• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
23 Aprile 2014 - Ultimo aggiornamento: 20:11
Argomento: 
Dopo la tragedia
Il diciannovenne Marco Alecci ritrovato morto dopo essere scomparso nel nulla sul treno che lo riportava a casa da una vacanza in Puglia. Sconfortati gli amici: “Tutto così inspiegabile. Ci mancherai tanto”

Romano sotto choc:
“Non può essere vero,
addio grande Alec”

Versione stampabileSend by email

Romano è sotto choc per la drammatica morte di Marco Alecci. Il diciannovenne è stato ritrovato morto dopo essere scomparso nel nulla sul treno che lo riportava a casa tornando da una vacanza in Puglia con alcuni amici. Secondo alcune testimonianze il giovane avrebbe avuto un attacco di panico a causa di una porta del treno che non si apriva. Anche un controllore aveva cercato di calmarlo, ma senza alcun esito, perché Marco poco dopo ha fatto perdere le proprie tracce fino a lunedì pomeriggio, quando è stato trovato cadavere.

Un ragazzo tranquillo come tanti, che frequentava l’oratorio e si era appena diplomato al Liceo Scientifico Galileo Galilei di Caravaggio. Viveva con la mamma e il papà, entrambi medici, e una sorella più piccola, in una casa vicino alla chiesa dei Cappuccini. Alec, questo il suo simpatico soprannome, era molto ben voluto nella cittadina della Bassa, come testimoniano i numerosi messaggi d’affetto lasciati sulla sua bacheca: “Non può essere, non può essere! Alec cosa é successo! Sono lontana da Romano, vorrei stare vicino a Chiara, a tua mamma o a tua papà ma non posso. Ho voglia di prendere il primo aereo e tornare a casa. Ho bisogno di persone con cui parlare, non riesco a respirare, non riesco. Non può essere! no, no Alec no”, le parole piene di rabbia e di dolore dell’amica Valentina. “Mi avevi detto che presto mi venivi a trovare. Non mi puoi venire a trovare più, che tristezza”, aggiunge Gabriele. E poi un lungo e struggente messaggio dell'amica d'infanzia, Eleonora: "Nessuno se lo sarebbe aspettato, proprio nessuno! Tu, Marco Alecci una delle persone più intelligenti che io abbia mai conosciuto, fin da piccolo con la tua mega parlantina. Abbiamo trascorso un pezzo della nostra vita insieme: da piccoli a casa di Fra, all'asilo, all'elementari e un pezzo delle medie. Poi dal Liceo abbiamo preso tutti strade diverse perdendoci di vista. Ti vedevo ogni tanto passeggiare per Romano, ma non c'era più quella confidenza innocente di quando eravamo piccoli. La vita é imprevedibile, ma questo? Cerca di proteggere i tuoi cari, penso che in questo momento ne abbiano davvero bisogno! Ciao Marco, un saluto dal profondo del cuore da tutti noi!"

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram