• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
27 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 06:25
Argomento: 
La replica
Antonio Misiani, parlamentare di Bergamo e tesoriere nazionale del Partito democratico, risponde alle critiche di Micromega Bergamo: "Grazie dell'analisi, ma la farete anche per gli altri partiti?"

"Nessuno spreco, anzi
Ecco come spendiamo
i soldi nel Pd"

Versione stampabileSend by email

Antonio Misiani, parlamentare di Bergamo e tesoriere nazionale del Partito democratico, risponde alle critiche di Micromega Bergamo (Rocco Gargano e Roberto Trussardi) sul bilancio del Pd.

 

Gentile direttrice,

mi permetta alcune precisazioni in riferimento all'analisi che Micromega Bergamo ha fatto del bilancio del PD nazionale:

1) le spese per viaggi e pernotti sono legate alle esigenze organizzative di un grande partito presente sul territorio con oltre seimila circoli, che ogni anno organizza centinaia di iniziative alle quali partecipano i dirigenti nazionali del Pd. Poiché quasi tutti i membri della segreteria nazionale e buona parte dei responsabili dei forum tematici non sono parlamentari, i relativi costi di trasporto aereo e ferroviario (nonché quelle di alloggio e vitto, nei limiti definiti dai nostri regolamenti interni) sono a carico del Pd nazionale;

2) tutte le sedi del Pd nazionale sono in affitto. I relativi canoni rispecchiano gli (elevati) livelli di mercato degli immobili adibiti ad ufficio nel centro di Roma e la necessità di assicurare spazi per chi lavora o svolge funzioni politiche nel Pd nazionale;

3) i dipendenti e i collaboratori del Pd ammontano, a fine 2010 (ultimo rendiconto approvato), a 202 unità. E' un livello nettamente inferiore al numero di dipendenti e collaboratori di DS e Margherita a fine 2007 (330 unità complessive) e neanche lontanamente paragonabile alla dimensione degli apparati dei partiti della cosiddetta Prima Repubblica (la Federazione provinciale PCI di Firenze aveva da sola 150 dipendenti...). Le spese per le consulenze comprendono, come è specificato nel bilancio, anche i compensi per i 12 collaboratori;

4) per quanto riguarda le iniziative organizzate dal Pd nazionale, invito i lettori di Bergamonews a leggere il lungo e dettagliato elenco riportato nella Relazione del Tesoriere da pagina 8 a pagina 10.

Rinvio, per tutti gli approfondimenti del caso, alla sezione Internet del Pd nazionale dedicata alla trasparenza e al bilancio: http://www.partitodemocratico.it/speciale/trasparenza/bilancio.htm

Ricordo che il Pd nazionale sin dalla fondazione ha sottoposto - unico partito in Italia - il proprio bilancio alla revisione e alla certificazione di una primaria società internazionale (PriceWaterHouse Coopers, la stessa che certifica il bilancio della Banca d'Italia). Dal 2012 abbiamo esteso la revisione e la certificazione anche ai bilanci delle strutture regionali Pd.

Ringrazio, naturalmente, i solerti analisti di Micromega Bergamo per il loro lavoro.

Augurandomi (invano, temo...) che analoga attenzione e analisi venga riservata ai bilanci degli altri partiti politici.

Cordiali saluti.

Antonio Misiani

Tesoriere nazionale Pd

Commenti

usiamo il cervello:
Anche i bilanci della Ciro e della Parmalat erano certificati da "primarie società di certificazione"

Portiamoloalmacero:
Già "usiamo il cervello" , cosa che non sempre si fa, ad esempio perchè è obbligatorio che nelle borse di tutto il mondo i bilanci siano certificati ? Come sono stupidi, secondo 2usiamo il cervello" ! Alcuni di questi stupidi pensano che serva a garanzia di chi ci mette i soldi prevedendo controlli e pene specifiche per controllore e controllato, il che non può voler dire che ogni tanto, come in qualunque attività umana, non ci scappi un criminale, che a maggior ragione viene punito. Ma il cervello sembra che lo usi soltanto un lettore di bgnews che si firma così.

pm:
Continuo a ritenere profondamente sbagliato che un partito politico debba essere sovvenzionato dallo stato. Basterebbe prelevare una percentuale degli assurdi stipendi dei parlamentari, o basarsi su donazioni volontarie. E, se non sono in grado di raccoglierle, significa che non devono nemmeno esistere.

