BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Esce Bobo, scoppia la furia ultrà

La promessa ultrà della contestazione, annunciata da giorni, è stata puntualmente mantenuta. Dopo aver accerchiato l'auto di Bobo, il gruppo se l'è presa con i giornalisti entrando all'interno del centro Bortolotti: attimi di tensione, poi ha prevalso il buon senso. Guarda il video.

Più informazioni su

Bobo Vieri ritorna e riporta indietro le lancette dell’orologio atalantino. Non a un anno fa, quando se ne andò alla Fiorentina, ma al novembre scorso. Al clima cupo di Atalanta-Milan. Un salto nel tempo, direttamente nel medioevo del tifo. La promessa ultrà della contestazione, annunciata da giorni, è stata puntualmente mantenuta. A guidarla i soliti noti, compreso chi si rese protagonista degli "inviti" a Doni e soci di non proseguire la sfida con i rossoneri. Niente di nuovo insomma, niente di buono. Anzi, forse il peggior modo di iniziare la stagione.
Di solito, la presentazione di un giocatore è una festa, stavolta è stata un’occasione per insultare e minacciare tutto e tutti: società, Vieri, Osti, i giornalisti presenti. Il culmine della tensione si è toccato all’uscita della berlina scura di Vieri dal centro Bortolotti, scortata da un’auto della Digos. Il centinaio di ultrà presenti ha urlato di tutto a Bobo poi, visto che con un colpo di gas il "bersaglio" si è allontanato in fretta, il gruppo se l’è presa con i cronisti presenti, avvicinandosi in maniera minacciosa. Alcuni, approfittando del cancello aperto, sono entrati per fare la faccia brutta e spaventare  gli odiati giornalisti. C’erano anche alcune tifose. "Adesso continuate a scrivere le vostre c…" ha gridato una. Ci sono stati attimi di tensione, è piovuto anche un fumogeno, poi per fortuna è prevalso il buon senso.
Si è però rischiato il peggio, anche perché la sicurezza era garantita soltanto da due carabinieri, che si sono tenuti ben distanti dall’orda inferocita. Evaporata la furia, gli ultras si sono poi allontanati, sgomberando la strada (rimasta bloccata per almeno mezzora) lasciando appeso alla cancellata un mega striscione a sintetizzare il loro "dissenso" nei confronti della società.
Il video della rabbia ultras

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    conosco bene i SUPPORTES dell atalanta perchè ho parecchi anni di abbonamento in curva ed anche se loro sono appena “nati” ho imparato subito che sono composti da gente che va dove tira il vento perchè prima erano bna o wka ora supposte.i wka dei quali io facevo parte non avrebbero mai sfilato fianco a fianco con gli ubs o ultra napoli o milan o inter o roma o lazio ecc ecc.invece questi ….in curva puoi cantare,fischiare,criticare,applaudire solo chi e quando dicono loro

  2. Scritto da ultras foggia

    onore agli ultras atalantini.A difesa della propria città e dei propri colori che si vedono calpestati da questi mercenari di giocatori che della passione e dei sacrifici dei tifosi se ne frecano.Alla gente che applaude i calciatori è gente a cui piace essere presa per i fondelli e contenti loro non possono fare le paranoie a gente che di questi mercenari ne hanno le palle piene.

  3. Scritto da gabriele

    tifosi Atalantini???? ma perfavore!! lo spirito dello Sport è ben altra cosa. la società ora dovrebbe giocare le prime partite a porte chiuse, è una vergogna che in Italia si parli solo di calcio e questa plebaglia, chiamata tifoseria, scenda in piazza per protestare la violazione di diritti inesistenti e futili..!!! scendete nelle piazze a comnbattere politici corrotti e mafiosi, farete sicuramente più bella figura!! IL CALCIO E’ SEMPRE PIU’ LONTANO DALLO SPORT! Vergogna vergogna vergogna!

  4. Scritto da attila

    ero presente a zingonia e non c’è mai stato un reale pericolo per i giornalisti. i due carabinieri hanno fatto bene a stare a distanza dato che, lo sanno tutti tranne birolini, la vista delle divise eccita gli animi degli ultras.

  5. Scritto da evair

    Caro Attila, dal nome è chiaro che sei un barbaro come quelli visti a Zingonia. Ne abbiamo le palle piene di te e di quelli come te. Pensate di rappresentare tutti e invece rappresentate solo voi stessi. Sempre più soli, visto che a far casino erano al massimo cento esaltati, non certamente tutta la curva. Cmq anch’io c’ero e ho visto gente che è entrata correndo nel centro minacciando i giornalisti. Boh, si vede che tu eri da un’altra parte.

  6. Scritto da Magnocavallo

    Concordo con Evair: quelli come Attila non rappresentano il tifo atalantino!
    Sono solo degli esaltati. Ben venga il ritorno di Bobo.
    Forza Atalanta !

  7. Scritto da alberto ti

    Verrà il giorno, caro Attila, in cui tu e quelli come te capiranno che quello del calciatore è un mestiere come un altro? E che cambiare squadra è come cambiare azienda? E che tutti i calciatori in realtà se ne fottono giustamente dei tifosi come te? E che quelli come te rovinano lo sport, la civiltà, la dignità dell’essere umano e soprattutto le sacrosante domeniche della gente che lavora e che si vuole rilassare andando allo stadio? Non menare subito le mani adesso. Pensa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Scritto da Alberto

    Caro Attila e Cari poveri ultrà che vi siete presentati stamane a zingonia, andate a lavorare e smettetela di dire cazzate e sentirvi i padroni del mondo e di bergamo, che invece di far sentire la vostra voce, fate solo ridere, ma davvero ridere, il mondo va avanti, la teconologia pure, ma voi? ahahhahaah, voi rimanete nella preistoria……ancora a contestare, contestare, ma bastaaaaaaaaaaaaaaaaa avete rottooooooooooooo e il divieto di sosta mettetevelo per voi……..alberto

  9. Scritto da x

    hanno fatto bene a contestare visto ke quando le cose vanno male si ritorna dove si viene pagati una caterba di soldi solo per far Un gol lo sò fare anch’io senza essere pagato…….ma non si vorgogna????!!!! non è rovinare lo sport è questione di rispetto nei confronti dei tifosi ke come me va allo stadio e vede un giocatore che non vale neanche 1euro.e io devo pagare l abbonamento e vedere un’ orribile partita per colpa di un giocatore ke è meglio ke vada in pensione.ognuno ha la sua idea.

  10. Scritto da bozzo

    basta cazzate,gli unici che rimangono negli anni sono i tifosi e sono gli unici che pagano anche e hanno il diritto di insultare un mercenario..continua così ultras atalanta..libertà per gli ultras..

  11. Scritto da Casoncello

    Gli sciroccati da curva, in effetti, sono soggetti abbastanza pericolosi. Che c’entrano i giornalisti con i ritorni sgraditi?

  12. Scritto da gil

    ma andate a lavorare….

  13. Scritto da Ste

    Chi si è reso protagonista di questa vergogna dovrebbe piantarle di sentirsi padrone dell’atalanta.. siete la rovina e la vergogna di bergamo!!!!!!!!