• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
21 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 21:02
Argomento: 
Mr. Gadget
Una delle novità è sostanziale: forse sarà davvero il passo in avanti necessario per avere smartphones migliori: Jelly Bean introduce un nuovo modo per utilizzare il processore del telefono

Jelly Bean, risposta Google
al sistema operativo
i0s6 di Apple

Versione stampabileSend by email

Sono passati pochi giorni dalla presentazione ufficiale del nuovo sistema operativo per dispositivi mobili di Apple, iOs6, ed ecco arrivare la risposta di Google: durante la conferenza degli sviluppatori di San Francisco, è stato lanciato Jelly Bean, il nuovo passaggio del colosso di Mountain View nel mondo Android.

Non vi nascondo che la cosa è abbastanza sorprendente per due motivi: ICS (Ice cream Sandwich), la versione precedente, oggi è installata solo sul 7% dei dispositivi in circolazione, praticamente nulla. Solo in questi giorni gli sviluppatori stanno mettendo a punto le versioni di molti telefonini già in circolazione. Alcuni telefoni in circolazione da alcuni mesi, ancora non sono stati aggiornati alla versione 4.0.

Ecco perché risulta strano che prima ancora che la versione 4.0 si sia diffusa ed assestata, arrivi già la versione 4.1 con un numero di modifiche relativamente contenuto.

Una delle novità però è sostanziale, forse sarà davvero il passo in avanti necessario per avere smartphones migliori: Jelly Bean introduce un nuovo modo per utilizzare il processore del telefono, con una gestione migliore delle risorse che dovrebbe drasticamente ridurre i consumi di batteria.

Il condizionale è d'obbligo. La maggior potenza con minor consumo si abbina ad una gestione più efficiente dei tocchi del touch screen, ad una più facile gestione della compatibilità delle lingue internazionali e una zona delle modifiche totalmente rinnovata.

Le foto dei contatti in rubrica saranno ad alta definizione, la qual cosa permetterà di avere immagini nitide dei chiamanti che abbiamo in rubrica. E' un dettaglio, ma molti utenti lo chiedevano da tempo a Google. Migliorerà molto la trasmissione senza fili, tra apparati android diversi, dei files quali musica e video, con buona pace dei controlli antipirateria. In pratica sarà facilissimo mandare una canzone ad un amico, semplicemente facendo sfiorare i telefoni.

Ci sarà una fotocamera migliore, ma soprattutto ci saranno i comandi vocali offline, non servirà connettersi ad internet per poter far decodificare la propria voce. in più, viene introdotto google now, una sorta di assistente virtuale che imparerà le nostre abitudini e ci darà molti istruzioni utili per la nostra giornata. Ad esempio, se fossimo a Milano e fissassimo un appuntamento a Torino, ci avviserebbe se dopo una certa ora non ci fossimo avviati verso il capoluogo torinese. In pratica, la risposta ad aAple e alla sua "Siri".

Dalla fine di luglio il nuovo sistema sarà già disponibile su molti nuovi apparati, ma se avete un Galaxy Nexus o un Nexus s potete già provare a giocare grazie ai software non ufficiali. Come sempre, a vostro rischio e pericolo.

Luca Viscardi

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram