• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
25 Ottobre 2014 - Ultimo aggiornamento: 01:20
Argomento: 
La replica
Antonio Misiani, parlamentare di Bergamo e tesoriere nazionale del Partito democratico, risponde alle critiche di Micromega Bergamo: "Grazie dell'analisi, ma la farete anche per gli altri partiti?"

"Nessuno spreco, anzi
Ecco come spendiamo
i soldi nel Pd"

Versione stampabileSend by email

Antonio Misiani, parlamentare di Bergamo e tesoriere nazionale del Partito democratico, risponde alle critiche di Micromega Bergamo (Rocco Gargano e Roberto Trussardi) sul bilancio del Pd.

 

Gentile direttrice,

mi permetta alcune precisazioni in riferimento all'analisi che Micromega Bergamo ha fatto del bilancio del PD nazionale:

1) le spese per viaggi e pernotti sono legate alle esigenze organizzative di un grande partito presente sul territorio con oltre seimila circoli, che ogni anno organizza centinaia di iniziative alle quali partecipano i dirigenti nazionali del Pd. Poiché quasi tutti i membri della segreteria nazionale e buona parte dei responsabili dei forum tematici non sono parlamentari, i relativi costi di trasporto aereo e ferroviario (nonché quelle di alloggio e vitto, nei limiti definiti dai nostri regolamenti interni) sono a carico del Pd nazionale;

2) tutte le sedi del Pd nazionale sono in affitto. I relativi canoni rispecchiano gli (elevati) livelli di mercato degli immobili adibiti ad ufficio nel centro di Roma e la necessità di assicurare spazi per chi lavora o svolge funzioni politiche nel Pd nazionale;

3) i dipendenti e i collaboratori del Pd ammontano, a fine 2010 (ultimo rendiconto approvato), a 202 unità. E' un livello nettamente inferiore al numero di dipendenti e collaboratori di DS e Margherita a fine 2007 (330 unità complessive) e neanche lontanamente paragonabile alla dimensione degli apparati dei partiti della cosiddetta Prima Repubblica (la Federazione provinciale PCI di Firenze aveva da sola 150 dipendenti...). Le spese per le consulenze comprendono, come è specificato nel bilancio, anche i compensi per i 12 collaboratori;

4) per quanto riguarda le iniziative organizzate dal Pd nazionale, invito i lettori di Bergamonews a leggere il lungo e dettagliato elenco riportato nella Relazione del Tesoriere da pagina 8 a pagina 10.

Rinvio, per tutti gli approfondimenti del caso, alla sezione Internet del Pd nazionale dedicata alla trasparenza e al bilancio: http://www.partitodemocratico.it/speciale/trasparenza/bilancio.htm

Ricordo che il Pd nazionale sin dalla fondazione ha sottoposto - unico partito in Italia - il proprio bilancio alla revisione e alla certificazione di una primaria società internazionale (PriceWaterHouse Coopers, la stessa che certifica il bilancio della Banca d'Italia). Dal 2012 abbiamo esteso la revisione e la certificazione anche ai bilanci delle strutture regionali Pd.

Ringrazio, naturalmente, i solerti analisti di Micromega Bergamo per il loro lavoro.

Augurandomi (invano, temo...) che analoga attenzione e analisi venga riservata ai bilanci degli altri partiti politici.

Cordiali saluti.

Antonio Misiani

Tesoriere nazionale Pd

Commenti

MAURIZIO:
1. I Ds, come tutti i partiti, ricevono un rimborso elettorare illegittimo 2. I Ds hanno un patrimonio immobiliare stimato in 1 miliardo e 200 milioni di euro, ma è un attacco al partito chiedere come lo hanno costituito e se hanno pagato le imposte sulle attività commerciali con le quali lo hanno costituito 3. I Ds condividono con altri partiti la responsabilità di avere fatto fallire l'Italia con 2.000 miliardi di euro di debito pubblico. 4. I Ds, insieme agli altri partiti, hanno occupato ogni cm quadrato delle istituzioni. Nulla si può fare in Italia senza il permesso della politica. Dovrete rispondere alla Nazione, nessuno di voi escluso.

MAURIZIO:
Quando questa gente sarà politicamente sparita, dovremo andare a requisire il patrimonio di tutti i partiti che è stato accumulato con i denari pubblici, separarlo da quello accumulato con denari privati, e restituire il primo allo Stato.

MAURIZIO:
Non odiamo questa gente. Non meritano nemmeno questo. La loro rabbia e le pietose scuse dietro le quali si nascondono mostrano solo il loro inglorioso viale del tramonto. Senza i soldi pubblici questa gente non è in grado di guadagnare nemmeno il necessariio per comprare l'acqua da bere. Noi siamo felici e sereni.

MAURIZIO:
L'arroganza dei politici, in questo caso dei Ds- PD, è davvero comica. Hanno un miliardo e 200 milioni di euro in beni immobili più un pò di terreni. Se il tesoriere non dichiara come hanno accumulato questa cifra, ma fanno generici riferimenti alle feste dell'Unità e tu rispondi che non è una spiegazione sufficiente, iniziano a insultare non solo te, ma anche la tua famiglia. In 50 anni, per accumulare un miliardo e 200 milioni occorre incassare 24 milioni di euro all'anno dalle feste dell'unità e dalle donazioni. Se però su almeno una parte di questi 24 milioni devi pagarci le tasse (sono forse esentasse le feste dell'Unità? Se si, perchè?), va da sè che la cifra è maggiore.

Lorenzo:
Dopo di che con lo stesso ragionamento sequestriamo gli oratori, le sedi dell'avis ecc ecc.e le case di chiunque non sia in grado di di mostrare gli incassi di 50 anni fa e di tirar fuori gli scontrini , anche se allora non esistevano. Per una persona che ha partecipato a questi sacrifici , incluse successive manutenzioni fatte con le proprie mani lei è davvero irritante

MAURIZIO:
Insistete ancora con gli scontrini. Fate finta di non capire e insultate. Ma non vi salverete. 1. il partito dovrebbe dichiarare che tutti gli immobili sono stati acquistati con i proventi delle feste dell'unità o con donazioni priovate. Lo ha dichiarato? No. 2. Dovete dichiarare se i proventi delle feste dell'Unità sono stati tassati. Lo avete dichiatato? No. 3. Dovete dire perchè con 3.000 immobili del valore di 1 miliardo e 200 milioni di proprietà immobiliari chiedete il finanziamento pubblico e perchè spendete 3 milioni di euro di soldi pubblici per la sola vostra sede romana. Lo avete detto? No. Ecco, allora i suoi scontrini se li può tenere. Avrete scontri molto più forti, mi creda.

Lorenzo:
Nel mio intervento non c'è un insulto, nel suo minacce . Lei sta arrogantemente enumerando una quantità di stupidaggini incredibile, sia dal punto di vista legale che sostanziale . Non sono un politico ma un'iscritto , tra quelli come tanti che hanno contribuito totalmente in proprio ad una sede utilizzata gratuitamente anche da giovani ed organizzazioni sociali esterne. Per usare il suo linguaggio dovrei risponderle “Venga ad avere scontri molto più forti ,la aspettimo” , ma non lo dico perché sono una persona civile. Veda di darsi una calmata e pensi maggiormente alle SUE di responsabilità che come quelle di molti elettori italiani sicuramente sono TANTE.

MAURIZIO:
Stiamo già tremando dalla paura. State intrecciando da voi stessi la corda che vi strozzerà. Quindi, non abbiamo nessun bisogno di essere violenti come voi. Anche perchè non lo siamo per nostra natura.

Alberto:
Questi burocrati mantenuti dalle nostre tasse non hanno ancora capito niente di che aria tira qui in basso. Dovete fare solo una cosa: tagliare. E non solo i finanziamenti illegali ai partiti (il rispetto dell'esito del referendum per voi è un optional), ma anche tutti quegli scandalosi megastipendi da 5 zeri che girano a iosa negli apparati statali (il barbiere di Montecitorio in primis).

omero:
E' vero, va molto di moda sparare nel mucchio. In modo particolare quando si devono nascondere "marachelle" del partito che si è fin ora votato. Si tende a mettere tutti sullo stesso piano. Ci sono partiti che da sempre hanno fatto della politica una missione (utilizzando certo i soldi pubblici) altri partiti che invece e sempre con i soldi pubblici, ne hanno combinate di ogni. Ci sono partiti che hanno elaborato politiche in difesa dei ceti meno fortunati, altri che invece hanno usato la politica per i loro interessi personali.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram