BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Centro Psico Sociale è chiusoma L’Eco annuncia che apre. Evviva

Il nuovo Centro Psico Sociale di Boccaleone è ancora chiuso, come ha segnalato Bergamonews e come hanno confermato gli Ospedali Riuniti. Ma L'Eco di Bergamo annuncia che la struttura "apre", senza indicare quando e abbandonandosi ad una fastidiosa ironia sui pazienti. Un classico esempio di controinformazione?

Più informazioni su

Il cartello (come la foto che abbiamo pubblicato) parla chiaro. Il nuovo Centro Psico Sociale di Boccaleone è chiuso "causa lavori in corso". E non si sa, salvo aver doti divinatorie, quando aprirà. I pazienti in cura, "sfrattati" dal Matteo Rota (liberato anzitempo in vista di un trasloco ancora di là da venire), possono rivolgersi agli Ospedali Riuniti, a cui fanno capo però solo i soggetti più gravi.
Bene, ce ne sarebbe abbastanza per denunciare un disservizio, senza voler fare la caccia alle streghe. Bergamonews ha dato conto della situazione, segnalando il problema e dando voce ai Riuniti per un chiarimento.
Ieri sulle pagine de L’Eco di Bergamo un articolo al limite del surreale. Fin dal titolo: "Boccaleone, apre il centro psico sociale". Sì, proprio così: apre. Anche se, cartello e foto alla mano, il Cps è chiuso. 
Lo zelante cronista (lo stesso che firma nella stessa pagina un ampio servizio sul progetto di riconversione dei Riuniti, non sarà un do ut des?), non essendo uno sprovveduto, non può però negare la realtà. E attacca così il suo servizio di controinformazione: "Un maggior coordinamento non avrebbe certo guastato e avrebbe perlomeno permesso a pazienti delicati come quelli psichiatrici di non andare ulteriormente in confusione (che sublime ironia, sulla pelle dei malati, ndr), ma almeno (!!!!) il Centro Psico Sociale degli Ospedali Riuniti, in via Boccaleone, sembra (?!?) essere finalmente prossimo all’apertura, prevista tra un paio di settimane al massimo".
Almeno, sembra, finalmente: parole che nemmeno l’ufficio stampa dell’ospedale ha usato. Ma, si sa, a volte l’eccesso di zelo gioca brutti scherzi. Anche ai cronisti che avendo una onorata carriera alle spalle dovrebbero evitare difese d’ufficio che alimentano sgradevoli sospetti.     

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.