• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
20 Aprile 2014 - Ultimo aggiornamento: 20:04
Argomento: 
Si dice che...
Sabato 10 giugno il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, ufficializzerà le nuove nomine di alcuni parroci e curati della diocesi. Ma in Curia si sarebbe scatenata una guerra di veti dopo le prime indiscrezioni. Intanto si dice che...

Malumori in Curia
dopo le indiscrezioni
sulle nomine dei parroci

Versione stampabileSend by email

Mercoledì 13 giugno presieduta dal vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, sì svolgerà l’assemblea di tutto il clero bergamasco, che verterà pincipalmente sul tema delle Unità Pastorali, e contestualmente verrà presentato il prossimo calendario pastorale. Forse sarà l’occasione per ritornare sulle nomine dei nuovi parroci e curati della diocesi.

A seguito però di alcune indiscrezioni pubblicate da Bergamonews pare sia alto il malumore tra i preti stessi, così come  negli uffici della Curia sia nata una serie di veti e contrapposizioni. Sembra, per esempio, che don Gian Luca Marchetti, attuale archivista e cancelliere della Curia, nonchè  rettore dell’Abbazia di Sant’Egidio, non sapesse di dover lasciare in tutta fretta l’abbazia cara a Padre Turoldo a favore di monsignor Attilio Bianchi, parroco di Santa Lucia in città.

Un episodio che avrebbe dato vita a maldipancia tra il vescovo e alcuni sacerdoti interessati alle nuove nomine, chiamati al rigoroso silenzio per rispetto del voto di obbedienza verso la Chiesa.

Veti incrociati e scambi di vedute che vedrebbero come gran paciere l’intervento diplomatico di monsignor Davide Pelucchi, attuale vicario generale. C’è da evidenziare che tra le agognate nomine in atto, alcune sono di importanti parrocchie tra cui Gazzaniga, Grassobbio, Vertova e soprattutto Clusone, che vede le dimissioni dell’arciprete monsignor Giacomo Panfilo, per raggiunti limiti di età.

Pare che per la parrocchia più importante dell’alto piano di Clusone sia in lizza monsignor Tarcisio Tironi, già parroco di Romano di Lombardia. Per la parrocchia della cittadina della Bassa Bergamasca nelle intenzioni del vescovo pare ci sia monsignor Lino Casati, anch'egli delegato vescovile e professore in seminario.

Dato in partenza dal Centro missionario diocesano ci sarebbe anche don Giambattista Boffi e la nomina a parroco di Grassobbio di don Manuel Beghini, che organizzò  l’ingresso del vescovo in terrà bergamasca. Anche se il condizionale nelle ultime ore è diventato d’obbligo nelle sacre stanze dell’episcopio bergamasco, che si trova a dover gestire 870 preti per 389 parrocchie. Tutto per mettere a tacere e sviare le indiscrezioni.

 

Commenti

Spia:
Anche il grande don Michele Cortinovis viene messo in castigo in una parrocchietta ... In Ambria invece chi viene?

Sergio:
soprattutto mons. Attilio Bianchi, che io vedrei come vescovo e non come semplice rettore di una ex abazia abbandonata da tutti. evidentemente il suo modo di far pascolare le pecore in sintonia evangelica, soprattutto moderna, non piace ha chi nella Chiesa di potere terreno vuole solo pascoli di obbedienza allo stesso potere..

nonneintendo:
L'abbazia cara a Turoldo è stata abbandonata da tutti perchè levata alla comunità di Emmaus dopo la morte del poeta?

bari.centro:
c'è sempre l'alternativa della ghigliottina? Wow!! Io preferisco dar contribuiti di lana doc....senza "tosature" totali.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram