non.
    Dovrete x forza fargli il trenino che arriva fuori dalla sua bottega,cosi lui ci porterà tutti i “volatili” che arriveranno all’orio ,AIRPORT INTERCONTINENTALE…QUESTO SI CHIAMA BISNESS..!!!
    Con i soldi dei ,40.000,contribuenti che abitano nel FAMIGERATO cono di decollo dell’aeroporto.. Cornuti e Mazziati. complimenti ..Bruni,bettoni e Ravasio.avanti così