Maria Grazia:
A proposito di irrilevanza, direi che dato l'oggetto in questione, chiedere perchè non si fanno le pulci sui bilanci ad altri partiti oltre che al PD abbia un senso e come, dilungarsi sulla propra collocazione dentro /fuori da questo o quel partito, è di gran lunga più irrilevante. Che la questione politica fondamentale è stata posta, ci sono state risposte chiare , e dettagliate.si chiama "attività politica".far vincere fassino a torino costa, così come in altre città. ma è solo un esempio.trovate ne altri. poi se volete che vincano solo quelli coi soldi ditelo.pensate a bergamo ad esempio.ne riparliamo fra un anno.

MAURIZIO:
Cara Maria Grazia. Il rimborso elettorale dei partiti, gli stipendi dei parlamentari, le auto blu, le spese elettorali... sono solo alcuni minimi elementi di un'impalcatura generale. Le leggi che regolano la pubblica amministrazione e i costi dello Stato sono il problema. Se il barbiere di Montecitorio guadagna 160 mila euro a norma di legge, lei capisce che il rimborso elettorale è il minore dei mali. La colpa dei politici è non avere trasformato la spesa pubblica quando ancora erano in tempo. Oggi è troppo tardi. Che vi piaccia o no, siete fuori gioco. Game over.

MAURIZIO:
Caro Misiani, 3. Potrebbe cortesemente dirci se è in grado di documentare le donazioni private e i proventi delle Feste dell'Unità attraverso i quali avete acquisito un patrimonioimmobiliare del valore di circa un miliardo di euro?

Requisizione:
Caro Maurizio può documentare centesimo per centesimo le entrate con le quali suo nonno ha acquistato la casa ? ( il rogito non conta) Se non trova le pezze giustificative le requisiamo la casa.

MAURIZIO:
Lei può dire che mio bisnonno era un ladro perchè non è possibile documentare come ha acquisito le case che ha lasciato a mio nonno e poi a mio padre. Bene. Ma bis nonno, nonno e padre hanno nome e cognome. Quello che voi anime belle dovete fare è 1. dichiarare ufficialmente che tutte le proprietà dei DS (ex PCI) non sono state acquisite denaro pubblico, ma solo con soldi privati e con fondi legati ad attività commerciali 2. pubblicare i bilanci delle attività commerciali degli ultimi 10 anni, su cui immagino abbaiate pagato le tasse, che vi hanno consentito di acquisre eventuali immobili in questo periodo. Restiamo in trepidante attesa.

MAURIZIO:
Si,mio nonno ha ereditato i suoi beni dal padre, il mio bis nonno. Inoltre, l'attività del nonno è perfettamente compatibile con altri beni entrati nella asse ereditario. Il rogiti contano eccome. Poichè voi sostenete di aver acquisito un miliardo e duecento milioni circa di proprietà immobiliari con la vendita delle salamelle e con lasciti privati, pubblicate i bilanci degli ultimi 10 anni delle vendite effettuate e l'elenco dei lasciti. Con le dovute proporzioni vedremo se dalle prime e dai secondi è possibile acquisire quel valore immobiliare.

MAURIZIO:
Caro Misani, 2. potrebbe dichiarare pubblicamente che il patrimonio immobiliare dei Ds, oggi parte del PD, del valore attuale di circa un miliardo di euro è frutto unicamente di donazioni private e dei proventi delle Feste dell'Unità?

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram