• Oggi
  • Domani
  • Dopo domani
28 Luglio 2014 - Ultimo aggiornamento: 15:30
Argomento: 
Il caso
L’Agenzia delle Entrate ha dato l’ordine, l’Asl di Bergamo ha eseguito e fatto da tramite con i cittadini: circa 7mila pensionati bergamaschi sono stati messi in allarme da una lettera che revoca il diritto all’esenzione del pagamento del ticket.

Bergamo, caos ticket
per 7.000 pensionati
“Dovete pagarlo”

Versione stampabileSend by email

“Secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate appena elaborati da Regione Lombardia, lei non risulta più avere ancora diritto all’esenzione e quindi è tenuto al pagamento del ticket”: immaginate la reazione di un anziano nel vedersi recapitare a casa una lettera che terminava in questo modo.

L’Agenzia delle Entrate ha dato l’ordine, l’Asl di Bergamo ha eseguito e fatto da tramite con i cittadini: circa 7mila pensionati bergamaschi sono stati messi in allarme da una lettera che revoca il diritto all’esenzione del pagamento del ticket.

“Nel corso del 2011 - si legge sempre nella lettera - secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, lei risultava aver diritto all’esenzione da pagamento dei ticket su esami e visite mediche e specialistiche, in base al codice E01, in quanto di età superiore ai 65 anni e con un reddito complessivo familiare riferito al 2009 non superiore ai 36.151,98 euro. Tale esenzione è scaduta il 31 marzo 2012 ed è stata prorogata automaticamente di un anno per tutti coloro che risultano averne ancora diritto, sulla base del 2010”.

Il limite di reddito di 36.151,98 euro a cui si fa riferimento, però, è un dato su base nazionale, più basso di quello lombardo che invece è stato innalzato a un limite di 38.500 euro. Inoltre la lettera è stata inviata anche a chi è senza dichiarazione dei redditi e percepisce la pensione “minima”.

Naturale quindi che i 7mila pensionati, allarmati e arrabbiati, si siano precipitati agli sportelli Asl o li abbiano subissati di telefonate per provare a capire che cosa stesse succedendo.

Il caos burocratico che si è creato è giustificabile con la recente rigidità dell’Agenzia delle Entrate che, in questo modo, voleva colpire chi non presentava nessuna dichiarazione o dichiarava cifre superiori ai limiti per l’esenzione dal ticket: chi ritiene di essere in regola e quindi “di avere ancora diritto – come recita il finale della lettera – è invitato a presentare l’autocertificazione all’Asl”.

Insomma, i pensionati si sono dovuti mettere in moto per un iter che avrebbero volentieri evitato: dopo la prima tappa all’Asl per l’inevitabile richiesta di spiegazioni, passaggio obbligato nei centri di assistenza fiscale per la verifica del reddito e poi nuovamente all’Asl per certificare di essere nei limiti previsti per l’esenzione.

Commenti

GMazz.:
L'Agenzia delle Entrate, prima di inviare quelle lettere dovrebbe anche verificare il patrimonio familiare di quei nominativi e non solo il reddito, solo così il controllo sarebbe equo e nell'interesse di tutti. GMazz.

diversamenteabile:
50 anni d'età 30 anni di lavoro regolare alle dipendenze dal 2007 invalido causa malattia degenerativa rara 260 euro D'IINVALIDITA' 260 X 12 =3120 Euro anno ops scusate dimenticavo altri 260 tredicsima beh totale 3,380 non pago nemmeno l'affitto grazie ITALIA i miei 30 anni di contributi versati dateli ai profughi o ai clandestini eppure sono BERGAMASK vote mia lega ma lè dùr mastropasqua quanto percepisce lei grazie.

Aggiungi un commento

Da non perdere:

Gli addii

#BERGAMO PUBBLICA QUI LE TUE FOTO!

  • Se usi Instagram puoi pubblicare qui su Bergamonews i tuoi scatti.
  • Per farlo inserisci nel testo della foto @bergamonews e verrà inserita qui dentro automaticamente.
@bergamonews instagram