• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
25 Luglio 2014 - Ultimo aggiornamento: 13:20
Argomento: 
Letto per voi
Franco Patrizi sul Fatto quotidiano "vendica" in qualche modo Gianfranco Fini e tutti i politici che vengono presi di mira dai quotidiani del centrodestra ricordando come anche i direttori di questi giornali, tra questi il bergamasco Vittorio Feltri, siano scortati a spese... dello Stato.

Anche Feltri e Belpietro
ce l'hanno...
la scorta dei giornalisti

Versione stampabileSend by email

Franco Patrizi sul Fatto quotidiano "vendica" in qualche modo Gianfranco Fini e tutti i politici che vengono presi di mira dai quotidiani del centrodestra ricordando come anche i direttori di questi giornali, tra questi il bergamasco Vittorio Feltri, siano scortati a spese... dello Stato.

Cosa hanno in comune un politico condannato per mafia (vedi Marcello Dell’Utri), un ex ministro pluri dimissionario con sopra la testa un bell’appartamento acquistato a sua insaputa (vedi Claudio Scajola). E una serie di prime firme del nostro giornalismo? Sicuramente aver frequentato il Parlamento, senza dubbio una certa simpatia per il centrodestra. Una vaga fama godereccia. Ma soprattutto: il servizio scorta. La lista dei beneficiari non è amplissima, ma comunque carica di suggestioni, inciampi, inchieste e polemiche. Del gotha fanno parte Maurizio Belpietro, Vittorio Feltri, Bruno Vespa, Emilio Fede e Vittorio Sgarbi.

Alcuni dati: esistono quattro livelli di scorta a seconda della gravità. Nel grado più alto sono previste due o tre macchine blindate, con tre agenti per auto. In quello più basso, la macchina non è blindata e gli agenti sono uno o due. Difficile, se non impossibile, quantificare realmente quante sono le personalità coinvolte. Le accertate sono attorno a 585, ma le variabili sono tali da non poter rendere il numero fisso. Questo perché in Italia non c’è un unico assegnatario, ma si passa dall’ispettorato del Viminale, al Reparto scorte di Roma (il più grande del Paese), fino agli ispettorati di Camera, Senato e Quirinale. Senza poi escludere i Servizi Segreti. Tra questi reparti c’è chi ha avuto a che fare con Vittorio Sgarbi.

L’ex sindaco di Salemi è, strano a dirsi, il più agitato e polemico sull’argomento. Il giorno in cui gli è stata sospesa ha immediatamente rassegnato le dimissioni da primo cittadino. Al grido: come osate! Ristabilita, poi anche rafforzata, Sgarbi è stato protagonista all’aeroporto di Fiumicino di un qui pro quo con gli agenti dello scalo che hanno denunciato le continue angherie alle quali sono sottoposti dal critico d’arte. La questione? Sempre la stessa: “Rifiuta di fare la fila, vuole sempre saltare la coda”. Parola del sindacato di polizia. Fino a quando “si è fatto inserire nella lista del Cerimoniale di Stato, da cui passano capi di Stato e personalità internazionali”, continua la Silp Cgil. Ovvia la smentita di Sgarbi.

Questione intricata anche per Maurizio Belpietro, in questi giorni protagonista con Libero di una battaglia (giornalistica) contro la scorta di Gianfranco Fini, da mesi ubicata in quel di Orbetello. Il direttore vive sotto tutela dal gennaio 2003 (allora era al Giornale), dopo una lunga serie di minacce e una lettera recapitata con dentro due proiettili. Una sera è stato anche allontanato modello-Hollywood da un ristorante perché davanti all’entrata era stato scoperto un furgone rubato con due soggetti dentro. Ma l’apice è stato raggiunto quando si parlò di attentato con tanto di titoloni a tutta pagina, e la cronaca dettagliata di un inseguimento messo in atto da un capo scorta particolarmente solerte. Vicenda poi archiviata dalla Procura di Milano. Il tizio pericoloso pare fosse un semplice ladro. Alter ego di Maurizio Belpietro è Vittorio Feltri. Giovedì ha difesa Gianfranco Fini, e chiesto di abolire la scorta per tutti, comprese le tre maggiori cariche dello Stato: “Ripeto: si considera superfluo o troppo oneroso un servizio così? Eliminiamolo eventualmente per tutti, senza discriminazioni in positivo”, ha scritto il condirettore del Giornale.

