• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
29 Luglio 2014 - Ultimo aggiornamento: 17:45
Argomento: 
Paladina
L’amministrazione ha deciso di pagare un avvocato per difendersi al tribunale amministrativo di Brescia contro il ricorso di una mamma a cui era stato obbligato di togliere l’immagine di una chitarra dalla lapide del figlio.

Una chitarra sulla lapide
Il Comune si oppone,
la madre vince il ricorso

Versione stampabileSend by email

Ci sono molti modi per spendere i soldi pubblici, specialmente in un momento di crisi economica. A Paladina l’amministrazione ha deciso di pagare un avvocato per difendersi al tribunale amministrativo di Brescia contro il ricorso di una mamma a cui era stato obbligato di togliere l’immagine di una chitarra dalla lapide del figlio (foto a sinistra di Repubblica.it). Era l’ultimo desiderio di Gianbattista Masper, musicista, morto nel 2011 a 49 anni a causa di una malattia: sulla lapide voleva qualcosa per ricordare la sua passione per la musica. La compagna e i familiari hanno deciso di incidere una semplice chitarra. A quattro mesi dalla sua morte, quando ancora il ricordo è vivo tra i parenti più stretti, arriva la comunicazione shock da parte dell’addetto comunale. Il disegno non è autorizzato dal regolamento comunale, quindi la chitarra va tolta. La famiglia prova a rivolgersi in Comune per trovare una soluzione, ma l’amministrazione è inflessibile: la lapide va cambiata. La mamma del musicista decide quindi di ricorrere al Tar, che le dà ragione. Il Comune ha perso il ricorso pagando anche un avvocato con i soldi pubblici per far rispettare il regolamento comunale. “Appare ragionevole ritenere che il Comune sia incorso in un eccesso di potere laddove ha ritenuto che – si legge nella sentenza -, nella riproduzione sulla lapide, il previsto portafiori stilizzato non potesse avere la forma di una chitarra”. E l’indignazione nei confronti del sindaco e dell’amministrazione corre anche sul web, dove centinaia di persone hanno criticato l’inflessibilità del primo cittadino Oscar Locatelli. Che non è deciso a mollare la presa. Vuole consultare il segretario comunale per vedere se ci sono gli estremi per far rispettare a tutti i costi il regolamento. 

Commenti

Luca:
Ciao sono un padre che due anni fa a perso un figlio in un incidente il comune ci fa togliere la lapide perché nera anche se per religione i ragazzi russi vengono sepolti sempre con lapidi nera abbiamo provato a parlare con il sindaco ma non ci da una soluzione l'unica e spostare la tomba in un altro punto del cimitero anche se non capisco cosa cambia

Moky:
Sono senza parole. La musica fa parte della vita e ci accompagna anche nell'ultimo viaggio. Perchè ritenere non consono un portafiori a forma di chitarra?? Ma poi, io mi chiedo, ma chi è quella persona che è andata a lamentarsi di questa cosa?? Non ha altro da fare nella vita?? Persone strane che si aggirano nei cimiteri...

des:
Giamba ha fatto una morte orrenda come tutti quelli che muoiono di cancro. una morte che distrugge anche chi gli sta accanto. Invece di cominciare a domandarsi perchè in questo schifo di posto il cancro sta facendo una strage senza precedenti e cercare di dare delle risposte alla gente, il problema della politica paesana è una chitarra sulla lapide. Manco fosse il busto di Satana. Ormai non è più nemmeno una questione di parte, è una questione di cultura, che a Bergamo e provincia rimarrà questa per sempre.

MARILENA:
AL SINDACO chiedo lei non ha mai provato un simile dolore??? le auguro MAI !!!!! e poi oltre al risarcimento CHIEDA SCUSA!!!!!!!!!!!!

fabri667:
In quel comune le amministrazioni sono state brave a "buttare via soldi". Vedi cementificio ....

cittadino bergamasco:
non bastavano i politici di roma ora ci si mettono anche quelli di paese. VERGOGNATEVI. Siete sempre più lontani dal popolo, dal Cittadino. ANDATEVENE.

Luciano Avogadri:
Mettigli il cappello in testa, e si sentirà un capostazione. E per far sentire la sua presenza dovrà costruire ostacoli invece che aiutare il Cittadino. Sembra l'epigrafe da mettere a certi "Servitori dello Stato".

Simone da Sorisole:
è affatto sostenibile. Non contrasta col decoro, né con l'estetica generale. Dai Sindaco, 'sta volta devi applicare il buon senso anche se di discosta lievemente dal tuo Regolamento: usa il tuo potere di deroga!

giulietta:
Penso che sia giusto rispettare la volontà del musicista di mettere sulla lapide il disegno della chitarra,che che sono la sua passione per la musica.La musica,la poesia ,l'arte rappresentano la massima espressione della creatività,Solo chi ha uno spirito libero da qualsiasi pregiudizio può comprenderne l'importanza.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram