• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
25 Aprile 2014 - Ultimo aggiornamento: 09:48
Argomento: 
L'incontro
In questa nuova alleanza, a legge elettorale ancora in alto mare, il leader di Sel mette fuori dai giochi l’Idv: “Il propagandismo esasperato di Di Pietro lo sta portando alla deriva”.

Bersani e Vendola
aprono all'Udc
e scaricano Di Pietro

Versione stampabileSend by email

Scaricano Antonio di Pietro, il leader bergamasco dell'Italia dei valori, e aprono all'Udc. Stiamo parlando di Pierluigi Bersani (Pd) e Nichi Vendola (Sel) che mercoledì mattina si sono incontrati e hanno deciso di allearsi con Pierferdinando Casini.

L’ex presidente della Camera proprio martedì aveva aperto uno spiraglio all’alleanza invocando i partiti ad “ammainare le bandiere di parte”. E in questa nuova alleanza, a legge elettorale ancora in alto mare, il leader di Sel mette fuori dai giochi l’Idv: “Il propagandismo esasperato di Di Pietro lo sta portando alla deriva”.

Il presidente della Puglia spiega di essere pronto a partecipare a coalizioni che comprendano “tutti quelli che vogliono modernizzare l’Italia” e che abbiano al centro “i diritti sociali e civili delle persone, come i diritti delle coppie gay”. Argomenti che solo ieri il segretario dei Democratici ha elencato nella carta di intenti. Allo stato le porte chiuse per l’Idv perché “non sta mostrando interesse” per la costruzione di un’alleanza di centrosinistra.

Solo un mese fa Vendola e Di Pietro avevano inaugurato il “cantiere del centrosinistra” e lanciato un aut aut ai democratici. In caso di alleanza con Casini sarebbero venuto meno il patto di Vasto.

I due partiti dicevano di aver fatto fronte comune (“Niente coalizione se non ci siamo entrambi”), con il governatore pugliese che proteggeva l’ex magistrato gettando sul tavolo il suo clamoroso successo nelle ultime amministrative. Invece oggi Vendola apre ai moderati dicendo: “Il centrosinistra è il soggetto fondante dell’alternativa e non deve aver paura di portare con sè chi intende arricchire il suo orizzonte se l’agenda ha al centro i diritti socialie civili. Io non pongo veti a nessuno”.

Sel “è disponibile ad essere un soggetto fondatore al pari del Pd di un polo della speranza per costruire l’alternativa a 30 anni di liberismo che hanno portato l’Italia in grande crisi”.

Il governatore della Puglia però smentisce, bollando come “Fantapolitica”, l’ipotesi di una lista unica Pd-Sel. ”Con Bersani abbiamo discusso a lungo dei contenuti della carta di intenti – spiega Vendola – e tra qualche ora ci sarà un documento di Sel che vuole interloquire nel merito dei temi. A Bersani ho sottolineato la necessità di una rottura molto più limpida con politiche di liberismo che hanno segnato 30 anni e portato l’Italia in una condizione di grande crisi”.A

Commenti

andrea:
vergognoso! cosa si fà per far parte di una maggioranza ed occupare una poltrona, ci si vende anche ....... io ero convinto che piu in basso dell alleanza tra alfano bersani casini non si poteva andare.

mario59:
E' demoralizzante vedere che il PD si allea con Casini..sempre pronto ad andare con il centro destra in qualsiasi momento. Di Pietro sarà anche esasperato, ma purtroppo è l'unico rimasto a ricordare a tutti che l'attuale governo tecnico, sta facendo pagare il tentativo di salvataggio (non è nemmeno detto che ci riesca) alle classi più deboli. Mentre il falso comunista con i soldi Bersani, continua a sostenere e avvallare tutte le ingiustizie del governo Monti. Adesso anche Vendola si unisce al carro dei falsi profeti..cosa non farebbero pur di conquistare la poltrona. Di Pietro sarà anche un esasperato qualunquista, ma almeno continua a denunciare la verità sull'operato di questo governo.

Ivan 1976:
Dispiace dirlo.. Vendola è una bandierina.. Non so se si rende conto che sta imbastendo un'alleanza con gli stessi PD e UDC che insieme al PDL in 9 mesi di Governo Monti hanno massacrato a colpi di liberismo e politiche praticamente di destra (nè più nè meno come l'asse Berlusconi-Bossi-Sacconi) i diritti sociali dei lavoratori e della povera gente comune!! Caro Nichi.. arrivati a questa tua ''svolta'' a destra, spero che gli operai ed i cittadini di Sinistra (quella vera!) ti scarichino!! A 'sto punto, 100 volte meglio la cara vecchia Rifondazione Comunista

giuseppe:
è triste vedere che il PD preferisce un partito di cattolici bigotti e un po' mafiosetti a Di Pietro, ma gli ultimi mesi parlano chiaro: l' UDC ha sostenuto il governo che sta salvando l' Italia (e l' Europa) dal baratro mentre Di Pietro ha assunto una posizione irresponsabile e qualunquista. Speriamo che il nuovo governo PD-SEL-UDC sappia comunque ridurre poteri e privilegi della chiesa. Speriamo...

Ernesto:
Sono d'accordo con te e con il fatto che in questo momento non ci sono alternative. Di Pietro ormai da un pò di tempo sta anteponendo i suoi interessi di bottega a quelli del paese. Lo sbarramento al 5% lo sta facendo sbandare paurosamente , ma non si può fare diversamente , i partitini ammazzano la governabilità, è dimostrato. Di tutto abbiamo bisogno meno che della ingovernabilità alla greca.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram