• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
22 Agosto 2014 - Ultimo aggiornamento: 07:08
Argomento: 
Si dice che...
Sabato 10 giugno il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, ufficializzerà le nuove nomine di alcuni parroci e curati della diocesi. Ma in Curia si sarebbe scatenata una guerra di veti dopo le prime indiscrezioni. Intanto si dice che...

Malumori in Curia
dopo le indiscrezioni
sulle nomine dei parroci

Versione stampabileSend by email

Mercoledì 13 giugno presieduta dal vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, sì svolgerà l’assemblea di tutto il clero bergamasco, che verterà pincipalmente sul tema delle Unità Pastorali, e contestualmente verrà presentato il prossimo calendario pastorale. Forse sarà l’occasione per ritornare sulle nomine dei nuovi parroci e curati della diocesi.

A seguito però di alcune indiscrezioni pubblicate da Bergamonews pare sia alto il malumore tra i preti stessi, così come  negli uffici della Curia sia nata una serie di veti e contrapposizioni. Sembra, per esempio, che don Gian Luca Marchetti, attuale archivista e cancelliere della Curia, nonchè  rettore dell’Abbazia di Sant’Egidio, non sapesse di dover lasciare in tutta fretta l’abbazia cara a Padre Turoldo a favore di monsignor Attilio Bianchi, parroco di Santa Lucia in città.

Un episodio che avrebbe dato vita a maldipancia tra il vescovo e alcuni sacerdoti interessati alle nuove nomine, chiamati al rigoroso silenzio per rispetto del voto di obbedienza verso la Chiesa.

Veti incrociati e scambi di vedute che vedrebbero come gran paciere l’intervento diplomatico di monsignor Davide Pelucchi, attuale vicario generale. C’è da evidenziare che tra le agognate nomine in atto, alcune sono di importanti parrocchie tra cui Gazzaniga, Grassobbio, Vertova e soprattutto Clusone, che vede le dimissioni dell’arciprete monsignor Giacomo Panfilo, per raggiunti limiti di età.

Pare che per la parrocchia più importante dell’alto piano di Clusone sia in lizza monsignor Tarcisio Tironi, già parroco di Romano di Lombardia. Per la parrocchia della cittadina della Bassa Bergamasca nelle intenzioni del vescovo pare ci sia monsignor Lino Casati, anch'egli delegato vescovile e professore in seminario.

Dato in partenza dal Centro missionario diocesano ci sarebbe anche don Giambattista Boffi e la nomina a parroco di Grassobbio di don Manuel Beghini, che organizzò  l’ingresso del vescovo in terrà bergamasca. Anche se il condizionale nelle ultime ore è diventato d’obbligo nelle sacre stanze dell’episcopio bergamasco, che si trova a dover gestire 870 preti per 389 parrocchie. Tutto per mettere a tacere e sviare le indiscrezioni.

 

Commenti

Marco:
E Don Angelo del Santuario di Borgo Santa Carerina dove lo spostano? E' diversi anni che regge il santuario. E' anche vero che la responsabilità di una parrocchia può essere un basto troppo pesante per taluni.

piero:
Non capisco come un parroco(don Manuel Beghini) cosi capace nella pastorale, attento nei bisogni della gente, realmente impegnato nella creazione di servizi per la comunità . HA realizzato la prima scuola dell’infanzia di classe A+ nella Lombardia al momento unica . HA organizzato l’ingresso del vescovo Francesco nella diocesi di pergamo. HA raccolto finanziamenti dalla regione e dalla provincia. Cosa altro aggiungere è un prete di tripla AAA. Si scrive sul vostro sito che gli verrà assegna la parrocchietta di Grassobbio spero che non sia cosi. E veramente poca cosa per le capacita dimostrate. PG

Trainor:
Don Gianluca marchetti se ne va da Fontanella? Peccato! Grazie per quello che ci hai dato. In bocca al lupo!

Eugenio:
Aldilà che i preti si fermano normalmente 8 e dico 8 anni in una parrocchia. Io vorrei tanto che alcuni preti che hanno incarichi in alcuni ambiti solo perché persone consacrate e non per meriti di alcun tipo andassero a fare i preti davvero. Cioè in parrocchie, a contatto con la gente e con la realtà. E non continuare a essere a volte giudici di cose che nel mondo reale fatto di concorrenza e competenza mai, e ripeto mai, li vedrebbe in posizioni rilevanti. Proprio per la non sufficiente competenza. Sarebbe uno stimolo per tutti.

Ciccio:
Don Gianluca Marchetti non sapeva delle nomine? Me se Conosce tutte le zabettate della diocesi..... Cambiamo i polli che sono in curia. Tutti. Gervasoni avrà anche la testolina ma di pastorale concreta non ha fatto un giorno. Il seminario e governato da un rettore di settant'anni, i direttori degl iutifici di curia fanno quello che vogliono da ven tanni e la chiesa di Bergamo tira a campare. Pulizia!

Matteo:
Il rettore del seminario ha 57 anni. Almeno ci si potrebbe documentare prima di scrivere certe cose. "La chiesa di Bergamo tira a campare" è un commento personale che mi sembra non sia rispettoso del lavoro e dell'impegno di tanti che le dedicano impegno e passione (e non parlo solo di preti, la chiesa non è fatta solo dai preti)

Giuseppe:
La Chiesa è fatta anche di una struttura materiale, e altro non potrebbe essere. Di là dalle indiscrezioni, sostanzialmente gossip per ridurre a ricerca di poltrone quella che è un'attività missionaria, c'è da chiedersi quale conoscenza e competenza abbiano nella delicata materia coloro che ne scrivono e chiacchierano: Sua Eccellenza Monsignor Vescovo è persona di grande cuore, spiccata sensibilità e intelligenza viva, e deve riassestare una struttura che nei decenni trascorsi ha avuto qualche (e non solo qualche) problema gestionale... Vi par poco? Aiutiamolo invece di seminar inciampi!.

mario59:
La crisi economica pare che non abbia nemmeno sfiorato la chiesa di Roma...in compenso gli scandali e le beghe interne si moltiplicano...se esistesse veramente il dio dietro al quale hanno costruito il loro impero e la loro fortuna...con tutto il male che sono stati capaci di fare, e con quello che ancora stanno facendo, li avrebbe già presi a calci nel sedere da chissà quanti secoli. Purtroppo finchè ci saranno persone che sentono il bisogno di credere che esiste qualcosa di mistico, prima e dopo la morte, le cose non cambieranno mai e loro ne approfitteranno sempre per vivere bene, alle spalle degli altri.

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram