• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
20 Aprile 2014 - Ultimo aggiornamento: 20:04
Argomento: 
Brembilla, Pd
Il consigliere comunale Marco Brembilla (Pd) interpella l'amministrazione comunale sul parcheggio selvaggio in città e l'assenza delle sanzioni per i furbi della sosta.

"Parcheggio selvaggio
Il Comune non sanziona?"

Versione stampabileSend by email

Marco Brembilla, consigliere comunale del Pd, solleva il problema della sosta selvaggia a Bergamo e chiede conto all'amministrazione comunale di Bergamo dell'assenza di sanzioni per i trasgressori. 

 

"Da tempo ormai si assiste a fenomeni diffusi e continui di non rispetto sia dei divieti di sosta, sia dei divieti d’accesso nelle ZTL: basta passeggiare per le vie della città per vedere come, purtroppo, il parcheggio selvaggio stia diventando un'abitudine per molti bergamaschi. In largo Rezzara, piazza Pontida e largo Cinque vie, ad esempio, vi sono macchine parcheggiate a ogni ora (si badi bene che non sono solo in divieto di sosta, ma nell’unico varco possibile dal largo Cinque vie c’è un cartello ben visibile di divieto d’accesso). Attorno alla Procura della Repubblica (ex Tribunale) sui tre lati di piazza Dante, via S. Michele e via Brigata Alpina Orobica, sono parcheggiate auto, molte senza alcun contrassegno, altre con permesso per residenti e pochissimi veicoli legati alle attività della procura (peraltro l’invasione massiccia avviene soprattutto il sabato e la domenica quando gli uffici sono chiusi).

Si tenga presente che l’unico accesso carrale possibile è da via Petrarca dove è posizionato un cartello con divieto d’accesso “eccetto veicoli di polizia giudiziaria”. In via Orio da anni è in vigore una Zona a Traffico Limitato in ingresso alla città con esclusione dei giorni feriali dalle 7 alle 9.30. Al di là delle discussioni pro o contro, ormai non esiste più nessun controllo per cui tutti entrano tranquillamente perché sicuri di farla franca. La situazione sta provocando la comprensibile reazione dei residenti che, ogni anno, pagano per avere il contrassegno che consente loro di entrare; molti di loro giustamente non intendono più pagare per avere un permesso che tutti comunque “ottengono” gratis. Sul piazzale del Cimitero civico (anche qui divieto d’accesso prima ancora che di sosta) molti parcheggiano in assoluta tranquillità, nonostante i numerosi posti adibiti a parcheggio presenti prima dell’accesso al piazzale, dove con estrema facilità si può trovare posto.

Nella zona di piazza del Delfino vi sono auto parcheggiate a tutte le ore che rendono pericoloso l’incrocio tra le auto che salgono da via Pignolo e le auto che (spesso infrangendo la Ztl) scendono da via Pignolo verso via Masone.

Sono solo alcuni esempi (se ne potrebbero citare molti altri), che comunque denotano un malcostume dilagante di non rispetto delle regole che trova terreno fertile in assenza di adeguati controlli. Senza voler infierire su nessuno, è opportuno incentivare l’educazione civica degli automobilisti anche attraverso severi controlli e sanzioni; tra l’altro conoscendo la situazione economica dell’Amministrazione comunale questo aiuterebbe a rimpinguare le casse comunali. Non sarebbe mettere le mani nelle tasche dei cittadini, ma in quelle dei “furbi” che ritengono di poter fare sempre e comunque i propri comodi. Per questo motivo il Partito democratico ha depositato un'interpellanza, firmata da tutti i gruppi di minoranza, per chiedere al sindaco e all'assessore competente di chiarire quali sono le intenzioni della giunta sul tema della lotta al parcheggio selvaggio: «se non ritengono – chiede il documento - di dover intervenire al più presto per contrastare questa “moda” del “vado e parcheggio dove mi pare” oppure quali sono i motivi per l’assenza di adeguati controlli».

Marco Brembilla

Consigliere comunale Partito democratico

Commenti

Residente:
Domenica raffica di multe! Cosi' risaniamo le casse e ci riduciamo l'IMU! Impariamo dagli altri comuni!!! Comunque oltre che l'Atalanta, la sfilata sfigata probabilmente c'e' anche la fiera di primavera sul sentierone. Ma cosa combinano in comune?

