• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
22 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 10:08
Argomento: 
Il provvedimento
Il trasmettitore che operava sulla frequenza 103,5 Mhz è stato 'beccato' dalla Polizia Postale con caratteristiche di funzionamento difformi da quelle prescritte: l'emittente leghista ricorre al Tar.

La polizia postale
spegne radio Padania
a Milano

Versione stampabileSend by email

Da qualche giorno Radio Padania, l'emittente della Lega Nord, non è più udibile in buona parte di Milano perchè il trasmettitore che operava sulla frequenza 103,5 Mhz è stato 'beccato' dalla Polizia Postale con caratteristiche di funzionamento difformi da quelle prescritte.

Gli orgnai preposti hanno disposto la disattivazione, provvedimento contro cui Radio Padania si sarebbe opposta facendo ricorso al Tar (Tribunale amministrativo regionale).

L'antenna, originariamente situata in comune di Cinisello Balsamo funzionava abusivamente dal centro di Milano sul grattacielo 'Torre Velasca'. Gli inviti a regolarizzare la posizione erano stati più volte disattesi dalla radio della Lega. Per ora, sino alla pronuncia del Tar le trasmissioni su Milano restano mute.

Commenti

Dino:
...Dopo " CREDIEURONORD" ecco la meno eclatante "RADIO PADANIA LIBERA"...continua a precipitare il MITO dell'ultimo partito "sano" e pulito d'Italia. Anche dopo una SANA legge elettorale rifatta a D.O.C. ...chi andremo a votare per rilanciare il nostro Paese ?

ilario:
UNA RADIO CHE SI METTE LA SCRITTA LIBERA E POI PRENDE SOLDI DALLO STATO SOLDI DEI CONTRIBUENTI NON E' UNA RADIO LIBERA . SOLO UNA RADIO VERA E LIBERA CONOSCO ED E' DI SCANDICCI IN PROVINCIA DI FIRENZE ED E' DALL 26 APRILE SOTTOSEQUESTRO PERCHE' NON SI E' MAI PIEGATA NON SI PIEGA E NON SI PIEGHERA' AL SISTEMA CORROTTO POLITICO ROSSO IN TOSCANA E A FIRENZE

roberta:
Perchè scrivi tutto in maiuscolo, che nel mondo di internet equivale ad urlare? Guarda che ti leggiamo lo stesso, anche se scrivi in modo normale come fa il resto dell'umanità e il resto dei commentatori di bergamonews. Te lo garantisco.

Roby:
Perché è il tipico linguaggio di quella radio di Scandicci sequestrata per diffamazione e odio razziale. Si commenta da solo.

Luca:
Radio Vaticana non fa parte dello stato italiano,per quanto riguarda la competenza della polizia postale,purtroppo è cosi,NON è competenza del sindaco

Alessandro:
Volete che vi ricordi il modo indegno con cui Radio Padania per ben 2 volte si è insediata, udite udite, nel Salento??? Occupando frequenze già occupate tra l'altro

Ilaria Maria Preti:
Non per dire, ma guardate che lo spegnimento degli impianti delel antenne sono conformi sono competenza del sindaco, non della polizia postale. Informarvi davvero costa molto?

Lellos:
Per quanto ne sò, spetta alla polizia postale, vigilare sugli apparati radio, sè la polpost ha riscontra dei valori oltre quelli consentiti dalla legge, codice alla mano e ti spegne l'impianto....PS il sindaco al limite può chiedere l'intervento della polpost.

Fede:
Veramente se ne occupa il Minicom Lombardia (Ministero delle Telecomunicazioni ora Sviluppo Economico), naturalmente la Polizia Postale essendo Pubblici Ufficiali e con mandato possono entrare anche in proprietà privata. Il Sindaco non centra proprio nulla. Ti dico questo, poiché mi occupo proprio di questo. Ciao FEDE.

nessuno:
Le radiofrequenze e la loro concessione sono del Ministero delle Comunicazioni . ... sentito il parere Ministero Interni ecc.. il controllo è dato dall'ufficio delle poste centro .. . lo slittamento di frequenza comporta disagi - abusi - L'imposizione fiscale è data dalla Polizia Postale . Ecopost.-

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram