BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio, Nembro e Ponteranica ecco i Comuni “poco trasparenti”

Il 55% delle amministrazioni pubbliche non ha comunicato i dati sulle consulenze esterne del 2006 come previsto dalla legge. Dalla "black list" pubblicata dal Ministero spuntano diversi enti locali bergamaschi: tra gli altri anche Covo, Curno, Treviolo e Villongo. L'Università di Bergamo pubblica la lista ma non la descrizione degli incarichi: in tutto Via Salvecchio ha speso 385 mila euro.

Più informazioni su

Il 55% delle amministrazioni pubbliche non ha comunicato i dati sulle consulenze esterne del 2006. Un obbligo previsto dall’art.53 del Dlgs. 165/01, ignorato dalla maggioranza dell’apparato burocratico italiano, centrale e locale. Dalla "black list" degli enti "poco trasparenti" spuntano a sorpresa diversi Comuni bergamaschi: alcuni sono piccoli, e dunque potrebbero non aver comunicato i dati semplicemente perché non hanno conferito alcun incarico. Potrebbe essere il caso di Rota Imagna, Valbondione, Algua, Vedeseta.
Altri, decisamente più grandi, potrebbero invece non aver ottemperato al dettato legislativo di rendere noto le spese sostenute per gli incarichi esterni: si tratta di Treviglio, Ponteranica, Curno, Covo, Treviolo, Villongo, San Giovanni Bianco, Zogno e Nembro. In questi giorni il Ministero della pubblica amministrazione e innovazione sta indagando sui motivi delle mancate comunicazioni, per accertare se si tratta di errori o vere e proprie omissioni.
In ogni caso, fa sapere il sito del Ministero, "Le amministrazioni che omettono gli adempimenti di cui ai commi da 11 a 14 non possono conferire nuovi incarichi fino a quando non adempiono." L’operazione trasparenza voluta dal Ministro Brunetta intanto prosegue: nei prossimi giorni sarà resa nota la lista di chi non ha comunicato le consulenze dell’anno 2007.

Università trasparente a metà – L’Università degli Studi di bergamo ha regolarmente comunicato la lista delle consulenze: 121 incarichi costati complessivamente 385.407 euro. Ma solo in 5 casi è chiaramente indicata la descrizione dell’incarico stesso. Insomma, trasparenti sì, ma non troppo.

Le consulenze dell’Asl di Bergamo

Le consulenze della sanità bergamasca

Le consulenze delle Comunità montane orobiche

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il Segretario Comunale

    La mancata dichiarazione da parte del Comune di Ponteranica degli incarichi affidati a consulenti e collaboratori esterni per l’anno 2006 deriva dalla poca chiarezza della norme in materia circa la sua estensione anche agli enti locali e ciò è supportato dalla constatazione che i comuni inadempienti per l’anno 2006, a livello nazionale, sono risultati 5.286 di cui ben 129 in provincia di Bergamo e non alla volontà di nascondere i dati che sono stati inseriti nel portale del Ministero il 9.7.08

  2. Scritto da Ufficio Ragioneria Nembro

    Tutti gli incarichi di consulenza del Comune di Nembro sono stati verificati dai Revisori dei Conti e a suo tempo trasmessi per competenza alla Corte dei Conti. Interpretazioni normative ritenevano che tali controlli sostanziali assorbissero anche le comunicazioni formali al Ministero. In ogni caso è in corso di inserimento nel portale del Ministero l’elenco in oggetto, essendo da tempo verificato dalla Corte dei Conti.

  3. Scritto da Casoncello

    Se le P.A. tenessero davvero alla tanto declamata trasparenza, oltre a citare cifre e nomi dovrebbero fare un cenno anche a gradi di parentela e connivenze politiche. E oltre alla consulenze bisognerebbe dare uno sguardo, non fugace né disattento, a determinazioni e deliberazioni. Spesso si scopre che il fiorista di fiducia del Comune è fratello dell’assessore alla cultura. O amenità del genere.

  4. Scritto da caniggia

    Sbaglio o questi comuni,in gran parte, sono in mano a : Leghisti, fascisti,berluscones….?????? Gente che predica bene e RAZZOLA male ….??????
    Di questi ” benpensanti ” penso che se ne potrebbe farne a meno…???’

  5. Scritto da Marco Cimmino

    Degli altri non so, ma Nembro non mi risulta affatto in mano a leghisti, fascisti o berluscones. A me pareva che ci fosse una lista civica bianco-rosa. Anche se indubbiamente, è in mano a gente che predica, sia pure per dovere sacramentale. Sicuramente si potrebbe farne a meno, ma ho paura che dovresti rivolgerti ad altre parrocchie che non quella lega-fascio-berlusconica: a meno che sia colpa della destra anche quel che fa la sinistra, parafrasando il vangelo.

  6. Scritto da Casoncello

    A Nembro hanno speso un botto per le consulenze di Archea Associati, prestigioso – anche se misconosciuto – studio di progettazione fiorentino. Il risultato è l’avveniristica biblioteca civica. Non sono sicuro che siano soldi buttati via, visto che in quella sede la comunità nembrese vive e respira cultura.