Residente:
Domenica raffica di multe! Cosi' risaniamo le casse e ci riduciamo l'IMU! Impariamo dagli altri comuni!!! Comunque oltre che l'Atalanta, la sfilata sfigata probabilmente c'e' anche la fiera di primavera sul sentierone. Ma cosa combinano in comune?

piero fogaroli:
Provate un giorno qualunque, in un'ora qualunque, a transitare in piazza Matteotti, proprio fuori dal Municipio, sotto i poveri Fratelli Calvi, dove c'è un derelitto cartello di divieto di sosta con rimozione forzata (!). Se trovate meno di tre macchine, siete fortunati. Io il 21/12 (giorno qualunque, circa mezzogiorno) ne ho contate (e fotografate) sei e non c'erano matrimoni in corso... Forse qualcuno dovrebbe guardare più spesso dalla finestra. Ah, la foto l'ho inviata al Comune: ne sapete qualcosa? Saluti a tutti.

usiamo il cervello:
OK sig. Brembilla, così va benissimo. Si è solo dimenticato la guida col cellulare all'orecchio (solo i vigili non li vedono) Speriamo però che Lei sia semplicemente omonimo di quel Marco Brembilla che nella precedente Amministrazione ha imposto la riapertura di via per Orio contro il parere unanime della Circoscrizione (di centro sinistra), che ha buttato una marea di soldi per telecamere che non funzionano perchè hanno volutamente sbagliato a fare la richiesta di autorizzazione (dopo!), che non ha mai mandato i vigili in via Orio, che non ha mai fatto collocare i giusti limiti di velocità in Circonvallazione nè fatti controlli ecc. ecc. O è un segno di "coscienza civica" per il centrosinistra aver votato anche recentemente per il Piano di Sviluppo di un Aeroporto che non rispetta i limiti di legge, dopo averne approvato la "compatibilità urbanistica" (sic) SVEGLIA

gigi:
a parte il cellulare non codivido null'altro della lamentela di parte. le circoscrizioni sono da abolire rappresentano gli interessi di poche persone e con l'unico obbietivo di impedire a prescindere. Le telecamere le dovreste pagare voi, non la collettività, troppo comodo fare i brillanti a spese degli altri.

gigi2:
perchè non ha impedito il raddoppio dell'oriocenter, l'incremento dell'aeroporto ecc. (naturalmente sulla pelle degli altri, ovvio) Poi va bene se la collettività regala 180 mila euro all'anno per l'autobus no stop per l'aeroprto ai vacanzieri delle altre regioni

gigi:
un conto sono le ZTL che non rispetto e non m'interessano, visto che rappresentano il priviegio di qualcuno (specialmente quella per orio ) un'altro conto sono i parcheggi selvaggi che andrebbero sanzionati dai vigili se esistessero. o meglio esistono ma fanno meno del minimo indispensabile e solo in certe occasioni e zone evitando accuratamente certe zone e manifestazioni

Tata:
Non condivido per nulla le ZTL sono solo un modo poco democratico e molto astuto per far passare una fantozziana idea dell'ecologia assolutamente priva di senso ma molto concreta economicamente, per il Comune ovvio, non per i cittadini, la sinistra ecologista ( quella vera non quella a registratore di cassa) invece che lanciare "strali" sui parcheggi "selvaggi , come se Bergamo fosse una specie di Bronks, cominciasse dai problemi veri, tanto per dirne uno l'inquinamento ambientale per causa dell'implemento fuori controllo degli aerei di Orio, o peggio dei ben 2 termo valorizzatori a distanza di 5 miseri km l'uno dall'altro che diffondono nanoparticelle cancerogene su tutta la popolazione limitrofa. Con tutto il rispetto.. il parcheggio " selvaggio" dei Suv? E chi se ne....

W V.E.R.D.I.:
..io in circonvallazione fabriciano sotto la rotonda di monterosso stavo per centrare un'auto scura parcheggiata in un cono d'ombra e che era praticamente in mezzo alla strada..fortuna che l'ho vista all'ultimo ma se ci fosse stata un pò di nebbia o avesse piovuto..bhò...in tal caso,di chi era la colpa?

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram