• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
25 Novembre 2014 - Ultimo aggiornamento: 20:13
Argomento: 
Dal ministero
Dei sessanta aeroporti ne rimarranno poco più di una trentina su cui lo Stato punterà con investimenti infrastrutturali, addirittura sette miliardi. Orio punterà sempre più sul traffico low cost internazionale.

Il nuovo piano aeroporti
Orio punterà sempre più
sul low cost internazionale

Versione stampabileSend by email

Piazza pulita dei mini aeroporti. E’ la principale novità del piano per la riorganizzazione degli scali italiani allo studio del ministero dello Sviluppo economico. Dei sessanta aeroporti ne rimarranno poco più di una trentina su cui lo Stato punterà con investimenti infrastrutturali, addirittura sette miliardi. Gli altri rimarranno di competenza degli enti locali, se riusciranno a pagarne le spese. Bergamo è tra gli aeroporti cardine del nuovo piano di sviluppo. Orio punterà sempre più sul traffico low cost internazionale. Malpensa si rafforzerà nel suo ruolo di gate intercontinentale e multivettore. Per Linate è stato invece disegnato un futuro strategico da city airport, al pari di Ciampino, e di snodo privilegiato dalla clientela business diretta in Europa. "Con questo schema definitivo gli investitori avranno la certezza di poter decidere su cosa e quanto investire nel settore - spiega Vito Riggio, presidente dell'Enac - mentre il Paese avrà modo di pensare a quali infrastrutture dovranno servire gli scali più importanti. Tutti gli altri aeroporti - aggiunge - passeranno agli enti locali che decideranno se vorranno impiegare soldi pubblici per tenerli in vita".

Commenti

Daniele:
si poi quelli che si lamentano sono i primi che volano per andare alle maldive!!! siamo nel 2012 cavolo l'aeroporto no lo stadio no ecc... ecc... Intanto a brescia fanno la metropolitana e bergamo sempre peggio!!!

giobatta:
nessuno hai mai fatto un conto del beneficio economico creato da orio in confronto alla perdita di valore immobiliare prodotta nelle aree interessate dallo stesso? ad occhio, la perdita e' di molte decine di milioni di euro. ma lascio il calcolo preciso a chi di competenza: comune, provincia, cam. di commercio, universita', ecc...

usiamo il cervello:
Siamo proprio il paese di Pulcinella. Abbiamo un aeroporto (Montichiari) che non ha problemi ambientali, per il quale si stanno spendendo miliardi per i collegamenti (BREBEMI e Alta Capacità ferroviaria) e qualche genio sta pensando di chiderlo per investire in un aeroporto che è in mezzo alla città, che ha ampiamente superato (il doppio) i limiti stabiliti dallo stesso Ministero, che sta scoppiando solo grazie agli aiuti di stato (vedi Ryanair). Se non sono sprechi questi... Perchè non date notizia che il Ministro Clini ha dichiarato che l'aeroporto di Ciampino (che ha minor traffico e meno problemi di Orio) chiuderà al traffico commerciale?

franz:
2 anni fa hanno deviato la rotta verso azzano e stezzano per non creare problemi ai cittadini di bergamo. Se dovessero decidere di creare una nuova rotta sopra casa sua,sarà contento?

TEO:
Ma tu dove vivi? i voli ti toccano? io sono nato qui e qui vivo da 70 anni e l'aeroporto non esisteva: perchè devo andarmene? E' l'aeroporto che se ne deve andare

Pagine

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

NECROLOGIE

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram