BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Debiti dei Comuni, Bergamo ?? al 27esimo posto

Bergamo 27esima nella classifica di indebitamento, 131,6% in pi?? rispetto a 10 anni fa. Debito totale e debito pro capite: la differenza ?? sottile, ma sostanziale: la chiave di lettura dei dati ?? il rapporto tra debito e Prodotto interno lordo. Se infatti nella prima voce la prima della classe ?? Roma, nel secondo caso ?? Torino a guidare la graduatoria. Bruni: "E' un dato inferiore alla media nazionale".

Più informazioni su

Bergamo 27esima nella classifica di indebitamento, 131,6% in più rispetto a 10 anni fa. Debito totale e debito pro capite: la differenza è sottile, ma sostanziale: la chiave di lettura dei dati dell’indebitamento pro capite è il rapporto tra debito e Prodotto interno lordo. Se infatti nella prima voce la prima della classe (distaccata di molto dalle inseguitrici) è Roma, nel secondo caso, rivela il Sole 24 Ore (gli ultimi dati disponibili risalgono al 2006), è Torino a guidare la graduatoria.
Come detto il capoluogo torinese è in testa con 3.316 euro di debito per abitante, mentre segue Milano con 2.771 di euro. Sul terzo gradino del podio si piazza Roma con 2.577 euro per abitante.
Bergamo è al 27esimo posto su 100 capoluoghi, con un debito di 152 milioni di euro (1.304 euro di debito per abitante) e una percentuale di 84,1% di debito sulle entrate che scenderà il prossimo anno all’80,51%”.    
L’inizio dei livelli attuali di indebitamento comunale è dovuta agli investimenti, in particolare dopo che la riforma del titolo V ha messo in Costituzione in divieto di finanziare con debito le spese correnti. I risultati del 2008 si possono solo ipotizzare, ma non mancano gli elementi per indovinare una ripresa del "rosso". In particolari per i meccanismi del Patto di stabilità che, con l’introduzione della competenza "mista", ha lasciato briglia sciolta agli impegni in conto capitale finanziati con il debito.
“Si tratta di un dato inferiore alla media nazionale, pari a 1.542 euro – commenta il Sindaco Roberto Bruni – dato che, comunque, non potrà che migliorare. Infatti nella prossima rilevazione 2007 il “rosso” per abitante sarà ulteriormente ridotto dal momento che già nella manovra di bilancio dello scorso anno (e confermata nell’attuale) l’Amministrazione ha stabilito di non contrattare alcun mutuo ma di utilizzare risorse proprie per far fronte agli investimenti programmati, non aggravando la situazione di indebitamento che, quindi, si alleggerisce per effetto del graduale rimborso dei mutui accesi in passato. Di conseguenza la nostra posizione in classifica, il prossimo anno, non potrà che positivamente scendere: al 31 dicembre 2007 infatti, il debito per abitante ammonta a 1.226 euro come da rendiconto approvato il 24 giugno scorso”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Casoncello

    L’indebitamento è purtroppo necessario, se non ci si vuole limitare all’ordinaria amministrazione. Le opere pubbliche essenziali richiedono spesso l’accensione di mutui. A meno che non si prosegua per la strada tracciata da questa amministrazione: rondò in cambio di colate di cemento, come nel piano di via Autostrada.