BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Trapianti di intestino in età pediatrica Via libera del Ministero ai Riuniti

Gli Ospedali Riuniti hanno ricevuto dal Ministero della Salute l'autorizzazione a svolgere trapianti di intestino e multiviscerali in ambito pediatrico. In Italia il Sant'Orsola di Bologna, il Policlinico di Milano e l'Umberto I di Roma sono autorizzati dal Ministero ad eseguire trapianti di intestino su persone adulte, ma i Riuniti sono l'unico centro del nostro Paese ad aver ricevuto l'autorizzazione per i trapianti d'intestino pediatrici.

Più informazioni su

Il  Ministero  della Salute ha autorizzato l’azienda ospedaliera di Bergamo ad  eseguire  interventi  simili a quelli già eseguiti in via straordinaria dall’équipe del dott. Michele Colledan.  

Gli   Ospedali   Riuniti   hanno   ricevuto   dal  Ministero  della  Salute l’autorizzazione  a  svolgere  trapianti  di  intestino e multiviscerali in ambito  pediatrico.  In Italia il Sant’Orsola di Bologna, il Policlinico di Milano  e  l’Umberto  I  di Roma sono autorizzati dal Ministero ad eseguire trapianti  di intestino su persone adulte, ma i Riuniti sono l’unico centro del  nostro  Paese  ad  aver  ricevuto  l’autorizzazione  per  i  trapianti d’intestino pediatrici.

Gli   Ospedali   Riuniti   avevano   già   ricevuto   delle  autorizzazioni

straordinarie per questo tipo d’intervento, per alcuni casi particolari e i trapianti  erano  stati  eseguiti in collaborazione con il Centro Trapianti del  Policlinico  di  Milano.  Grazie  a  queste  speciali  autorizzazioni, l’equipe  del  dott.  Michele  Colledan, primario della Chirurgia III e dei Trapianti,  eseguiva nella notte 21 e il 22 aprile 2006, per la prima volta in  Italia,  un  trapianto  d’intestino  a un bambino sotto i dieci anni e, nella  notte dell’11 ottobre del 2006, il primo trapianto multiviscerale su un bimbo di 17 mesi, affetto dalla sindrome dell’intestino corto e da grave e irreversibile insufficienza epatica.

Ora,  invece, gli Ospedali Riuniti non necessitano più di questi nulla osta particolari,   in   quanto   il   Ministero   della   Salute   ha  concesso l’autorizzazione al trapianto di intestino pediatrico, a scadenza triennale e rinnovabile. Tra  le motivazioni che hanno portato il Centro Nazionale Trapianti prima e il Consiglio Superiore della Sanità dopo, ad esprimere parere favorevole in merito alla richiesta avanzata dai Riuniti, l’autorizzazione sottolinea:

·     l’elevata professionalità dell’equipe

·     la qualità delle strutture

·       l’attitudine   al   lavoro  in  reti  integrate,  dimostrata  dalla

partecipazione a progetti collaborativi di trapianto di fegato e tramite la tecnica dello split

·      l’integrazione della componente gastroenterologica pediatrica in una

rete nazionale operante nell’ambito dell’insufficienza intestinale cronica

·      la  disponibilità  integrata  di  anestesisti,  chirurghi, pediatri,

gastroenterologi, pneumologi e specialisti di diverse altre discipline, con notevole  esperienza  nella  gestione  dell’insufficienza  acuta  e cronica d’organo, del post-trapianto e delle complicanze «Siamo  particolarmente  lieti  di questa autorizzazione – ha commentato il Direttore  generale  degli  Ospedali  Riuniti  Carlo  Bonometti – perché le motivazioni  riconoscono,  al  di  là dell’indubbio talento dei singoli, la qualità  della  nostra  organizzazione  e  il  positivo apporto di tutto il nostro  personale  in  un  percorso  così delicato come quello che va dalla donazione  al  trapianto  d’organo.  Crediamo  che  questo  sia il punto di partenza  per  raggiungere nuovi traguardi nella medicina dei trapianti che costituisce parte essenziale della nostra mission».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mill

    Non si capisce perchè con queste eccellenze all’ospedale di bergamo non venga attribuito lo status di IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico). Non sarà che i potentati politici locali o il nuovo centralismo regionale non vogliono perdere l’ambita sfera d’influenza?

  2. Scritto da Giovanni Pagnoncelli

    Congratulazioni a tutti gli artefici!! Finalmente qualcosa di gratificante e confortante.

  3. Scritto da Gianni Locatelli

    Congratulazioni per l’ ulteriore gratificazione ai nostro Ospedali Riuniti, ma soprattutto un particolare apprezzamento al prof. Michele Colledan che è sempre più una “Stella” di riferimento nel settore dei trapianti (ed ovviamente ai Suoi Collaboratori).
    Al di la’ dell’ IRCCS (sono incompetente), per la nostra Città è comunque un onore.
    Gianni Locatelli