Anche con Fede c’è di mezzo la Procura di Milano. Durante le udienze del processo Ruby, l’ex capo della sua scorta, Luigi Sorrentino, ha raccontato le abitudini dell’ex direttore del Tg4. Abitudini che hanno portato il carabiniere a discutere prima, e venire allontanato poi, dal servizio offerto al giornalista. All’epoca del bunga bunga arcoriano furono numerosi gli agenti pronti a ribellarsi scocciati (e avviliti) per dover assistere a certe pratiche. Postilla: dopo la polemica scatenata da Libero contro Fini, il ministro Cancellieri ha annunciato la nascita di un “gruppo di lavoro” per valutare lo stato delle scorte. Peccato che in questo recente clima da spending review è stato accorpato l’Ucis, l’ufficio nato dopo la morte di Marco Biagi e già preposto a tale funzione.

di Franco Patrizi

Commenti

mario 2:
ok torniamo indietro nel tempo,c'e' qualcuno di sinistra che sia stato raggiunto da pallotole comuniste? c'e' qualcuno di destra che sia stato colpito da pallotole comuniste ? datevi una risposta e giudicate.

enrico:
Anche Fede ha la scorta? Non c'è più fede...... Quanti bla bla ..............................................

La verità fa male:
POLEMICO a questi commentatori rosiconi che ironizzano su LIBERO è bene far sapere che 1) la crisi è quasi finita: lo ha detto ieri Monti e oggi Passera; si attende solo l'annuncio ufficiale che i ristoranti sono pieni 2) lo spread oggi è risalito "per colpa dei tedeschi" della Bundesbank, ma che ci vuol fare? se non c'era LUI oggi lo spread sarebbe a 1200 punti 3) la Fornero ha dichiarato di aver salvato la nazione quindi se non si assume è colpa delle imprese 4) Monti suggerisce di non fare il referendum sull'euro; in Germania aveva dichiarato che i Parlamenti fanno perdere tempo ai governi. Di fronte a codeste credibili notizie non mi resta che continuare a leggere LIBERO

WWF:
Che tenerezza ! Ma .... non ha notato come la guardano quando viene via con Libero dal giornalaio ? Ormai è come la protezione del panda gigante .....

Arianna:
Concordo,!!! quando penso che ci hanno raddoppiato le tasse e si deve pagare anche per queste cose ti senti come un ""servo " spremuto

magister:
Belpietro! Ve lo ricordate il falso attentato alla sua vita? Andava dicendo che lo aveva subito per le sue idee!!! Una delle migliori barzellette mai sentite!

Marco:
Il "falso attentato" come dici tu, si è rivelato essere un semplice ladro, come è scritto nell'articolo e come ha stabilito la magistratura, non una bufala architettata ad arte o inventata come lasceresti intendere tu usando i termini che hai usato. Un equivoco, non un falso attentato, sul quale prima hanno speculato gli amici di Belpietro e poi quelli come te. Ah, sono scortati anche i giornalisti di centrosinistra, ma forse non ti interessa. Contento tu...

il polemico:
beh,la segretaria di fede era rimasta ferita per un pacco bomba,e se non se lo era mandato lo stesso fede.....

il polemico:
il giornalista vendica l'onorevole fini e elenca nomi di chi lo accusa e che hanno la scorta,e che siamo?tornati tutti bambini?tu dici questo di me e io dico alla maestra cosa hai fatto di marachella.è risaputo che se un uomo pubblico o privato riceva delle minacce,la prima cosa che si fa è metterci la scorta.e ce ne sono tantissimi che godono si sto privilegio,qui si accusano 4 individui per trovare giustificazioni verso gli altri,cosi poi non fa più notizia vedere l'on.finocchiaro che si fa aiutare dalla scorta a portarsi la spesa a casa.lei può.feltri no.la scorta va eliminata a tutti,non giustificata solo ad alcuni sput..do.gli altri.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram