• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
02 Settembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 07:32
Argomento: 
A roma
La 66ª edizione del Premio Strega è stata vinta dallo scrittore romano Alessandro Piperno con il libro "Inseparabili" che ha raccolto 126 preferenze dai amici della domenica e dai 60 lettori forti.

Alessandro Piperno
vince il Premio Strega

Versione stampabileSend by email

Il duello di giovedì sera al Premio Strega è stato appassionate come il finale di un avvincente romanzo. Una lotta all'ultima scheda. Con due soli voti di vantaggio (126 in tutto) Alessandro Piperno, autore di "Inseparabili", seconda parte del dittico "Il fuoco amico dei ricordi", (pubblicato da Mondadori) ha vinto la 66ª edizione del Premio Strega.

Anche se il più ambito riconoscimento letterario italiano, fondato nel 1947 da Guido Alberti e Maria Bellonci, ormai è un terreno di confronto per le grandi casi editrici. Piperno era il finalista nella cinquina che vedeva Emanuele Trevi e il suo "Qualcosa di scritto" (Ponte alle Grazie, marchio Gems), che ha conquistato il secondo posto con 124 preferenze; a Gianrico Carofiglio, autore de "Il silenzio dell'onda" (Rizzoli), ha raccolto 119 voti, mentre a Marcello Fois con "Nel tempo di mezzo" (Einaudi) sono andati 48 voti, e Lorenza Ghinelli con "La colpa" (Newton Compton) ha raccolto appena 16 preferenza.

La serata che ha radunato i quattrocento amici della domenica e i 60 lettori forti (il vero corpo elettorale dello Strega) al Ninfeo di Villa Giulia a Roma è stata contrassegnata dalla lotta tra tre grandi gruppi editoriali: Gems, Rizzoli e Mondadori. Erano presenti in platea l'ex ministro Giulio Tremonti, Dacia Maraini, Ettore Scola, Citto Maselli, Alberto Bevilacqua, Cesare Romiti, Francesco Rutelli, Carlo e Marina Ripa di Meana, Fabrizio Gifuni e Inge Feltrinelli.

Il romanzo di Piperno segue l'evoluzione di una famiglia su cui pesa il trauma di un padre ingiustamente accusato di pedofilia. Il passato, la storia di un medico rovinato dalle accuse di una ragazzina dalla mente perversa, incapace di reagire alla vergogna, appartiene a Persecuzione, primo romanzo del dittico, uscito nel 2010. In Inseparabili seguiamo la vita dei fratelli Filippo e Samuel Pontecorvo, ragazzi a cui è stata rubata l'infanzia e oggi adulti agli opposti di un mondo comunque feroce, nevrotico, ossessivo e in cui, a vincere, sembra essere il caso.

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram