• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
24 Ottobre 2014 - Ultimo aggiornamento: 16:37
Argomento: 
La graduatoria
La graduatoria dei migliori ospedali d’Italia, stilata in base a degli indicatori di esito dell’Agenzia sanitaria delle Regioni, ha messo in luce l’eccellenza lombarda con 6 strutture nella top ten: tra queste, però, nessuna bergamasca.

Sei ospedali lombardi
tra i migliori d’Italia
Ma Bergamo resta fuori

Versione stampabileSend by email

Nonostante gli scandali da cui è stato investito e i debiti, il San Raffaele di Milano rimane il miglior ospedale italiano per qualità delle cure: a dirlo è un indagine Agenas, l’agenzia nazionale per i servizi sanitari delle Regioni, che ha pubblicato la ricerca sugli esiti dell’attività sanitaria del 2012 basata sulle schede di dimissione.

Un’eccellenza che resiste quella della struttura ospedaliera milanese, fiore all’occhiello di una sanità lombarda che piazza altri 5 ospedali nei primi 10 migliori d’Italia: al secondo posto gli Spedali Civili di Brescia, al quarto l’A. Manzoni di Lecco, al sesto la Poliambulanza di Brescia, al settimo il Fornaroli di Magenta e all’ottavo il Niguarda di Milano. Nella top ten nessuna menzione, invece, per le strutture ospedaliere di Bergamo.

I 1.440 ospedali pubblici e convenzionati italiani sono stati classificati in base a una quarantina di indicatori significativi per stabilirne la qualità delle cure. L’Agenas ha stilato una classifica per Regioni e la migliore è risultata la Toscana, con il 23,32% delle strutture sopra la media.

Toscana seguita da Valle d’Aosta, dalle province autonome di Bolzano e Trento, dall’Emilia Romagna, dal Piemonte e dalla Lombardia.

Tra le Regioni più in difficoltà quelle del centro e del sud, con Lazio, Molise Calabria, Sicilia e, soprattutto, Campania che fanno registrare risultati non adeguati: cinque tra le 10 strutture peggiori d’Italia sono in Campania dove è emblematico il caso del Federico II di Napoli, passato da eccellenza a “caso” in pochi anni.

Commenti

cittadino:
se facesero la classifica quando piove, sicuramente siamo i primi.....a raccogliere l'acqua che entra.....VERGOGNA!!!!!

makio:
prendiamom esempio dal Veneto con l'interezzamento di zaia, visite ed esami diagnostici da fare anche nel pomeriggio la sera di notte, solo così si trasforma la sanità,

camilla:
NON VOGLIO NE DIFENDERE NE ACCUSARE NELL' OSPEDALE DI BERGAMO LAVORANO TANTISSIME PERSONE CHE DAVVERO SI IMPEGNANO OLTRE IL DOVUTO MA LA POLITICA LA BUROCRAZIA REMA CONTRO DI LORO A DISCAPITO DEI PAZIENTI.

Katy Leporatti:
Se questa è una classifica stilata da esperti mi piacerebbe sapere quali sono i parametri: abito in Toscana, e posso rendere testimonianza che le cose non stanno esattamente così, direi proprio il contrario, perciò i conti non tornano.

Giorgio:
I criteri sono spiegati nell'articolo (la scheda di dimissione) . I pratica qualcosa che assomiglia all'esito.

Mark:
Inviterei gli esperti(ciellini e non) ad attendere la classifica relativa al 2013.Il lasso di tempo cui si riferisce quella appena pubblicata é il 2012.L'ospedale ha ufficialmente aperto nel dicembre 2012 e pertanto non poteva partecipare a questa graduatoria.Inoltre non era ancora a pieno regime.Mi pare un po' prematuro e troppo soggettivo dare giudizi ora.Non difendo ne cielle ne chi é contro,i conti si fanno alla fine.

Eugenio:
Statistica che qualcosa significa ma con grandi limiti . Un ospedale superspecializzato su determinati problemi che proprio per questo accoglie i casi più difficili e complessi è improbabile che possa comparire tra i primi in una statistica sull'esito . Ospedali che fanno soprattutto cose molto normali tendono invece a primeggiare.

dark:
Non mi sembra una faccenda troppo complessa. Per i ciellini Bergamo è il meglio degli ospedali, per gli altri umani, compresi quelli che hanno stilato la classifica, non è cos.

Laura:
Non credo che uno di sinistra, nel caso di bisogno, scarti l'ipotesi del nuovo ospedale di Bergamo, per ideologia politica o per partito preso. Anzi, ho sempre sentito dire il contrario: se si può, se si fa in tempo, meglio recarsi al "maggiore" che non a quelli dei paesi (Alzano, Calcinate, etc...)

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram