• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
30 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 15:21
Argomento: 
Verde sbiadito
Ha lasciato dietro di sé una lunga scia di polemiche la 14esima edizione del concorso di bellezza padano. Su internet molta ironia, dopo le losche vicende che hanno riguardato la Lega nei mesi scorsi, mentre è quasi impossibile trovare informazioni sul concorso.

Miss Padania 2012
è Serena Bignami,
tra sfottò e mistero

Versione stampabileSend by email

Ha lasciato dietro di sé una lunga scia di polemiche la 14ima edizione di Miss Padania. Il concorso di bellezza ha visto trionfare Serena Bignami, giovanissima di soli 20 anni, nata a Vizzolo Predabissi e attualmente residente a Lodi Vecchio. Iscritta al concorso dalla madre, studia Scienze linguistiche e letterature straniere, è nata il 5 Agosto, è alta 1.70m e ama viaggiare. Nella presentazione del concorso dice di “avere delle capacità”, ma non le specifica, e “vorrebbe dimostrare quello che sa fare”. La giovane però non è stata autorizzata a rilasciare interviste, dopo che l’anno scorso fecero scandalo le parole della bergamasca Jessica Brugali, la vincitrice che attaccò i meridionali (“Non è giusto che partecipino i terroni a Miss Padania. Noi del Nord siamo meno lazzaroni” in un’intervista del quotidiano Il Giornale).

Ma la polemica quest’anno investe direttamente il partito del Carroccio, soprattutto dopo le losche vicende dei mesi scorsi. Sui social network si legge: La Padania non esiste, quindi di che fascia stiamo parlando? Questo è quello che in tanti si stanno chiedendo. Come può esserci ancora un concorso di bellezza su località del tutto inventate? “Domani su Italia 1 Miss Paperopoli” ironizza qualcuno. Un Concorso, con tanto di giuria (e Jo Squillo in prima linea) e 87 aspiranti Miss nelle fasi eliminatorie e 24 nella Finalissima, che è stato presentato da Marco Columbro. Chissà quali fossero gli animi degli organizzatori dopo i recenti scandali nella Lega, polverone alzato inizialmente dall’autista di Renzo Bossi, Alessandro Marmello. Lauree, diplomi, Porsche, tutti lussi a spese degli elettori, coi soldi del finanziamento pubblico ai partiti.

Confusione nella ricerca di notizie su Miss Padania, difficilissimo è stato addirittura rintracciare il nome della vincitrice, Serena Bignami. Miss Milano Cinema è invece Claudia Spadaccini. Tra balletti e canzoni, si è distinto anche il comico Pucci con l’immancabile satira sulla differenza Nord-Sud. All’indomani della finalissima sulla pagina Facebook del Concorso si trova solo una frase di ringraziamenti (di circostanza) su Miss Padania 2012. Sul sito ufficiale della manifestazione neppure quella: in primissima pagina c’è soltanto il promo della Finalissima su Rete 4. Impossibile rintracciare i dati auditel di Miss Padania che non vengono riportati dai principali mezzi d’informazione sul web.

Le critiche si fanno ancora più pesanti su Twitter, dove gli utenti cinguettano ironicamente: “L’anno prossimo mi candido a Mister La Terra di Mezzo 2013″, “Miss Padania, la bellezza dei finanziamenti pubblici”, “Che bello essere Miss di una cosa che non esiste”, “Marco Columbro, mito della mia infanzia, andato completamente distrutto” e “Più guardo Miss Padania più rimpiango le miss italiane”.

Commenti

enrico:
La bellezza non si discute......ma osservo che lo studio delle lingue straniere è cosa importante per la Lega e per fortuna non si ferma allo studio dell'albanese...

Mic:
cosìè successo ? sono riusciti a dividersi anche qui tra "prosperose maroniane" e " procaci bossiane" ??...un partito alla frutta, anzi servite già anche il caffè.

Sergio:
Cosa non farebbero i leghisti pur di conservare i quattro voti dei duri e puri che ancora urlano viva bossi: poi, si sa, di duro e puro bossi probabilmente non ha più nulla già da parecchi anni, a parte quel serafico figlio da lui denominato trota..

Valtellina Libera:
A Merano, quando facevo la naja, c'erano dei Valtellinesi tra i più trugni, che portavano scritto sotto la stupida "VL", ossia "Valtellina Libera": erano bravi ragazzi e facevano, di solito, i conducenti muli (gli "sconci", in linguaggio alpino). Quando gli chiedevi da cosa dovesse essere liberata la Valtellina, rispondevano: boh!?! Però dev'essere libera! E giù un bestemmione. Allora era solo un tormentone da naja, come quello di fare girare le chiavi o di battere la stecca: oggi, è un modo di dare lauree agli analfabeti e denaro a chi non ha mai lavorato...lasciatemi dire che erano meglio i miei "sconci" del Quinto alpini degli sconci di oggi...

Alpino Andrea M...:
Concordo pienamente....io da istruttore di reclute ho addestrato parecchi valtellinesi, insieme a bergamaschi e bresciani.......brava gente, laboriosa e rispettosa, ligia al dovere, anche se un pò testardi. Fa ribrezzo che qualcuno abbia strumentalizzato la bontà altrui per raccontare un sacco di fregnacce. Però attenzione: con la stessa velocità con cui hanno creduto.. ti scaricano

mario59:
a seguire i tuoi ragionamenti qualcuno potrebbe anche sostenere che non esiste neanche la lombardia e vuole bergamo libera....prope üna bela manega de pipòc... L'Italia che ti piaccia o meno esiste, ed è riconosciuta in tutto il mondo...la padania non c'è nemmeno sul gioco del monopoli.

Giovanni:
L'Italia esiste. Andate a pagare l'IMU e vi accorgerete come sia concreta l'esistenza dello stato: PURTROPPO.... Padania Libera!

papano vero:
Complimenti ! Battiti per i tuoi ideali ! E' giusto lottare per la papania libera, cosi si potra' garantire al povero trota ben piu' dei 5000 al mese che ha rubato fino ad ora ! Poi c'e' la Tanzania da far crescere e i diamanti da vendere ! W il senatur !

Sergio:
studia e ti accorgerai che l'italia esiste ed è stata infestata ed amministrata da circa vent'anni da politici lombardi, che si sono celati dietro il nome di padani per spremere denaro italiano in gran parte proveniente dalla lombardia...dunque, hai ragione su di un punto: lombardia libera da pseudo speculatori padani

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram