• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
22 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 16:03
Argomento: 
Saffioti (Pdl)
Il vicepresidente del Consiglio regionale Carlo Saffioti interviene nel dibattito che sta animando il Pdl bergamasco e dà il pieno appoggio al progetto di Angelino Alfano. E a Berlusconi dice: "Parli meno coi colonnelli e apra alla società".

"Schifani ha ragione
sosteniamo tutti Alfano
per uscire dalla palude"

Versione stampabileSend by email

Non c'è pace nel Pdl orobico. Il cordinatore provinciale Angelo Capelli prima scrive ad Alfano contestando certe scelte, poi corregge il tiro. Ora Saffioti interviene e rimarca l'intesa con Roma: con Renato Schifani e Angelino Alfano. 

 

"Renato Schifani, nella sua lettera a Il Foglio, ha colto nel segno: dobbiamo uscire dalla palude dell’incertezza in cui ci siamo infilati, dobbiamo parlare chiaro agli italiani con proposte concrete e coerenti con l’idea di una rivoluzione liberale che era alla base della discesa in campo del 1994. Dobbiamo coinvolgere i settori più intraprendenti della società civile per ricostruire un partito aperto, presente nei territori e tra i cittadini, non chiuso nelle sedi e all’inseguimento solo delle tessere. Lo smarrimento del nostro elettorato è ormai a livelli preoccupanti". A parIare è il Vice Presidente del Consiglio Regionale Carlo Saffioti (Il Popolo della Libertà), che si schiera a fianco del Presidente del Senato che, in un intervento sul quotidiano diretto da Giuliano Ferrara, ha chiesto un’“operazione verità” a Berlusconi.

"L’impressione – afferma infatti Saffioti – è che ci si stia impantanando nelle dinamiche autoreferenziali dei gruppi interni del partito".

Secondo il Vice Presidente del Consiglio Regionale, infatti, "si sta creando un circolo vizioso in cui tutti stiamo dando il peggio di noi, bisogna ricreare invece un circolo virtuoso che ha come obiettivo non la tutela di questo o quel gruppo ma il bene comune".

La soluzione? Per Saffioti è solo una: "Berlusconi dovrebbe parlare meno coi colonnelli e di più coi cittadini, mettendosi a colloquio con l’opinione pubblica. Ripartiamo dai cittadini, dalle famiglie, dalle imprese, dai giovani: Berlusconi apra maggiormente alla società e troverà così una classe dirigente pronta a portare avanti un progetto di cambiamento. E non guasterebbe anche mettere in sordina quelle persone che non rappresentano più un’immagine positiva per il partito".

Questa situazione di smarrimento rischia di coinvolgere anche il Segretario Nazionale: "Angelino Alfano è una persona che merita fiducia: è una grande risorsa per il partito – dice Saffioti – Dobbiamo dargli il nostro massimo sostegno in questa faticosa azione di profondo rinnovamento del partito e di rilancio della proposta politica del Centrodestra".

Commenti

Sconcertato:
Bravo Carlo! Continua ad emulare il leader maximo. Parenti e amici restano la parola d'ordine!

Arianna:
Ci vuol altro che parlare con le famiglie con i giovani e con le imprese, finalmente si sono accorti che han dato il peggio di loro stessi ...non penseranno di recuperare gli elettori ancora e solo con i discorsi, c'è bisogno di iniziative concrete non di trovate pubblicitarie per tirare avanti in questo modo, buttando fumo negli occhi alla gente ormai non ci crede più nessuno

Camicia Rossa:
Il partito di plastica è FINITO! Fuori uso come i sacchetti, certo ci son i tentativi della media borgesia pensabenista (ma piccola piccola nell'animo) di tenerlo in vita e forse ci riusciranno. L' 'Italia come diceva Pasolini è un paese fondamentalmente piccolo borghese quindi i celebri "moderati" saranno l'ago della bilancia ma se dovessero essere inglobati dal PD come da strategia di Bersani (che non condivido) adios...

Camicia rossone...:
Camicia rossa ė finita da tempo. Chi e che parla? Un nipotino di Stalin? Ma dai, ritorna sulla terra!

Dice Saffioti: «Ripartiamo dai cittadini, dalle famiglie, dalle imprese, dai giovani: Berlusconi apra maggiormente alla società...». Quante volte l'abbiamo sentito dire! Potrebbe dirlo uno del Pdl, uno del Pd, il capozona delle forze di vendita che vede calare il fatturato (ovviamente, mutatis mutadis: il Direttore marketing deve analizzare le tendenze di consumo del mercato...). Credo invece che si debbano analizzare le ragioni del successo della discesa in campo dei Berlusconi prima maniera, esaminare le ragioni della sconfitta, mettere a confronto le risorse allora disponibili e quelle odierne, esaminare le c.d. "condizioni al contorno". Bisonga ragionare come ragionano i fisici, per es.

Aldo:
Sembra di leggere cose di un'altra era geologica (per fortuna) , adesso possiamo cercare soltanto di leccare le tremende ferite e.... non farlo più.

luc:
poverino ............ non si può commentare, sarebbe come sparare sulla croce rossa ;) dai carlo ancora 10 mesi e poi te ne vai a lavorare, se ti riesce!

Riccardo:
Dimenticavo: una cosa questo signore la sa fare molto bene, inondare di lettere l'Eco un giorno sì e un altro pure, e lo stesso farà anche qui e da altre parti. Ricordiamoci anche che voleva fare il sindaco della nostra città e probabilmente ci sta già pensando. Una volta ci siamo salvati....

Riccardo:
Non ho capito bene: lavorare? Per una gran parte di questi politici non è una parola comprensibile. Puoi spiegargliela meglio per favore?

vacario:
Gli auguro sinceramente di credere in quello che dice...l'elettorato è già andato da un'altra parte. P.S.: dopo le nomine all'AG com i rappresentanti di tutti i partiti politici che hanno votato quei commissari dovrebbero osservare una settimana di silenzio o, almeno, evitare prefiche su meritocrazia, società civile e via discorrendo...

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram